LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Quando Testori riscoprì Varallo "gran teatro montano" della fede
ROBERTO CICALA
SABATO, 11 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA -- Milano


"Guardate la terra di cui sono fatte, guardate come cuocendo essa è diventata tenera carne"
"La tensione del credere e l´emozione di vederselo incarnato in enormi, dolci, drammatici atti figurativi"
Torna in libreria dopo 45 anni lo storico testo che sdoganò il Sacro Monte, proiettandolo nella serie A dei luoghi artistici e turistici


«Nulla di simile in tutt´Italia» è il Sacro Monte di Varallo Sesia, dove «non è possibile separare l´esperienza dell´arte dalla vita». Vale sempre una visita, ma non servono guide patinate. È con lo sguardo di un bambino che bisogna tornare al Sacro Monte «più antico e più bello»: con gli occhi di Giovanni Testori, figlio di brianzoli devoti che, un´estate tra le guerre, preferiscono un breve pellegrinaggio a un weekend vacanziero. Così, nella Valsesia di Gaudenzio Ferrari e di Tanzio, storicamente lombarda, il piccolo Gianni da Novate scopre l´arte vera e l´impossibilità di «separare la tensione della fede dall´emozione di vedersela incarnata lì in enormi, dolci e drammatici atti figurativi». Scopre d´essere "figlio" di una Maria «madre di sempre» nella cappella dell´Annunciazione e di quei maestri dell´arte del ´500.
Per arrivare alle cappelle della «Gerusalemme delle Alpi», ora patrimonio Unesco (un riconoscimento promosso anche e soprattutto dagli scritti di Testori), basta seguire sulla via per Varallo i manifesti dove oggi campeggia un più aggiornato testimonial, Vittorio Sgarbi, e prendere in mano l´inusuale baedeker costituito dall´unico volume testoriano di scritti d´arte dal titolo fortunato, poi ripreso da tutti, Il gran teatro montano: un libro-simbolo, perché è tra i primi a sdoganare criticamente i sacri monti quali luoghi d´arte di serie A rilanciandoli anche come mete turistiche. Il giovane Feltrinelli accetta di pubblicarlo nella serie "I fatti e le idee" diretta da Paolo Rossi (mentre Bassani aveva accolto i testoriani Segreti di Milano nella collana dei bestseller Dottor Zivago e Gattopardo). È il 1965: il libro è impreziosito da 80 splendide e «plastiche» fotografie in bianconero scelte personalmente dall´autore, che ora nella ristampa l´editrice Medusa sostituisce con tavole d´arte attuali di Ilario Fioravanti (ma l´Associazione Testori non condivide il taglio).
Il "figlio" che dedica ai genitori questo gran libro è il Testori «delle periferie stralunate e caravaggesche», scrive Marzio Pieri nella nuova prefazione dove, parlando di «eros religioso nella sua disposizione ammirativa», privilegia lo «scrittore d´arte» (ma il lettore non cerchi qui aggiornamenti sulla corposa critica gaudenziana degli ultimi 50 anni).
Testori segue Guadenzio Ferrari «verso sera, deposti gli attrezzi nella cappella, anno 1507, scendere, poco prima del crepuscolo, lungo il Sesia, quando le ombre cadono giù dalle cime dei monti… e crescere in cuore l´idea di un teatro là dove, fin lì, non erano che cappellette». Segue anche la discesa di san Carlo ammalato, quasi morente: la si ritrova nel suo esordio poetico nello stesso 1965: I Trionfi. Il discepolo di Roberto Longhi rivela un capitolo che l´arte ufficiale ha finora trattato con sufficienza: «arte come qualcosa di teatrale e vivente». Con lui vediamo la Palestina con il Monte Rosa sullo sfondo, le croci del Calvario che si specchiano nelle acque del Sesia, come ha detto Giovanni Agosti: «Nazareth e Betlemme perse in un bosco di castagni non sono la fantasia di uno scrittore ma la realtà». Basta arrivare a Varallo con questo «racconto visionario e solenne», secondo il biografo Fulvio Panzeri. E quando Testori non è più figlio scopre un figlio che riscatta la sua impossibilità di essere padre: Alain Toubas. Ed è una storia d´amore: «il Sesia rumoreggiava e chiamava a sé gli amanti».
Oggi possiamo affacciarci con lui alla grata della cappella della Crocifissione e nelle statue osservare visi, cani, madri, barbe bianche… «un respiro che sale da oltre ogni tempo». Ha ragione l´autore: «Guardate la terra di cui sono fatte. Guardate, come cuocendo, essa è diventata tenera carne».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news