LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - LUCCA. Il tempio ligneo del Frizzone rischia lo sfratto.
ARIANNA BOTTARI
DOMENICA, 12 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Lucca



Il tempio rischia lo sfratto

Da tre anni è conservato a Prato, ma nessuno paga il restauro



Le travi lignee di epoca romana rinvenute al Frizzone si trovano in tre enormi vasche piene di acqua depurata di continuo


LUCCA. Il tempio ligneo di epoca romana rinvenuto al Frizzone oltre tre anni fa rischia lo sfratto. Immerso in due vasche d’acqua depurata nei locali dello studio Piacenti di Prato, il reperto di inestimabile valore non ha ancora una casa né gli sono stati destinati fondi necessari per il restauro.
Il contratto con il laboratorio pratese (spese per tre anni pagate dalla Società Autostrade) è scaduto da alcuni mesi e, nonostante la buona volontà dei titolari, il tempio non potrà rimanere a Prato per sempre.
Per conservarlo hanno dovuto realizzare tre vasche lunghe circa sei metri e alte uno piene di acqua depurata in continuazione. Le vasche occupano la metà degli spazi del laboratorio Piacenti.
«Il legno deve rimanere immerso in acqua, solo così si mantiene intatto e continua ad espellere tutti gli inquinanti accumulati nei secoli. Fuori dall’acqua si deteriorerebbe in pochissimo tempo». Parla Marcello Piacenti, che ha seguito in prima persona le sorti della struttura lignea. I Piacenti sono tra i massimi esperti di recupero e restauro del legno. La famiglia tramanda il mestiere di generazione in generazione da fine Ottocento. Con grande soddisfazione il laboratorio, ormai più di tre anni fa, accettò l’incarico di recupero della struttura rinvenuta a Capannori dagli archeologi. «Il professor Michelangelo Zecchini ci disse subito che si trattava di un esempio unico. Quando ricevemmo l’incarico dalla Società Autostrade, partecipammo all’estrazione e poi trasportammo le travi nel nostro laboratorio, dove le tre vasche erano state appositamente costruite per alloggiarle e dare inizio al processo di depurazione - spiega il restauratore -. Mai ci saremmo aspettati che la vicenda sarebbe finita in questo modo. Alla depurazione sarebbe dovuto seguire il recupero e restauro, ma i fondi non sono mai stati trovati. Così il tempio è ancora qui da noi, sott’acqua, in attesa di sapere quale sarà il suo futuro. Il nostro contratto è scaduto, ma il professor Zecchini ci ha chiesto di “ospitarlo” ancora per un po’, nella speranza che qualcosa si muova. Devo ammettere che per noi i costi sono notevoli».
«Possiamo andare avanti così ancora per un po’, ma non per molto - dice Piacenti -. Ricordo che all’inizio gli enti erano entusiasti della scoperta e ci rassicurarono sul suo futuro e sui fondi che gli sarebbero stati destinati per il restauro. Poi, all’improvviso più nulla. Non abbiamo visto più nessuno. Per noi tenerlo qui è un sacrificio, che facciamo volentieri per il valore della scoperta - conclude l’esperto - ma saremmo ancora più felici se sapessimo che, finalmente, è possibile restaurarlo e, soprattutto, renderlo visibile a tutti».



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news