LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA DEA QUACÌNA E LA VALLE DEGLI SCEMPI
PIPPO RUSSO
MERCOLEDÌ, 08 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA Palermo




I dioscuri Pico e Pala, la musa Lauretta e la ninfa Sodana, la tentacolare dea Quacìna e le erculee fatiche dell´appartatùri, e infine i grandi riti stagionali dell´Edificabilità e della Condonanza. Tutti elementi di un´epica futura, costruita fra i secoli XX e XXI a beneficio dei posteri.
E in fondo è il tempo che passa, unitamente alla narrazione che se ne fa, a trasformare in mito le dozzinalità e bassezze del quotidiano. Su tutto ciò rifletterà il viandante, dando le spalle al Tempio di Ercole e guardando Agrigento, lassù. E girandosi ora verso questo e ora verso quella rifletterà sulla continuità che guida le cose umane dentro questo lembo di terra mediterranea.

C´è forse il medesimo genius loci in quelle colonne asimmetriche del tempo che fu e in quei palazzoni sghembi del passato che sarà? Assolutamente sì, se ci si deve fidare del giudizio formale. Soltanto lo sguardo cambia. E in questo caso lo sguardo che conta è quello degli indigeni, ancora intossicato da pregiudizi e forse da malafede. Sono proprio i giurgintàni a non scorgere la continuità, e quella linea d´isomorfismo che unisce il Parco attuale costruito sul passato e il Parco dell´Attuale che verrà edificato in futuro.

È una sorta di cecità locale a attanagliarli, l´umana impossibilità di vedersi per come si è e per la continuità che si rappresenta fra epoche diverse. Per loro esiste il Parco Archeologico dei Templi, laggiù nella Valle che scende verso il mare; e esiste una città dalla quale guardano la Valle, i Templi e il mare, ma che per loro è la forma del quotidiano. E ogni follia può essere norma per chi l´abita giorno per giorno. Di più: a far loro velo sono le considerazioni sul presunto maggior valore della classicità rispetto al presente, e anche la cattiva coscienza d´aver cinto d´assedio la Valle come se si trattasse d´un presepe intorno al quale far scorrere le ordinarie faccende di casa.
Invece dovrebbe toccare proprio agli agrigentini cogliere lo specchiarsi reciproco delle rovine passate-presenti e presenti-future. Perché in ampia misura quella continuità e quell´isomorfismo riflettono un´anima collettiva, e la persistenza di un tratto etnico che li fa così diversi dal resto delle genti di Sicilia. Si fa presto a dire che ogni gens locale è unica, nell´Isola come altrove.
Però davvero la gens giurgintana è unica, e la sua unicità sta nell´edificar rovine. Giocando col suo territorio un gioco sbilenco dove il senso della caducità è dominante, e il costruito non è a beneficio dei viventi. Non lo sono i Templi, i quali parlano d´un passato che per gli agrigentini sembra essere una sacca di cose e memorie scordata lì come uno zaino da turisti, e di cui tocca loro essere svogliatamente custodi. Ma non lo è nemmeno quell´ipertesto di cemento, costruito a beneficio di chiunque tranne che dell´abitante. Il quale si trova spesso a vivere dentro bozzoli mai dischiusi. Colate di grigio il cui orizzonte è impedito da altro grigio, e edificate su terreni che da quel momento in poi attendono e bramano nulla più dello sprofondare inferno.
Fra questi due territori di rovina si muove l´agrigentino. Che non vede e non sa, però respira la postumità di quei due parchi che gli appartengono da sempre. E se soltanto comprendesse, assumerebbe l´accortezza di preservare almeno uno dei due. Ma non certo quello delle rovine classiche, ormai abusato e dozzinale. Quello contemporaneo, semmai. Sarebbe interesse suo, dell´agrigentino, nascondere agli occhi dei foresti le rovine rovinanti. Cancellarle alla vista dei viandanti, per far in modo sia esse un giorno oggetto di scoperta. Ché dove s´è visto mai declinare l´archeologia al futuro?
Basterebbe installare una batteria di pannelli che cinga la città preterintenzionale, corredata da una gigantesca scritta: "Parco a Tema sulla Civiltà Edilizia Agrigentina. Stiamo lavorando per i vostri pronipoti". Non si può eccedere in generosità coi turisti, non si può inflazionare l´offerta d´attrazione archeologica. A ogni tempo le sue rovine rovinate, e che i posteri dimostrino di meritarsele le rovine rovinanti giurgintàne.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news