LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nella grotta di San Teodoro i resti fossili di un intero elefante
Antonino Sarica
Cultura (12/09/2010) gazzetta del sud



La Grotta di San Teodoro in Acquedolci, nella costa tirrenica della provincia di Messina, non finisce di sorprendere. Essa ha rivelato finora «tre importanti fasi della preistoria siciliana che si collocano tra 200mila e 11mila anni fa».
Archeologi e paleontologi, hanno lì messi in luce e raccolti preziosi reperti, in parte poi esposti nel municipio di Acquedolci a cura della Soprintendenza ai beni culturali messinese, auspici l'Ateneo peloritano e la locale amministrazione comunale. Molto si deve anche al signor Calogero Magrì, proprietario della grotta e dei terreni adiacenti, che a lungo e con vivo interesse badò spontaneamente alla protezione dei depositi.
«I risultati delle ricerche – spiega Laura Bonfiglio, docente ordinaria di Paleontologia nella facoltà di Scienze dell'Università di Messina e protagonista delle campagne di scavo condotte in Acquedolci tra il 1982 e il 2006 – sono stati via via pubblicati su riviste internazionali e presentati in congressi».
L'ultimo dei quali, su «I mammut e la loro famiglia», s'è tenuto in Francia, a Le Puy-en-Velay, dal 29 agosto al 5 settembre scorsi. A studiosi di tutto il mondo, in tale occasione, la professoressa Bonfiglio e la dottoressa Gabriella Mangano, anche lei paleontologa dell'Università di Messina, hanno reso nota la più recente eccezionale scoperta all'interno della Grotta di San Teodoro: i resti fossili di un intero elefante, peraltro in un ambito particolarissimo. Ma diremo meglio dopo.
La Grotta di San Teodoro si trova alla base di un'alta parete rocciosa calcarea. Ha un ingresso relativamente ridotto, è però molto estesa: 60 metri di lunghezza, 20 di larghezza, fino a 20 di altezza. L'Homo sapiens sapiens l'abitò intorno a 14.000-11.000 anni fa, ossia in una fase tarda del Paleolitico superiore, quanso si seppellivano già i morti, «accompagnando la sepoltura con forme rituali».
Dalla seconda metà dell'Ottocento, diversi studiosi descrissero ed esplorarono l'antro: Anca (1860), Vaufrey (1929), Maviglia e Graziosi (dal 1941 al 1946)... I segni della frequentazione umana preistorica si colgono a profondità compresa tra 20 centimetri e 1 metro. Abbondanti i tipici manufatti di selce e quarzite e gli avanzi di pasto (asino e bue selvatici, cinghiale, cervo, volpe). Aspetto di rilievo, nella Grotta di San Teodoro sono state localizzate le prime sepolture paleolitiche siciliane, cinque crani e due scheletri completi. Davvero sorprendenti le altre due fasi preistoriche indagate a fondo in anni più vicini, per identificare taluni copiosi depositi paleontologici.
Dapprima, alla base della parete rocciosa di Pizzo Castellaro, presso la grotta, precisa la professoressa Bonfiglio, «abbiamo messo in luce i depositi ghiaiosi e limosi di un antico bacino lacustre, 200.000 anni fa popolato da ippopotami. I cui resti fossili, moltissimi, sono stati recuperati in buona parte per lo studio; ma tanti altri sono stati lasciati in posto nei sedimenti per realizzare un percorso museale». Successivamente, in sedimenti più profondi, all'interno della grotta, ecco un inatteso, quanto raro, deposito.
«La caratteristica di questo deposito – osserva la dottoressa Gabriella Mangano – è data dalle abbondantissime evidenze della frequentazione della grotta da parte di popolazioni di iene, più o meno 40.000 anni fa, che vanno dai resti scheletrici all'impressionante quantità dei loro inconfondibili crupoliti, cioè escrementi fossili».
Insomma, un giacimento faunistico di grandissimo valore paleoambientale.
Proprio in questo deposito, lo scheletro di elefante di cui dicevamo. «È un caso unico – aggiunge la professoressa Bonfiglio – che un intero elefante appaia compreso nello stesso livello di una tana di iene. Un caso che va dunque considerato con la massima attenzione».
E conclude la studiosa: «Le ricerche archeologiche e paleontologiche in Acquedolci, ferme da troppo tempo per mancanza di risorse, meritano d'essere riprese senza indugio. La Grotta di San Teodoro e i terreni contigui promettono ancora rivelazioni di notevole livello scientifico».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news