LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una preghiera lunga due anni: ora rinasce la chiesa dell’Ortica
di Marta Calcagno
articolo di lunedì 06 settembre 2010 IL GIORNALE




La Madonna delle Grazie riapre al termine di un restauro iniziato nel 2008. Il 30 settembre la prima messa che sarà celebrata da monsignor De Scalzi
Camminando tra via Orti­ca, via Amadeo e via San Fau­stino, ora è possibile sentire suonare le campane: sono quelle del piccolissimo San­tuario dei Santi Faustino e Giovita, detto anche Madon­na delle Grazie, che hanno ri­preso a scandire le giornate di un quartiere a est di Mila­no ancora imbevuto di tradi­zione e storia, insieme ai nuo­vi loft e atelier che stanno na­scendo. Verrà infatti inaugurato, il prossimo 30 settembre, ore 20.30, con la celebrazione eu­caristica presieduta da Mon­signor De Scalzi, vicario epi­scopale di Milano, un’illu­strazione dell’intervento di restauro e un concerto di vio­lino, il più antico santuario mariano di Milano. I lavori sono iniziati nel febbraio 2008, seguiti con partecipa­zione e coinvolgimento da tutto il quartiere dell’Ortica fino a Lambrate: i contributi per i restauri, infatti, sono ar­rivati dalla Fondazione Cari­plo, la Fondazione Lambria­na, il Comune e dalle perso­ne, che, attraverso le offerte, hanno sostenuto circa il 20 per cento del costo (620mila euro in tutto). La Chiesa, già prima dei lavori, era sempre frequentata: chi metteva fio­ri freschi, chi accendeva una candela, chi si fermava giu­sto per dire una preghiera. Un via vai continuo di perso­ne che ora, anche per vedere i risultati del restauro, è au­mentato. In tempo di guerra venne chiusa e sconsacrata. Diventò poi un’officina per ri­parazione auto. Negli anni ’50, però, gli abitanti dell’Or­tica insistettero e riuscirono ad ottenere la riapertura. Il Santuario è una presenza positiva nell’area. L’oste del "Gatto nero" dice che «in quella chiesa organizzava­mo matrimoni e battesimi. Vent’anni fa abbiamo anche realizzato una cerimonia in costume, con i cavalli, che ri­chiamava l’arrivo di Barba­rossa ». Un restauro forte­mente voluto e che risulta particolarmente apprezza­to, anche dalla Sovrintenden­za che lo ha giudicato il mi­gliore nel territorio milanese dell’ultimo anno.«Non ci so­no documenti sulla fondazio­ne di questa chiesa fino all’VI­II­IX secolo – dice don Luigi Baldi - . Già nel 1865 era stato ipotizzato un intervento di re­stauro, ma poi non se n’era fatto niente per problemi eco­nomici. Il lavoro che abbia­mo realizzato è di tipo conser­vativo e ha riportato alla luce anche affreschi e parti della Chiesa che non si conosceva­no ». Un piccolo Santuario al­le porte di Milano, in un luo­go che già in epoca Romana aveva un uso sacro: fin dai pri­mi secoli dopo Cristo, infatti, nello spazio antistante la chiesa esisteva un cimitero. Via Ortica era la strada per an­dare a Bergamo e Brescia, e prevedeva un continuo pas­saggio di persone. Ecco per­ché la chiesa, in origine, era stata dedicata ai santi Fausti­no e Giovita, santi lontani dal­la tradizione martiriologica ambrosiana, ma patroni di Brescia. È probabile che una prima consacrazione della Chiesa sia avvenuta nel 1370, notizia, però, di cui non si hanno documenti pre­cisi. Esiste, invece, il Liber Cronicus, manoscritto di una seconda consacrazione, avvenuta dopo la completa costruzione della chiesa, nel 1519. Ogni epoca ha lasciato un intervento significativo al­l’interno del Santuario, e il più rilevante è quello dell’af­fres­co che rappresenta la Ver­gine con il Bambino in grem­bo, del XIII o XII secolo: nel 1979 fu necessario staccare l’affresco dal muro e fu sco­perto un graffito che fu così decifrato: "Questa immagi­ne è preghiera, o Signore, l’anno 1182 il 12 del mese di aprile, per ottenere la cle­menza di Dio", firmato "Sila­nus" (probabilmente un mo­naco, forse anche pittore e autore dell’affresco). Il graffi­to si riferisce all’esilio forzato che Federico Barbarossa or­dinò ai milanesi che resistet­tero troppo duramente al sua assedio. Li mandò alla pe­riferia est di Milano, dove sor­geva la Cappella Stazionaria di San Faustino (allora si chiamava così). Dopo la vitto­ria della Lega Lombarda sul Barbarossa, questo gruppo chiese alla Madonna la gra­zia di ritornare in città e, nel 1183, venne esaudito il loro voto. Nel 1987 il cardinale Carlo Maria Martini, arcive­scovo di Milano, ha eretto la chiesa a Santuario mariano.
IL GIORNALE



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news