LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - GELA. Ma ora finalmente la città ha un piano regolatore
LA SICILIA Mercoledì 08 Settembre 2010 Il Fatto, pagina 3


Atteso da 40 anni Lo stumento che fissa le norme urbanistiche entrerà in vigore tra una decina di giorni



Gela. Atteso da 40 anni, e diciotto anni dopo l'affidamento dell'incarico all' arch. Leonardo Urbani, il piano regolatore di Gela è stato adottato a giugno e trasmesso ieri alla Gazzetta ufficiale per la pubblicazione che avverrà tra il 17 ed il 24 settembre.
L' assenza di questo strumento urbanistico è stata una delle cause della crescita scriteriata della città che ha visto esplodere il fenomeno dell'edificazione abusiva a partire dagli anni Settanta. L'intera periferia nord e il villaggio balneare di Manfria sono abusivi. Ma va anche detto che negli anni i cittadini non sono riusciti mai a trovare l'interlocutore giusto al Comune, dove per una concessione edilizia si è costretti ad attendere tempi biblici. Ma a breve Gela avrà un piano regolatore, anche se si sa già che è colmo di contraddizioni e di punti deboli. Non sarà una panacea ma almeno c'è uno strumento che fissa le regole. E che imporrà un'assunzione di responsabilità alla classe politica. Non si potranno più chiudere gli occhi di fronte all'abusivismo e si dovrà fare qualcosa per dare alla città un vero ufficio urbanistico che controlli il territorio e la sua crescita edilizia.
In questi anni il piano regolatore è stato corretto più volte perchè, mentre veniva redatto, laddove era prevista una strada o un edificio pubblico o un giardino sorgevano come funghi delle abitazioni. Il piano regolatore nuovo prevede zone di ricucitura tra un quartiere abusivo e l'altro per recuperare questi spazi e dare alla città un disegno urbanistico. L'amministrazione comunale sta partecipando in questi giorni ad un bando mirato ad ottenere fondi regionali per riqualificare Settefarine, roccaforte dell'abusivismo edilizio. Il cammino è lungo e difficile. Lo scempio tanto. Di nuovo c'è che a breve il territorio di una grande città della Sicilia, pur se con un enorme ritardo, avrà delle regole su cui basarsi per cominciare a progettare il suo sviluppo e voltare pagina. Se lo vogliono i politici ed i cittadini. Il sindaco Angelo Fasulo presenterà il Prg alla città lunedi prossimo. E, come ha detto il procuatore capo Lucia Lotti, attraverso questo piano regolatore «Gela può finalmente recuperare il controllo sul territorio».
M.C.G.


08/09/2010



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news