LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - «Cittadella? Lo stadio c’è già Peretola? Ascolteremo tutti» - Marson: se potessi, abbatterei la scuola dei Marescialli
di PAOLO ERMINI (a cura di Alessio Gaggioli)
corriere fiorentino 7 set 2010 Firenze





Piano casa: faremo delle correzioni
E sul tunnel Tav a Firenze: quello che c’è non è il progetto migliore per la città

«Troppo ambientalista, sta con quelli di Asor Rosa», sussurrava e forse ancora oggi sussurra quella parte del Pd che aveva accolto con diffidenza l’ingresso in giunta della professoressa in quota Idv Anna Marson. Lei che dal suo piccolo borgo di Montespertoli aveva più volte criticato la passata gestione urbanistica della Regione oggi si trova ad un punto di svolta. Tra qualche settimana arriveranno in consiglio regionale le modifiche alla legge sul paesaggio. Un passaggio delicato — e atteso dai Comuni che temono ulteriori vincoli — perché si tratta di semplificare e ricalibrare competenze e poteri. E per questo Marson è molto cauta. Pesa ogni parola. A volte sembra mordersi la lingua. Fa capire, con una battuta, cosa ne pensa dell’area di Castello e della possibilità di inserirci anche la Cittadella («uno stadio c’è già»). Si lascia andare quando confessa che i cinema «multisala le mettono angoscia» e che «non sarebbe più sostenibile costruirne ancora». Difficile uscire dai tecnicismi con la professoressa-assessore Marson.

Assessore qual è il punto di equilibrio tra le esigenze di sviluppo e la tutela dell’ambiente e del paesaggio?

«Più che un punto di equilibrio, dobbiamo fare un salto di qualità. Capire quali sono le forme di sviluppo sostenibile per i territori, che siano coerenti con la sua identità».

San Casciano e l’insediamento della Laika che lei criticò fortemente. I casi di Montespertoli e Monticchiello. Le preoccupazioni dei cittadini in Val di Cornia. Anche in Toscana lo sviluppo sostenibile è discutibile?

«Monticchiello è un caso precedente all’entrata in vigore della legge sul paesaggio. Non rinnego le mie critiche, ma credo che le

trasformazioni città. Mi riferisco peggiori a Poggibonsi, siano state a Colle le doppie Bassa. Prodotti degli anni ’50 e ’60. Ma se le dovessi dire distruggo qualcosa, non avrei dubbi: la Scuola dei Marescialli».

Per la Scuola dei Marescialli c’è poco da fare ormai. Oppure ci si fa la Cittadella?

«Lo stadio c’è già».

Quindi lei è contraria alla Cittadella a Castello?

«Non in linea di principio. Ma su quell’area bisogna considerare già i carichi esistenti e individuare le priorità».

Quali sono le priorità?

«Ci troviamo con un inceneritore già previsto e un parco già promesso. Con la richiesta di categorie e cittadini per riqualificare l’aeroporto. È ovvio che se ci sarà un aumento di voli aumenterà l’impatto ambientale».

Quindi la Cittadella non si fa?

«Le priorità vanno considerate insieme. Dobbiamo capire quanto sono compatibili e come. Poi se si ragiona su altre cose da inserire in questa area dico che prima dobbiamo verificare queste priorità e poi vediamo se ci sta qualcos’altro».

È d’accordo con Rossi e il sindaco Matteo Renzi sulla necessità di una nuova pista? Non crede che ci siano già stati troppi ritardi?

«Dobbiamo impegnarci ad ascoltare tutti i soggetti competenti per poi presentare il documento di integrazione al piano integrato territoriale (Pit). Decideremo in tempi brevi. A dicembre, gennaio porteremo tutto in consiglio. Nel frattempo ci siamo impegnati a valutare ogni proposta. Il punto di forza della Toscana credo sia quello di fare sistema».

Ma come fanno a fare sistema gli scali di Pisa e Firenze senza una rete ferroviaria di collegamento degna di questo nome?

«Sono d’accordo. Ma la Regione sta valutando

dei progetti. Gli investimenti sulle linee ferroviarie però non dipendono da noi. Poi per carità, i problemi di messa a sistema ci sono».

Per questo volete riassorbire alcune competenze dei Comuni? E per questo lei si è inimicata qualche sindaco?

«Non mi pare. La legge sul paesaggio la vogliamo prima di tutto semplificare. Stiamo ragionando su come fare partire l’azione sistematica di monitoraggio. Ciò detto nella

legge 1 del 2005 qualche buco c’è, ad esempio non dettaglia il dimensionamento degli interventi edilizi e forse qualche parametro andrà dato».

