LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAZIO - Acquaniene, il Comune chiede il dissequestro
RORY CAPPELLI CORRADO ZUNINO
DOMENICA, 12 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Roma




Le rassicurazioni di Alemanno a Malagò. Ma resta la paura della sentenza sfavorevole e di un nuovi sigilli all´impianto



E Città Futura si ribella al Campidoglio "Perché non è intervenuto anche per noi?"

L´istanza dell´avvocatura al gip: "Altri 160 circoli nelle stesse condizioni"

Il caso

Il sindaco e la cena a casa Carraro "Questa storia delle piscine finirà bene"



E al circolo in via della Moschea c´è già aria di smobilitazione "Lunedì chiudiamo"
Scambio di lettere tra l´imprenditore e i tecnici capitolini sui carichi e gli oneri urbanistici
Il responsabile del centro sulla Colombo: "Non è giusto che ci siano figli e figliastri"


Fabio Cantoni, legale rappresentante di Città Futura, uno dei circoli sequestrati nell´ottobre scorso e non ancora riaperti, non ci sta. «È un anno che il nostro circolo è chiuso» dice infatti. «E nessuno si è speso per noi. Certo, Giovanni Malagò ha un altro peso: ha importanti incarichi, lo conosco personalmente e so che è un ottimo professionista. Ma noi, con questo impianto, ci siamo giocati tutto e oggi ci arrampichiamo sugli specchi. Non ci siamo lanciati in questa avventura per hobby». Sono infatti 350 mila gli euro tirati fuori da Cantoni e soci del circolo sulla Colombo. «E per cosa, poi? Io arrivo a stento alla fine del mese. Insegno educazione motoria alle elementari. Ho tre figli, non so come fare. Ho dovuto mandare via delle persone, cinque in tutto. Con la chiusura dell´impianto non potevamo più permettercele. Tanti precontratti andati in fumo. Ora qui ci sono problemi con il legno, con il cemento, bisogna fare interventi di manutenzione, ma chi ha i soldi?».
Il sindaco per l´Aquaniene ha però chiesto il dissequestro. «Non ci possono essere figli e figliastri» sbotta Cantoni. «Chiediamo al Comune un intervento serio e deciso, anche per noi e per tutti gli altri circoli. Non è giusto. Dovrebbe intervenire in maniera pesante: e spero che Alemanno abbia avuto in mente questo mentre scriveva perorando la causa dell´Aquaniene: che abbia pensato che se viene accolta la richiesta per uno, questo poi ha ricadute e benefici anche per tutti gli altri impianti».
()
giovanna vitale
Aquaniene, nuovo capitolo. Il Campidoglio corre in soccorso di Giovanni Malagò, presidente del circolo sportivo di via della Moschea. L´imprenditore dei Parioli, i primi di settembre, ha scritto una lettera ai tecnici del sindaco Alemanno per sollecitare chiarimenti circa le contestazioni avanzate dalla Procura sui carichi urbanistici ritenuti talmente insostenibili da determinare la chiusura dell´impianto, ricevendo la rassicurazione che il Comune si sarebbe mosso per ribadirne la natura pubblica e rivendicare la correttezza dell´iter seguito per autorizzarlo. Replica poi sussunta nell´istanza che, mercoledì scorso, gli avvocati capitolini hanno presentato al gip Donatella Pavone per chiedere il dissequestro dell´Aquaniene in quanto proprietà comunale, edificato cioè su terreni demaniali dati in concessione. Tra le motivazioni addotte dai legali, il fatto che circa 160 strutture sportive, a Roma, sono stati realizzate con le stesse modalità seguite dal circolo di Malagò. Da qui la domanda: dobbiamo allora chiuderle tutte? Una richiesta che mira a bloccare la riapposizione dei sigilli disposti dal giudice il 4 agosto scorso, nell´ambito dell´inchiesta per abuso edilizio, e poi sospesi per 30 giorni, su richiesta dell´avvocato dell´imprenditore Carlo Longari, così da consentire la fruizione delle piscine durante il periodo estivo. Un mese che però è ormai scaduto.
In attesa del verdetto, che tutti i pronostici danno negativo, all´Aquaniene si respira aria di smobilitazione. «Forse le conviene aspettare una settimana per iscriversi. Lunedì l´impianto dovrebbe essere posto sotto sequestro. Di nuovo. Purtroppo», sussurrano alla reception a chi chiede informazioni per l´iscrizione: 1250 euro l´anno (anzi, per 13 mesi), più 100 di "tassa d´ingresso" alla sala cardio, fitness, piscina per il nuoto libero, area relax, sauna, bagno turco. Mentre il biglietto giornaliero per la magnifica vasca olimpionica costa invece 20 euro, con uso di sdraio e ombrellone. «Ci stiamo attrezzando perché è probabile che lunedì non si possa riaprire», dice uno dei gestori del bar. «Ci sono problemi, non so bene quali: e a pagare sono i soci e siamo noi, che non c´entriamo nulla, e siamo del tutto esterni».
