LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Un nuovo quartiere da 2mila abitanti
ILARIA CARRA
DOMENICA, 12 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Milano





Sull´area ex Innse a Rubattino case e un centro sportivo



L´accordo porta a 87mila i metri quadrati di alloggi. Il sindaco: "Oltre a salvare la fabbrica, mettiamo l´area in sicurezza"


Un nuovo quartiere per almeno duemila persone, con negozi, un parco urbano e strutture pubbliche, probabilmente un centro sportivo. Periferia est, quartiere Rubattino: c´è un futuro scritto per quei 400mila metri quadri di terreni ex industriali rifugio fino a pochi giorni fa di quaranta famiglie rom e simbolo, l´estate scorsa, della lotta operaia di cinque tute blu. A un anno e un mese dal lieto fine del caso Innse, si risolve anche il disegno urbanistico che ha reso possibile la discesa dei cinque dal carroponte e la ripresa della produzione. In prefettura, sotto la regia del prefetto Lombardi, è stata siglata l´intesa tra Comune e l´immobiliare Aedes proprietaria dell´area, per la variante urbanistica che il Consiglio deve approvare entro il 31 dicembre e che porterà, nei prossimi anni, alla rinascita del quartiere. Una procedura necessaria per modificare il piano di riqualificazione che il Comune aveva concepito per l´area nel 1996: i conti per i proprietari dell´area, il gruppo immobiliare Aedes, dovevano tornare dato che la Innse non è stata smantellata, come da previsione, e in più al gruppo Camozzi che oggi la guida sono stati ceduti circa 20mila metri quadri per la manovra dei camion. In un anno di incontri, il riequilibrio oggi c´è: al posto del polo universitario della Chimica e di una buona quantità di uffici, sale significativamente la quota di residenziale che, per la sostenibilità economica dell´operazione, garantisce più affari. Da seimila si è saliti a 87mila metri quadri di appartamenti da realizzare (di cui 25mila in edilizia convenzionata), circa mille alloggi che sorgeranno verso Redecesio. Intorno, una struttura pubblica (il primo cantiere a partire, se si riesce già entro il prossimo anno), che probabilmente sarà un centro sportivo con piscina e campi di calcio e tennis per il quartiere. Poi, qualche ufficio, negozi (35mila metri quadri) e un parco di oltre 200mila metri quadri al posto dell´ex Palazzo di Cristallo da cui martedì sono stati sgomberati i rom, da abbattere. Ed è su questo aspetto che mette l´accento il sindaco: «L´accordo, oltre che salvare una realtà produttiva, ci permette di mettere in sicurezza un´area sgomberata l´altro giorno e che necessita del rapido abbattimento dei capannoni industriali dismessi», ha commentato Letizia Moratti. Nel frattempo, per evitare nuove occupazioni Aedes istituirà un servizio fisso di guardie giurate. In più arriveranno i pattugliamenti dei militari come «ulteriore controllo e garanzia di sicurezza», rincara il vicesindaco Riccardo De Corato. Aggiunge l´assessore all´Urbanistica Carlo Masseroli: «Inizieremo dalla demolizione dei capannoni più a est, per poi iniziare quanto prima i lavori di riqualificazione». Se non ci saranno intoppi nei cantieri, il nuovo cantiere sarà pronto nel 2015.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news