LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GROSSETO. Loriano Valentini: basta accusarmi di aver cementificato la zona
SABATO, 11 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Grosseto



Previsioni del 66, noi abbiamo ridotto le case




Loriano Valentini alza la voce. In questi giorni, per i palazzoni di Marina, lo hanno tirato per la giacca in molti.
Cos ha deciso di spiegare la storia di quel cemento, a ridosso della costa. Rifiutando letichetta di responsabile dello scempio. Spero che il sindaco - dice - si stia rendendo conto di quanto inutili sono alcune sue affermazioni. E Lolini e Turbanti della strumentalit politica nellindicarmi responsabile dellapprovazione del Piano particolareggiato C1. Fu approvato il 4 febbraio 1987 e io sono diventato assessore allurbanistica nel 1988 e sindaco nel 1992. Quelle previsioni, con il parere favorevole della Sovrintendenza, sono state poi attuate da me, da Antichi e dallo stesso Bonifazi.
Ma c una storia dietro a tutto ci.
Certo. Nel 1966 il Prg prevedeva ledificazione di Rosmarina. E nel tempo si realizzata, lo stesso una zona di edilizia popolare allingresso di Marina. Prevedeva inoltre un porto in darsena a sinistra del San Rocco, mai realizzato e una zona di completamento sullarea che oggi oggetto di polemica che avrebbe fatto realizzare altri 400mila metri cubi. Fu Tattarini, negli anni 80, a iniziare a rivedere le scelte del 1966, eliminando la previsione portuale e, per la zona centrale di Marina, approvando un piano, che diminuiva i metri cubi da 400mila a 100mila, ci che poi stato edificato, e inserendo la passeggiata a mare: pu piacere o no, ma ha riqualificato la zona fra edifici e bagnetti. Gi nell87, quindi, fu ridotta drasticamente la volumetria prevista: una scelta che ha confinato nei perimetri esistenti il tessuto urbano di Marina e ha salvato la pineta. Al tempo stesso offr i luoghi che mancavano a Marina per lo sviluppo di commercio e ristorazione. Si potevano fare meno volumi? Forse, ma allora nessuno sollev obiezioni, perch tutti chiedevano interventi strutturali.
E il Prg del 1996?
Ha assegnato a Marina il ruolo di luogo del turismo e della nautica. Non ha previsto nessuna casa in pi n a Marina, n a Principina, ma solo strutture alberghiere. Alcuni alberghi si sono ampliati in modo significativo, altri sono venuti su nuovi, altri spero siano di prossima realizzazione. Parlo del recupero delle 4 ex colonie: una in via di conclusione, delle altre spero di vedere presto i cantieri aperti. Lo stesso piano ha consentito il porto e il recupero, a parit di volumi, delle case sul lato sinistro, dove nato un luogo di qualit: semmai il Comune dovrebbe concludere le urbanizzazioni.
Potevate fare di pi e meglio?
Certo. Ma quelle scelte non sono la causa degli affanni che vive oggi Marina. Anzi, se non ci fossero state, oggi Marina non avrebbe futuro.
Ma cosa serve adesso a Marina?
Prima di tutto serve capire come il porto si inserisce nel sistema e genera sviluppo delle attivit nautiche. Mi pare che siamo in alto mare, a parte aver assegnato alla societ luso del canale. E poi serve ragionare sulle funzioni collettive e attrattive, sulle politiche pubbliche di sostegno alle attivit economiche, sulla possibilit di inserire elementi di riqualificazione ambientale nelle aree urbane dove, spero, il nuovo regolamento urbanistico non preveda edificazioni. Infine serve qualche investimento sullimmensa pineta, magari costituendo qualche strumento pubblico, o privato, o misto, per mantenimento e valorizzazione.
Idee innovative, quindi.
Ma possibile continuare a parlare di me che non sono pi responsabile del governo da 13 anni? Se accade, perch gli attori di oggi sono privi di idee e strategie. Marina merita ben altra discussione. (g.f.)



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news