LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali: domani apertura, museo archeologico Ustica
Sabato 11 Settembre 2010 16:08




Beni culturali: domani apertura, museo archeologico UsticaPalermo - Domani, domenica 12 settembre, alle ore 12, sara' presentata un'anteprima del Museo Archeologico comunale di Ustica, intitolato a padre Carmelo Seminara da Ganci, parroco di Ustica per cinquant'anni,che, dell'archeologia di Ustica,fu il primo scopritore e sostenitore. All'apertura del Museo, cui presenziera' l'assessore regionale dei Beni Culturali e dell'Identita' Siciliana, Gaetano Armao, saranno presenti il sindaco di Ustica, Aldo Messina, il presidente e il segretario del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica, Franco Foresta Martin e Vito Ailara.

L'esposizione, curata da Francesca Spatafora, responsabile delle ricerche archeologiche usticesi, comprende, al momento, una selezione significativa di reperti risalenti alla Media Eta' del Bronzo(1400-1200 a.C.). I pezzi sono stati rinvenuti nel corso delle ricerche al villaggio preistorico dei Faraglioni, avviate dalla Soprintendenza di Palermo fin dal 1974 e riprese, dalla stessa Soprintendenza, a partire dal 2003. Si tratta, soprattutto, di suppellettili domestiche destinate alla conservazione delle derrate, alla preparazione, cottura e consumo degli alimenti.Vi sono anche reperti connessi alla produzione metallurgica, utensili d'ossidiana,monili e oggetti di materiale vario(pietra, bronzo,terracotta),raccolti sui piani d'uso delle capanne preistoriche e li' lasciati a causa dell'abbandono improvviso del villaggio avvenuto, nel XII secolo a.C., per calamita' naturali.

Emblematica e fortemente caratterizzante sotto il profilo storico e',inoltre,la sede del nuovo museo,un complesso detto il "Fosso",situato sul costone che domina la Cala di Santa Maria. Si tratta, infatti, di alcuni dei cosiddetti "cameroni" destinati ai confinati che trasgredivano il regolamento:un luogo di sofferenze e di soprusi utilizzato, fin da epoca borbonica e ancora nei primi decenni del novecento,quando i confinati comuni furono trasferiti in altre isole, per far posto ai politici antifascisti. Una parentesi che durera' dal '26 al '28. Quando,il 7 dicembre 1926,giunse ad Ustica Antonio Gramsci i 'politici' presenti sull'isola erano poco piu' di una decina, ma nel giro di qualche mese diventarono oltre seicento,un gruppo di uomini che diede vita anche ad attivita' sociali. Il confino fini',cosi',con il rappresentare anche un'esperienza costruttiva di cui l'isola conserva viva la memoria.

Il recupero e il restauro di un luogo di cosi' forte valenza simbolica, dunque,fortemente voluti dall'Amministrazione comunale di Ustica e dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Palermo - che, anche in questa occasione, hanno lavorato in stretta e proficua collaborazione - e',oggi,occasione per riappropriarsi, attraverso la rifunzionalizzazione di quegli spazi, di una memoria che affonda le sue radici in molti millenni di storia.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news