LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mario Resca: cos abbiamo riportato gli italiani nei musei
Specchio economico 1/9/2010

Mario Resca racconta a Specchio Economico la formula per far funzionare i musei italiani

In tempi di crisi e di recessione, nei quali domina il segno meno, fanno effetto i dati positivi emessi dall'Ufficio Statistico del Ministero per i Beni e le Attivit culturali, riferiti rispettivamente all' afflusso e agli incassi dei siti statali nei primi sei mesi del 2010. Un totale di circa due milioni di ingressi in pi. A meno di un anno dal lancio della Direzione generale per la valorizzazione del patrimonio culturale, voluta dal ministro Sandro Bondi proprio per interrompere l'emorragia di visitatori e di introiti che affliggeva i musei e le aree archeologiche del Belpaese, dunque, sembra stia funzionando la formula Resca. S, proprio lui, Mario Resca da Ferrara, Cavaliere del Lavoro ed ex Mister Mc-Donald's. Supermanager inizialmente osteggiato da parte della paludata intellighentia italiana. Un esperto non di cultura ma, come lui stesso ha pi volte ribadito, di cultura d'impresa. Un turn around manager, in grado cio di riorganizzare situazioni di difficolt, fissando obiettivi e ottenendo risultati. Domanda. Sembra che i risultati di questa azione stanno arrivando. Qual il segreto? Risposta. Nessun segreto o formula magica. La carta vincente da secoli a nostra disposizione; il nostro grande patrimonio storico e artistico, unico nel mondo: l'unica risorsa che nel tempo non perde valore, ma anzi ne acquista e che porta con s un indotto che coinvolge l'enogastronomia, l'accoglienza, i trasporti, l'editoria e tanti altri settori. Un vero volano per l'intera economia italiana, a patto per di investire di pi nella sua valorizzazione. Quello che abbiamo fatto noi semplicemente aver messo al centro delle nostre scelte il visitatore. Offrendogli promozioni d'ingresso, allungando l'orario di visita, rendendo pi accoglienti le strutture, aprendole anche ad eventi e manifestazioni di altro tipo. E puntando molto sui giovani e su quelle fasce di utenza che hanno sempre considerato i musei luoghi noiosi e polverosi. I nostri musei, come avviene all'estero, devono essere luoghi friendly che non intimidiscano ma, al contrario, si propongano come alternative ai consueti luoghi di ritrovo. D. In questo processo quale ruolo riveste la comunicazione? R. Un ruolo fondamentale. Non ha senso ad esempio organizzare una mostra senza riservare alla comunicazione una cospicua parte del budget a disposizione. Se la gente non a conoscenza dell'evento si vanifica tutto il lavoro. E lo stesso vale per i nostri musei, le nostre aree archeologiche. Quanti italiani conoscono le bellezze che li circondano? La nostra tanto discussa campagna Se non lo visiti lo portiamo via partiva proprio dal fatto che siamo molto pi propensi ad andare nei musei quando siamo all'estero. E questo inaccettabile. Quindi abbiamo cercato di raggiungere nuovi potenziali fruitori usando canali insoliti per un Ministero: siamo su facebook, su twitter, su youtube, abbiamo stretto accordi, per primi nel mondo, con colossi quali Google per la mappatura su Street View di Pompei e per la digitalizzazione di un milione di volumi antichi delle due Biblioteche Nazionali; siamo da poco sbarcati nel mondo degli smartphone con l'applicazione i-MiBAC che permetter, tra l'altro, di entrare in molti nostri musei acquistando il biglietto via telefono e quindi senza fare code. D. Non ci ve essere stato facile superare l'iniziale diffidenza verso il suo passato imprenditoriale e far accettare queste nuove forme di comunicazione istituzionale al cittadino? R. In realt stato meno difficile di quanto si possa pensare. Oltre al mio staff, composto per lo pi da giovani professionisti motivati ed entusiasti, ho trovato in molte strutture del Ministero ottime professionalit, assolutamente pronte e disponibili a collaborare ai nostri progetti e a partecipare a questo nuovo corso, E la dimostrazione che anche il tanto vituperato dipendente pubblico, se stimolato e coinvolto in un progetto chiaro e ambizioso, si dimostra una risorsa preziosissima. D'altronde i risultati positivi, il riscontro che le nostre iniziative stanno riscuotendo, sono la migliore spinta a proseguire lungo questa strada. D. Superata questa prima fase di entusiasmo, come intende proseguire la sua strategia, visti anche gli ingenti tagli alla cultura previsti dalla legge finanziaria? R. Di certo lo stanziamento di minori fondi deve necessariamente condurre a una razionalizzazione delle risorse finanziarie a disposizione, ma ritengo che sia innanzitutto necessario cambiare la prospettiva con la quale considerare la questione. E la cultura che porta ricchezza. Calcoliamo che un euro speso da un turista per un biglietto al museo crea un indotto di circa 10 euro. Il turismo culturale un trend in aumento in tutto il mondo e rappresenta oltre il 40 per cento dell'intero comparto. Per questo dobbiamo tornare ad essere competitivi, puntando anche sulle partnership con soggetti privati che, oltre alla copertura dei costi, possono assicurarci consistenti introiti in cambio della grande visibilit che le iniziative del MiBAC garantiscono. Ad esempio, in collaborazione con l'ENI dal 15 luglio per un mese abbiamo esposto il San Giovanni del Caravaggio a Porto Ercole, citt dove l'artista lombardo mor. Si trattato di un successo che ha mostrato la misura di come anche una singola opera, se ben valorizzata, ben pubblicizzata, pi attrarre pi di un intero museo. E fondamentale che il MiBAC costituisca un sistema insieme al Ministero del Turismo per ribadire anche al Governo la strategicit della risorsa Cultura per un Paese che non pu disporre di ingenti materie prime, n di un comparto industriale in grado di essere competitivo con le grandi Nazioni. D. Una questione da sempre spinosa per i musei italiani costituita dai servizi aggiuntivi. Anche in questo campo possiamo imparare dall'estero? R. Certamente. Basta guardare gli importi che fatturano i musei stranieri nella voce Servizi al pubblico e la differenza con quelli italiani. E il miglior indicatore per capire che non va bene come hanno funzionato i servizi aggiuntivi in Italia fino ad oggi. I nostri bookshop, ad esempio, quando ci sono, sono spesso sforniti, offrono pochi gadget e di bassa qualit. Il merchandising di un museo costituisce uno strumento di marketing molto considerevole perch mantiene vivo nel visitatore il ricordo del museo. La finalit dei bandi che abbiamo lanciato, e che chiudono il 15 settembre, diretta ad individuare le eccellenze di ogni settore da coinvolgere nelle nostre strutture, rivolgendosi anche alle migliori aziende imprenditoriali estere, e per questo abbiamo abbondantemente pubblicizzato le gare negli altri Paesi europei. Vogliamo che i vari gestori dei servizi diventino nostri partner, disposti anche ad investire nel brand MiBAC e a crescere insieme a noi. Abbiamo lanciato una grande sfida: si vince o si perde tutti insieme.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news