LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA -Le opere già bloccate dal piano paesistico
Giorgio Antonelli
Ragusa (09/09/2010) gazzetta del sud



Cinque centrali fotovoltaiche, due alberghi, due pozzi di petrolio, dieci case e alcuni capannoni agricoli


Cinque progetti per l'installazione di centrali fotovoltaiche, per un investimento di oltre 35 milioni di euro, hanno già avuto parere negativo alla Regione; la richiesta della Soprintendenza al comune per la revoca dell'autorizzazione edilizia alla «Enimed» che aveva appena iniziato la perforazione del pozzo «Tresauro 2», con 34 maestranze che vedono seriamente a rischio il posto di lavoro (incredibile il fatto che il Comune aveva rilasciato la concessione il 13 agosto, un'ora prima della notifica dell'adozione del Piano urbanistico!); due progetti per la costruzione di altrettanti hotel a Marina di Ragusa, nella zona sovrastante il nuovo porto, per un investimento di oltre 10 milioni di euro, «stoppati» in Commissione edilizia a palazzo dell'Aquila; la sospensione della concessione edilizia a oltre dieci ditte private, per la realizzazione di altrettante unità abitative sul territorio, malgrado l'avvenuto pagamento degli oneri concessori, per un investimento complessivo di oltre due milioni e mezzo di euro; gli iter per la costruzione di alcuni capannoni a servizio di aziende agricole, dislocate sul territorio comunale, in fase di autorizzazione o già autorizzati ex articolo 22 della legge 71/1978, anch'essi di fatto «sospesi».
Sono queste le più rilevanti conseguenze, a memoria del dirigente l'ufficio Urbanistica del comune, Ennio Torrieri, dell'entrata in vigore delle norme di salvaguardia, a seguito dell'approvazione, da parte della Regione, il 10 agosto scorso (con notifica, come accennato, tre giorni dopo) del Piano paesistico.
Sono le stesse ragioni che hanno indotto il sindaco Nello Dipasquale ad appellarsi al Tar contro l'adozione dello strumento di pianificazione. Primo cittadino che teme anche il ripetersi di casi analoghi a quelli della «Sudinvest» che, quasi 20 anni fa, dopo aver sostanzialmente ultimato una imponente struttura turistico-alberghiera sulla Ragusa-mare, si vide revocare dall'allora commissario la concessione edilizia, su input della Regione. La «Sudinvest srl» ottenne, due lustri, dopo un risarcimento di oltre 10 miliardi delle vecchie lire a danno del Comune, ma andò comunque incontro al fallimento.
Sono gli stessi motivi che hanno indotto le forze politiche, sociali e produttive della provincia a fare quadrato contro il Piano paesistico e, specificamente, contro la sua adozione calata dall'alto. Enti, associazioni, partiti e sindacati si sono ulteriormente compattati, all'indomani del «faccia a faccia» con l'assessore regionale al Territorio, Gaetano Armao, che ha ribadito di voler tirare dritto. Nessuna marcia indietro, almeno sul piano politico, da parte della Regione che non revocherà lo strumento già adottato, mentre lo stesso Armao si è detto disponibile al confronto tecnico, in sede di analisi delle osservazioni che gli enti locali dovranno far pervenire a Palermo, prima dell'approvazione definitiva del Piano paesistico. Anche il neo soprintendente Alessandro Ferrara, peraltro, si è dichiarato aperto alla valutazione di possibili correttivi tecnici.
Le istituzioni locali, dopo l'incontro di martedì alla Provincia con l'assessore Armao, sono pronte a scendere sul sentiero di guerra: se il sindaco Dipasquale, che solidarizza con i 34 lavoratori «Enimed» che rischiano il posto per la sospensione dei lavori al «Tresauro 2», si appella alla sensibilità del neo soprintendente Alessandro Ferrara, i segretari generali della triplice sindacale e quelli del settore chimico-energetico chiedono l'immediata revoca dell'adozione del Piano paesistico, «provvedimento ingiusto ed arbitrario che mette in discussione lo sviluppo del territorio».
L'ex sindaco di Modica, Piero Torchi, paladino del «No alle trivelle», chiede però all'amministrazione comunale di Modifica un'immediata verifica delle conseguenze dell'entrate in vigore delle norme di salvaguardia e l'organizzazione di un'assemblea aperta da parte del sindaco Buscema, per l'illustrazione del Piano. Nel contempo, il presidente dell'Ance, Filippo Grassia, rigettando il modus operandi del governo regionale e tacciando di «arroganza politica» l'assessore Arnao, annuncia una «forte mobilitazione per l'individuazione delle criticità del Piano, con conseguenti osservazioni ed opposizioni. Nè Grassia esclude il ricorso alla magistratura amministrativa.
Preoccupato il presidente della Provincia, Franco Antoci, per il blocco già avvenuto di molti cantieri, ma anche speranzoso per l'apertura, seppur in sede di tavolo tecnico, annunciata da Arnao. Per il gruppo del Pdl alla Provincia, d'altronde, «Armao può ancora rimediare e migliorare un Piano paesistico, pur calato dall'alto».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news