LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Teatro Festival la cultura che serve
DANIELE PITTERI
GIOVEDÌ, 09 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Napoli







Avere una politica culturale significa possedere una visione strategica complessiva della cultura e mettere in atto risorse e attività in modo continuativo. Significa pensare alla cultura come qualcosa di dinamico, un laboratorio e una sperimentazione costanti, capaci di generare sviluppo sociale, elevazione culturale e aumento della scolarizzazione, ma anche crescita dei mercati culturali e soprattutto spillover (ricadute in forma di stimoli, contenuti e indirizzi) verso altri settori dell´economia, dai servizi, al turismo, all´industria manifatturiera in particolare. Rispondendo a un intervistatore, Gianni Versace ebbe a dire che se in Italia esiste un´altissima concentrazione di stilisti lo si deve al fatto che qui c´è stato il Rinascimento e che ci sono i migliori tessitori e i miglior produttori di macchine tessili. Cultura, artigianato, industria.
Dotarsi di una politica culturale significa, allora, pensare alla cultura come una risorsa destinata innanzitutto alla propria collettività. Significa avere una politica interna della cultura, ossia una visione e un progetto tesi a generare un clima utile e fecondo per la comunità che, forte e consapevole del patrimonio prodotto e accumulato nel passato, si alimenta coi bisogni, le istanze e le idee generate giorno dopo giorno dalle persone e dalle imprese. Personalmente non penso alla cultura come un giacimento. I giacimenti si esauriscono, il patrimonio culturale no, anzi, può essere continuamente rivitalizzato, reinventato, reinterpretato, lavorato e raffinato. Gli unici soggetti adibiti a farlo sono gli enti pubblici centrali e locali, perché sono loro che posseggono la proprietà e la titolarità del patrimonio culturale e perché da essi dipendono le grandi istituzioni culturali. Ma per farlo debbono convincersi che la cultura non è una spesa, ma un investimento, debbono capire che la cultura fa Pil, che la cultura rende i territori e i suoi abitanti ricchi non solo spiritualmente, ma anche economicamente. Debbono capire che non possono limitarsi a conservare, gestire, tutelare e finanziare il patrimonio e le attività culturali decidendo ogni 6 mesi quante e quali risorse destinare, né possono puntare solo sui grandi numeri generalisti. Il loro compito è valorizzare il patrimonio, creare le condizioni per trasformarlo in prodotti diversificati in grado di incontrare i gusti e le aspettative di una molteplicità di pubblici interni ed esterni. Soprattutto, il loro compito è favorire la produzione di nuova cultura. In Giappone lo hanno fatto, semplicemente razionalizzando le risorse investite e puntando sulla cultura come leva di sviluppo economico. In soli quattro anni si sono registrati un aumento sensibile dei consumi culturali interni, una crescita del turismo, e una progressiva affermazione di un carattere made in Japan nella produzione di beni e di prodotti.
È evidente che dentro questa logica gli eventi e i prodotti culturali hanno un ruolo preciso, purché ci si liberi dall´idea che essi siano degli attrattori turistici. La funzione dei grandi eventi e dei grandi prodotti culturali come i musei contemporanei è generare sui territori una serie di ricadute stabili in termini di flussi economici, di flussi di pubblico/visitatori, di flussi turistici, di infrastrutture e di identità culturale. Servono a determinare una politica di marca territoriale, a definire e a fortificare in maniera più o meno precisa la specificità di offerta di un territorio, intesa come insieme delle attività culturali e produttive, economiche e ricreative. Qui invece si ragiona sempre con l´idea del grande evento mediatico, il G8, i mondiali di uno sport di punta, la Coppa America. Si punta al colpaccio, all´evento risolutore, quello che dà lustro effimero al territorio e a chi lo governa. I grandi eventi, invece, possono servire a costruire quotidianità, sono la base per la determinazione di una politica culturale duratura e di prospettiva.
In quest´ottica, e pur nella loro diversità, il Forum delle Culture e il Napoli Teatro Festival possono essere determinanti. Il Forum, se ben gestito, potrà contribuire a riqualificare spazi e luoghi urbani, ad attivare una dinamica di scambio e di relazione internazionale a trarre insegnamenti e spunti per modernizzare il territorio. Ma il vero grande evento, il nucleo centrale su cui conformare un modello di politica culturale è il Napoli Teatro Festival, perché non è episodico, perché ha acquisito grande prestigio presso la stampa nazionale e internazionale abbattendosi come una piccola catastrofe sulla formula stantia dei festival teatrali, rivoluzionandone il concept, inventando un modello innovativo basato sul rapporto stretto con la città diffusa e con tutte le sue culture, sull´idea di produrre spettacoli in partnership con grandi istituzioni mondiali (e quindi di produrre nuova cultura invece di limitarsi a presentare prime assolute concepite altrove), sull´idea di coinvolgere con un processo di agglomerazione successiva altre realtà culturali, artistiche, imprenditoriali, tecnologiche esistenti sul territorio. Gli eventi culturali, questi eventi culturali servono, sono la base per un´idea di cultura non asfittica, non mortificata da discussioni sui tagli e sulle cariche.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news