Sul piano dei porti ha dato indicazioni precise. Porti «leggeri», meno cittadelle e megayahct. Non è un eccesso di dirigismo?

«Vogliamo interventi consoni al territorio. È ovvio che Piombino non viene snaturata mettendoci strutture pesanti. Ma ci sono luoghi, penso a Talamone, dove l’identità paesaggistica nostra Con economia». il nuovo è una masterplan parte fondamentale dei porti bloccherete della «È stato progetti oggetto come di un quello accordo di di Talamone? pianificazione cosa Renzi prevederà con ha la lanciato Regione, il regolamento la aspettiamo politica comunale». dei di «volumi vedere zero». «Dobbiamo È d’accordo? intenderci cosa intendiamo con fuori questo servizi termine. e popolazione. Il Comune Quando ha Palazzo buttato Vecchio nei ha Comuni fatto il calcolo limitrofi dei dicendo metri cubi "siamo realizzati stati hanno gli fatto unici gli virtuosi, altri" rispondo guardate che che disastri è stata una me vuol partita dire giocata lavorare assieme. sul territorio Volumi già zero urbanizzato». per Secondo lei lo spopolamento di Firenze è arrestabile? «Le possibilità ci sono, ma certi fenomeni sono di l’esito politiche. di politiche Forse a specifiche Firenze c’è o di stata assenza più assenza Ha mai di incontrato politiche». i sindaci della Piana? «Ho un territorio avuto un occhio particolarmente di riguardo martoriato. per la Piana, Con i sindaci siamo stati insieme praticamente per due giorni e mezzo».

La Regione sta pensando ad una qualche forma di intervento di riqualificazione delle periferie?

«Sarebbe stato di competenza del governo. Ciò non esclude la possibilità che la Regione possa proporre degli interventi pilota su come riorganizzare qualche periferia».

Lei e Rossi avete lanciato lo slogan: «Prima recuperare, poi costruire». Ricostruire costa più che costruire. Avete previsto incentivi?

«Incentivi di natura procedurale. Non finanziari, mi sembra improponibile visti i tagli del governo».

Il piano casa della Regione è fallito. Farete correzioni?

«Le faremo prima che scada».

Tirrenica. Arrivati alla fase esecutiva dopo 30 anni di discussioni siamo daccapo. Con l’ipotesi di un nuovo tracciato che trasformerà l’Aurelia in autostrada. Lei che era contraria al progetto precedente sarà soddisfatta?

«Non ero contraria, dissi che era più impattante di quanto non fosse la parte di tracciato che viaggiava sull’Aurelia. Il progetto non l’ha rimesso in discussione la Regione e la penso come Rossi: si faccia bene e in tempi brevi».

Il tunnel Tav sotto Firenze. Condivide le preoccupazioni della città?

«Quello che è venuto fuori non è il progetto ottimale».

Che ne pensa dei comitati?

«Sono un soggetto di informazione importante. Anche se non va preso per vero tutto quello che dicono».

Se la invitassero a cena il professor Salvatore Settis o il suo predecessore Riccardo Conti (contestato dai comitati) con chi andrebbe?

«Sarebbe interessante andare a cena con tutti e due. Conti l’ho criticato, ma non è giusto demonizzarlo».

È sempre d’accordo con Di Pietro?

«Di Pietro è una figura di riferimento importante sui temi della legalità legati all’urbanistica come ai tempi di Mani Pulite. Ero appena laureata e l’ho molto apprezzato».

Ha apprezzato anche l’applauso ai contestatori di Schifani?

«Ognuno ha la sua sensibilità».

Che ne pensa di Bersani e del dibattito nel Pd sul Nuovo Ulivo?

«Il Pd deve acquisire un profilo più solido».

E Casini possibile alleato?

«Ho una miopia congenita che è quella di guardare ai referenti politici partendo dall’urbanistica. Non riesco a valutare bene Casini e gli interessi che rappresenta». Fini? «Per un’alleanza bisogna valutare le persone, non gli shieramenti. Posso dire che molte amministrazioni di An, specie al Sud, si sono distinte per l’onestà».

In Toscana ci sono Comuni che applicano modelli urbanistici virtuosi?

«Potrei farle almeno due nomi: Portoferraio dove sono state eliminate le seconde case per riqualificare il sistema alberghiero e portuale. Montespertoli con un piano strutturale molto interessante dopo la catastrofe».



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news