LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - Carlo Felice, stallo senza fine i sindacati vogliono vedere i conti
DONATELLA ALFONSO
MARTEDÌ, 07 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Genova





E Malacalza: "Senza un progetto serio io non ci sto"



Giovedì l´incontro decisivo tra Marta Vincenzi e il sottosegretario alla presidenza del consiglio, Gianni Letta
Oltre agli autonomi, anche la Cgil prende le distanze dall´ipotesi di cassa integrazione: "Mai senza l´ok dei lavoratori"


«CASSA DISINTEGRAZIONE», recita lo striscione appeso sopra la porta dell´entrata degli artisti al Carlo Felice, in via Vernazza. Ma il risultato esatto del confronto di ieri, è quello di un bello zero, rotondo: nessuna decisione presa sulla cassa in deroga, un nuovo rinvio guardando da un lato all´incontro di giovedì a Roma tra Marta Vincenzi e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, e dall´altro a quei chiarimenti che dovranno arrivare soprattutto dai numeri. Quelli, in primo luogo, della relazione stesa dai revisori della Deloitte, che per il consiglio di amministrazione hanno raddoppiato gli allarmi sulla salute finanziaria del Teatro; ma non solo. I sindacati, nazionali e locali, hanno chiesto infatti di poter visionare anche le relazioni dell´ex commissario Giuseppe Ferrazza e della Corte dei Conti per avere un quadro completo della situazione economica. Il prossimo incontro, a questo punto, è in programma il 16 settembre. Edotti dei conti, ma soprattutto anche delle possibili risposte del governo. Una speranza, insomma, che da Roma arrivino quei soldi, la cui mancanza impone misure draconiane.
Diverse le posizioni tra le varie sigle sindacali, ma di fatto, uguale il risultato: per ora, di cassa in deroga non si parla. E, se si andrà a decidere tra dieci giorni, non sarà tardi per chiedere la "cassa", che dovrebbe essere concessa con una retroattività pari ad un paio di settimane? Ma per ora questo è un elemento secondario, visto che si dice di no. «Abbiamo chiesto documenti - spiega Nicola Lo Gerfo della Fials - e il piano di rilancio per il 2011. Noi respingiamo con forza la cassa integrazione, abbiamo proposte da fare, ma prima vogliamo avere chiara la prospettiva finanziaria». E anche la Cgil, con il responsabile nazionale delle fondazioni liriche Silvano Conti, ammette che l´incontro è stato solo interlocutorio: «Vogliamo documenti per capire e un progetto con assunzione di responsabilità per il futuro. Siamo disposti a fare la nostra parte, ma debbono farla tutti, dalla politica locale agli imprenditori genovesi, dai dipendenti al ministero: non è possibile che il Teatro si trovi in queste condizioni dopo due anni di commissariamento. Noi non accetteremo comunque eventuali ammortizzatori sociali, da soli, senza l´assenso dei lavoratori». E stamani i lavoratori si riuniranno in assemblea per valutare la situazione, alla luce delle ultime vicende.
«Andiamo avanti così, ancora un incontro interlocutorio. Giovedì 16 sarà l´ultimo, speriamo, definitivo», sospira Renzo Fossati, direttore di staff del Teatro, che ha partecipato al vertice insieme al sovrintendente Giovanni Pacor, mentre un centinaio di dipendenti della Fondazione aspettava notizie, fuori dalla sala del decimo piano e sotto il torrione.
Già, l´incontro del 16. Marta Vincenzi, dal canto suo, non vuole commentare quanto è accaduto o non accaduto ieri, e a sua volta rimanda ogni valutazione a dopo che sarà uscita da Palazzo Chigi. Dove, presumibilmente, andrà da sola. «Sono io ad aver chiesto l´incontro con Letta, che ringrazio per la disponibilità; e peraltro ci sono numerosi argomenti di cui parlare, non solo del Carlo Felice. Ma mi farebbe piacere che i rappresentanti del ministero, nel frattempo, si facessero sentire, e si muovessero a favore del Teatro» distilla, riferendosi ai consiglieri Sergio Maifredi e Mario Menini: per dire che, in realtà, gli uomini indicati da Bondi qualcosa dovrebbero pur fare.
E in questa vicenda sospesa, resta tale anche il ruolo dei privati. Riccardo Garrone, com´è noto, dovrebbe essere solo il primo di una serie di grandi nomi a impegnarsi per il teatro dell´Opera: ma finora, la cautela è massima. Come ha ripetuto ieri anche Vittorio Malacalza: disponibili ad appoggiare un piano di rilancio. Purché, però, ci sia. «Non è vero che Garrone mi abbia chiamato in causa, ma se ci fosse stato un progetto con una prospettiva di sopravvivenza del teatro, io ci sarei stato. Senza questo presupposto, però, preferisco occuparmi di cose che hanno un futuro».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news