Dalla piscina esce Marta, capelli bagnati, aria soddisfatta dopo una lunga nuotata: «Sì, pare che mettano i sigilli da lunedì. Ma non potranno tenere chiuso tanto a lungo un impianto così bello. Sarebbe un peccato: non c´è niente di simile a Roma». Marco, tuta da ginnastica, decappottabile nel parcheggio, è «veramente scocciato da questa storia: l´altra volta (il sequestro di giugno, ndr) i giorni di chiusura a noi soci li hanno poi aggiunti. Non so se accadrà anche questa volta: di certo se uno si iscrive in palestra o in piscina è per frequentarla, non per rimanerne fuori».
C´è grande attesa e ansia sulla decisone del giudice Donatella Pavone che, a ore, sarà pubblica. La proroga che ha congelato il sequestro dell´Aquaniene di Giovanni Malagò è scaduta il 4 settembre. E le notizie che arrivano al Circolo Canottieri sono preoccupanti: si rischia un nuovo stop. Ancora venerdì sera il sindaco Gianni Alemanno, che da questa storia delle piscine dei Mondiali di nuoto fatica a uscirne, alla cena in casa Carraro aveva appena rassicurato Malagò: «Tranquillo, la nostra avvocatura ha depositato in Tribunale una memoria dura. La tua non è una piscina privata: nasce su terreno pubblico e il Comune l´ha data in concessione al Circolo Canottieri Aniene. La tesi del pm non sta in piedi, il sequestro non andrà in porto». Oltre all´Aquaniene, nel gran mazzo delle piscine di "Roma 2009" (diciassette in tutto), altre quattro strutture sono nate su terreno del Comune di Roma. Tra queste la "Virgin", al Torrino, del consigliere regionale forzista Maurizio Perazzolo, oggi in attività dopo la continuazione degli abusi edilizi, e Città Futura sulla Cristoforo Colombo, oggi sull´orlo del fallimento. Se fosse passata la tesi dei legali di Malagò e dell´avvocatura del Comune alemanniano - l´autorizzazione della Protezione civile era sufficiente per avviare nel 2007 la costruzione dell´impianto da 23 milioni di euro e la struttura non deve pagare oneri concessori al Comune perché di proprietà, appunto, comunale - l´impianto accusatorio del sostituto Sergio Colaiocco sarebbe franato.
Venerdì sera, nel giardino sulla collina del Gianicolo, durante una cena legata alla candidatura olimpica di "Roma 2020", Alemanno aveva preso da parte l´imprenditore dei Parioli. Voleva chiudere ogni screzio nato dal fallimento dei Mondiali di Roma e rassicurarlo sul futuro: «Questa storia delle piscine finirà bene».
La storia dell´Acquaniene - due vasche al chiuso e una all´aperto che saltuariamente ospitano le bracciate di Federica Pellegrini, legno tek a terra e wi-fi gratis per i soci, l´intero piano zero dedicato a uno store dell´Adidas, «la migliore piscina d´Europa» secondo il fondista Valerio Cleri - è un paradigma del grottesco fallimento dei Mondiali di nuoto di Roma. I lavori dell´impianto ai piedi della Moschea sono partiti per volontà di Walter Veltroni sette mesi prima del varo della delibera 85, che avrebbe dato il via solo nel dicembre 2007 al piano di piscine pubbliche e private a corredo dell´evento sportivo. Il cambio di destinazione d´uso del terreno fu da guinness dei primati: da area mista ad area edificabile in poche settimane. E quando la magistratura ha preso in mano la partita "Roma 2009" partendo dalle pericolose speculazioni in realizzazione più a nord, al Salaria Sport Village di Diego Anemone, anche l´Aquaniene di Malagò ha pagato pegno: era cresciuto nell´alveo delle spericolate operazioni "grandi eventi" realizzate sotto la regia di Guido Bertolaso (oggi indagato per corruzione nella più ampia inchiesta sugli appalti della Protezione civile) e per mano degli ingegneri pubblici Angelo Balducci e Claudio Rinaldi (indagati entrambi per corruzione).
Nelle ultime due stagioni la procura di Roma ha sequestrato per due volte e due volte dissequestrato l´Aquaniene, adottando una politica non traumatica rispetto alla celebrazione dell´evento Mondiali di nuoto. Lunedì si saprà se il Gip Pavone ha provveduto al terzo stop. Giovanni Malagò, preoccupato, dice: «Non ho ancora ricevuto comunicazioni ufficiali. Certo se lunedì dovessero mettere i sigilli a una struttura che serve tremila ragazzini vivrei l´atto come una profonda ingiustizia».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news