LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, Palazzo Ducale, si alza il sipario «Meno sponsor per le proteste»
Massimo Favaro
Corriere del Veneto 10/9/2010

Finiti i restauri di un pezzo di facciata, tutto concluso tra un anno
Feste, palazzo «snobbato» per la crisi: mancano 600 mila euro

VENEZIA - Si alza il sipario sul primo lotto del restauro di Palazzo Ducale. E’ tempo di abbassarlo invece, auspica il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, sulle polemiche per le maxi pubblicità, che mettono a repentaglio la raccolta dei fondi. Se le decorazioni della facciata su rio della Canonica sono state riportate al proprio splendore seicentesco è infatti grazie alle sponsorizzazioni, che hanno finanziato l'accurata pulizia pietra per pietra, con l'utilizzo del laser e di specifiche soluzioni chimiche: via gli annerimenti, le colature di ruggine, gli accumuli di sporcizia. Ma sono stati compiuti anche interventi strutturali, con la sostituzione dei sostegni in ferro, per un totale di quasi 40mila ore lavorate. Dopo i teloni, nelle prossime settimane la facciata sarà liberata anche dalle impalcature. Per vedere di nuovo Palazzo Ducale interamente libero dalle pubblicità bisognerà aspettare, però, un altro anno. Dopo le critiche lanciate dal Fai e fatte proprie da Vittorio Sgarbi, per le istituzioni della città lagunare è quindi il momento di raccogliere i primi risultati della loro scommessa. Che la soprintendente Renata Codello ha difeso appassionatamente nel corso della presentazione dei lavori, citando John Ruskin e leggendo, integralmente, l'articolo del codice dei Beni culturali che regola le sponsorizzazioni. La soprintendente ha rivelato, inoltre, di aver rifiutato in passato un manifesto con lo slogan «Be Stupid» della Diesel: «Allora avevamo delle alternative, adesso non più». Il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni non ha esitato invece a definire uno «sciocco» chi si oppone ai teloni pubblicitari: la cura di questi monumenti richiede infatti grandi risorse e «se queste non possono essere messe a disposizione dagli enti pubblici è la legge stessa - ricorda Orsoni - che dice che si può ricorrere alle sponsorizzazioni». Non farlo potrebbe configurare un danno erarariale e di fatto, nota il sindaco, «il ricorso alla pubblicità diventa obbligatorio». Il restauro si era reso necessario per il pericolo di nuovi distacchi di blocchi di pietra d'Istria, favoriti dalle infiltrazioni d'acqua: sul fondo del canale i sommozzatori hanno recuperato ben 160 pezzi, caduti nel corso degli anni. Presto nuove impalcature saranno allestite di fronte al Ponte dei Sospiri, che non dovrebbe per mai essere coperto alla vista. Il cantiere lavorerà di notte e durante il giorno saranno rimosse le reti di protezione. Il costo totale dell'intervento è pari a circa 2,8 milioni di euro, più i fondi necessari per il restauro degli infissi, inizialmente non previsto. Mancano ancora all'appello oltre 600mila euro, dato che 1,5 milioni sono stati garantiti secondo la formula «vuoto per pieno» dal contratto con l'agenzia pubblicitaria, e 700mila euro direttamente da Dottor Group. Il resto avrebbe dovuto essere garantito dall'affitto di Palazzo Ducale per un massimo di trenta eventi, ma ad oggi nessuna trattativa è andata a buon fine. Si contava sul traino della Mostra del cinema, ma tutte le aziende che si sono fatte avanti si sono ritirate. Pietro Dottor, presidente del gruppo trevigiano, rimane ottimista: «Per la pubblicità Venezia è una piazza difficilissima, ma vediamo - afferma - segnali di ripresa». D'altronde Orsoni è sicuro che la colpa non sia solo della crisi: «Raccoglieremmo molto di più - ha puntualizzato - se ci fossero meno schizzinosi in giro».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news