LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma, Palazzo Barberini. Galleria d'Arte antica: il sogno si avvera
Fabio Isman
Il Messaggero 6/9/2010

Il 19 settembre s'inaugura la Pinacoteca.
Finalmente esposti i capolavori tenuti nei depositi: piano terra e primo piano: 24 luoghi di esposizione è la più grande collezione di Caravaggeschi al mondo

La speranza che «tante meravigliose raccolte romane offrano la gloria di formare una galleria degna della Capitale», la volontà di dare «un decoroso collocamento» alla Pinacoteca d'arte antica a Roma: si può dire finalmente? Infatti, sono annunci, rispettivamente, del 1883 e de1 1949: 127 anni ci sono voluti per dotare l'Urbe d'una struttura fondamentale, che qualsiasi Capitale possiede, ma da noi era dimezzata, a scartamento ridotto, sacrificata e in comproprietà. Invece, ora ci siamo: domenica 19 settembre sarà un giorno davvero importante; non torna ma nasce, liberata da tanti orpelli e restaurata, la Galleria nazionale d'Arte antica a Palazzo Barberini, acquistato per la bisogna, appunto 61 anni fa. Nel tempo (ma non troppo), dall'edificio se ne sono andati un custode in pensione e un barbiere che faceva i capelli agli ufficiali (ci avevano casa), l'Ente Premi Roma e il Circolo - s'intende - delle Forze Armate, ora alla Palazzina Savorgnan di Brazzà; «nel 2003, ricordo una barbona che veniva a lavarsi ogni giorno nella fontana dell'atrio», racconta sorridendo la soprintendente Rossella Vodret. Ora, più nulla: a Palazzo Barberini, liberato dai militari quando Alberto Ronchey era ministro, non ci si sposerà più; ci si andrà ad ammirare una delle più formidabili quadrerie del nostro Paese: «Nessuno ha altrettanti Caravaggeschi al mondo», dice la direttrice Anna Lo Bianco. Restaurato tutto il piano terreno, che era Circolo Ufficiali, e cinque sale al piano nobile, il primo: in tutto, diventano 24 luoghi da esposizione, quindi si può cominciare a ragionare. In più, i saloni monumentali, primo quello di Pietro da Cortona. In mostra, e non più nei depositi, tutta la pittura italiana dalle origini appunto fino ai Caravaggeschi; «per il dopo, da Gaulli fino a Canaletto, appuntamento a marzo, quando saranno conclusi i lavori nelle 12 sale al secondo piano, e ci saranno anche, espletate le gare d'appalto, libreria e caffetteria”, continua Vodret. E Anna Lo Bianco: «Così, si sono recuperati dai depositi, per esempio, tre dipinti di Giovanni Bellini e Lorenzo Lotto, due Ritratti virili, e di Raffaello, una Testa di giovane - i primi, dono dei Torlonia nel 1892, il terzo un frammento d'affresco, regalato nel 1915 da Enrichetta Hetz»; e Vodret: «In più, per 5 anni, Giancarlo Jacorossi e i suoi fratelli offrono in comodato una splendida Croce tra il XII e XIII secolo, di un allievo del pittore di Spoleto Alberto Sotio, che affiancheremo ad altri esemplari già della Galleria: paragoni interessanti, del tempo di Cimabue; e anche un precedente di cui Roma ha bisogno: chissà che sia imitato da altri collezionisti». «Con un nuovo ingresso, una nuova biglietteria, la Galleria d'Arte antica, finalmente diventerà degna del nome» (sempre Vodret); eppure, sull'altana, splendido panorama, resiste l'Istituto italiano di Numismatica: «C'era già nel 1980, quando io sono arrivata e dirigevo la Galleria con Lorenza Mochi, occupa circa 600 metri quadrati», continua Vodret; proveranno a chiedergli un trasloco, ma chissà. «Rifatti tutti gli impianti, i pavimenti, i servizi» (Lo Bianco). E non ci si attovaglia, era ora, più: spazi ulteriori per la grande arte che la Capitale possiede. La Galleria Corsini è un discorso diverso: lo facciamo a parte. La serata del 19 diverrà un evento: dalle 19 a mezzanotte, musica, giochi di luce e addirittura balli, senza prenotazione e gratis; una navetta collegherà con i giardini di Palazzo Corsini e l'Orto botanico, dove si suonerà jazz, e Villa Farnesina, per ammirare gli affreschi di Raffaello e Sebastiano del Piombo; a Palazzo Barberini, c'è già da immaginarselo, code per l'Annunciazione di Lippi, i Caravaggio, la Fornarina: fossimo a Venezia, forse Sgarbi ci collocherebbe vicino una prosperosa panificatrice a seno nudo, ma qui no, anche se al dipinto, che torna dopo due anni di restauri, sarà doverosamente dedicata una mostra speciale, perché tutti, romani e non, tornino ad abituarsi alla presenza di un capolavoro assoluto. E con Raffaello e i Caravaggio, tornerà Antoniazzo Romano; Poussin e Valentin de Boulogne usciranno dai luoghi dove non potevano essere mostrati: una panoramica esaustiva della pittura di un periodo in cui Roma era regina ancor più che non oggi. Il palazzo, acquistato nel 1949 espressamente per essere destinato a sede della Galleria, per troppo tempo è stato impossibile liberarlo a dovere, specialmente, ma non solo, del Circolo Ufficiali delle Forze Armate (nonostante fosse scaduto perfino il contratto d'affitto); quella che vede la luce non è quindi soltanto una Pinacoteca, ma anche la fine di una brutta avventura. Abbiamo dovuto attendere 127 anni, come per un auditorium Roma ha dovuto aspettarne 67 dal 1936; ma, ne siamo certi, ne valeva davvero la pena.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news