LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Indiana Jones ai Fori Imperiali, il mistero delle 500 casse
Alessandro Fulloni
CORRIERE DELLA SERA 12 set 2010 Roma




Riemergono i reperti catalogati nel 1939: sono in un caveau al Museo della Civiltà romana

Da pagina 1 Proprio come nella scena finale del film «Indiana Jones e i predatori dell’Arca Perduta», dove una «zoomata» riprende un numero incalcolabile di casse che stipano tesori archeologici dimenticati. Solo che qui non è finzione cinematografica. E’ tutto vero e ad aprirle viene fuori uno scoppiettante racconto della vita di tutti i giorni ai tempi dell’antica Roma. Le casse, 500 in totale, sono quelle «riscoperte» dagli «007» della Sovrintendenza capitolina ai beni culturali e in qualche modo « dimenticate » dal 1939, anno in cui vennero sigillate in attesa di capire che farne. Poi venne la guerra e quel patrimonio – «dal valore inestimabile» – è rimasto silenziosamente abbandonato in qualche sotterraneo dell’Urbe. Materiale perlopiù proveniente dagli scavi per la costruzione della via dell’Impero - l’attuale viale dei Fori imperiali - ma anche da ricerche precedenti, che risalgono addirittura alla fine del XIX secolo dalle parti del Celio e del Palatino. Adesso stanno all’Eur, in un gigantesco caveau del Museo della Civiltà romana e se il loro contenuto - marmi, bronzi, utensili domestici, ceramiche, avori, mosaici, affreschi, vetri - sta tornando alla luce è per la decisione del sovrintendente Umberto Broccoli e del direttore dei musei capitolini Claudio Parisi Presicce che vogliono conoscere quel che c’è dentro i contenitori.
Sculture Molte anche le statue e i bassorilievi ritrovati durante gli scavi dell’anteguerra

Il termine esatto, quello utilizzato dagli archeologi per indicare il minuzioso tipo di lavoro che stanno svolgendo, è «processare». Vale a dire che ogni singolo oggetto conservato nelle casse - ne sono state aperte sinora 150 - viene catalogato, fotografato, censito con una specie di scheda riassuntiva, ripulito, restaurato se il caso. Tutte informazioni che finiscono in un data-base digitalizzato che mette a confronto lo studio condotto dagli « archeo-investigatori» all’opera al museo dell’Eur con quello, altrettanto certosino, ultimato dai loro predecessori oltre settant’anni fa. Anche loro «molto, molto bravi», per stessa ammissione di Broccoli. Se oggi, con sufficiente precisione, si riesce a capire da dove vengano quelle migliaia di reperti è anche per merito loro, che di quei ritrovamenti registrarono praticamente tutto, giorno, luogo e profondità del rinvenimento, «inventando, in sostanza, un metodo che prima non c’era» osserva ammirato Parisi Presicce.

La mole delle casse (piuttosto larghe e alte, un paio di metri per uno) accatastate una dopo l’altra è impressionante. E l’effetto suggestione aumenta a guardare le indicazioni misteriose, tracciate sul legno nel 1939, che ne svelano il contenuto. La «M» sta per «marmi», «PI» per «provenienza impero», «PV » per «provenienza varia». Ma le indicazioni possono essere anche più specifiche, come «Foro di Nerva», in altri casi più generiche, «Via dell'Impero». E poi il numero progressivo a conteggiarle, da 1 a 500. Nelle 100 casse «processate» sinora sono stati contati 9 mila reperti, dai tubi idraulici a quelli che servivano per una specie di riscaldamento, con l’acqua calda che arrivava direttamente dalle terme.

Dai sotterranei blindati dell’Eur viene fuori di tutto, anche quel che non t’aspetteresti, come le zanne di un elefante che cinquantamila anni fa pascolava nei pressi della Caput Mundi e una tela di lino perfettamente conservata che sembra una specie di Sindone. «Sappiamo che venne ritrovata dentro un’urna funeraria in una casa patrizia localizzata nei pressi di quella che oggi sarebbe via Genova. E’ un pezzo unico, straordinario - spiega il direttore dei musei capitolino - difficilmente i tessuti resistono al tempo e si conservano soltanto nei climi secchi, come quello egiziano». Proprio per meglio conservarlo, il lenzuolo è stato sigillato tra due lastre di vetro che evitano il contatto con l’aria. Per aprire «l’arca» formata da tutte le casse ci vorranno altri 2 anni. Poi il contenuto potrebbe essere utilizzato per raccontare in giro per il mondo come si viveva a Roma 2 mila anni fa.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news