LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche aperte: l’esempio spagnolo. La movida della cultura
Giacomo Cardaci
Corriere della Sera – Milano 7/9/2010

Gli studenti universitari, ora più che mai sono alle prese con la preparazione degli esami. Lo sanno bene i bibliotecari delle grandi metropoli europee, compresi quelli dell'Universidad de Malaga: aperta ventidue ore al giorno. Il sito del Comune di Milano vanta un'anagrafe di decine di biblioteche, oltre che duecento «centri di documentazione» - si va dagli archivi di libri di numismatica a quelli sulla cultura protestante - accomunati tutti dagli orari di apertura, simili a quelli di una bottega alimentare degli anni 50. Alle otto di sera, le serrande scendono a terra, persino quelle delle nostre università. E così gli studenti-lavoratori, i tesisti occupati dalle lezioni pomeridiane, i tanti studenti fuori sede costretti a condividere la camera con un coinquiino che di notte preferirebbe dormire senza la lampada della scrivania accesa, invidiano le possibilità dei colleghi spagnoli: non solo la movida notturna dei pub, ma anche quella delle biblioteche pubbliche. Milano desidera essere, non solo geograficamente, il cuore dell’Europa: nonostante gli acciacchi, questo cuore continua a pulsare un'economia florida e fantasiosa. La sua vocazione all'internazionalità seduce i giovani stranieri, che qui trovano centri di eccellenza nel campo della moda, del design, nelle accademie d'arte e in molto altro. Sia per loro che per gli studenti indigeni, tuttavia, i luoghi della cultura spengono le luci troppo presto. Finalmente l'ex «biblioteca fantasma» di via Valvassori Peroni, la cui costruzione ci è costata sette anni di attesa, ha preso corpo: ma alcuni cittadini sembrano più smaniosi di litigare sull'illustre personaggio cui dedicarla, che di potenziarne gli orari di apertura anche alla domenica, o almeno dopo cena. Eppure gli studenti più talentuosi, in periodi convulsi come questo, non distinguono il giovedì dalla domenica: stanno sui banchi nottetempo. Agevolare i loro ritmi è un investimento a rischio zero che metterebbe Mllano al passo con città come Londra (dove i sindacati degli studenti hanno minacciato una rivolta quando è stata ventilata la possibilità di ridurre gli orari della biblioteca di LSE, che durante i summer term, la sessione d'esame estiva, non chiude mal, nemmeno per un minuto): in tempi di crisi, forse, si potrebbe pensare di «fondere» le biblioteche attigue più piccole, in modo da concentrare gli archivi e sfruttare al meglio le risorse economiche. La biblioteca non è soltanto un granaio che profuma di carta, una cattedrale di libri dove i giovani fortificano la loro mente con la cultura che li sosterrà nel lavoro e nei momenti difficili. Ma è anche, e soprattutto, questo: un palazzo dove studiare, e quindi crescere, insieme agli amici. Come tale, le porte dovrebbero rimanere sempre spalancate.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news