LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Lo scandalo del parco-necropoli tra Porcari e Capannori: centinaia di migliaia di euro finiti nel nulla
BARBARA ANTONI
LUNEDÌ, 13 SETTEMBRE 2010 il tirreno - Toscana



Trovo un tesoro e poi l’abbandono

Lucchesia, terra di sprechi: fattorie romane tra le erbacce, i resti di un tempio in magazzino







Gli scavi, i reperti che affiorano, di valore inestimabile, archeologico e scientifico. Fior di studiosi, grandi progetti e soldi. Sembrava l’inizio di un sogno, ma è stato solo un flash. I grandi progetti non sono mai decollati. Il parco delle cento fattorie romane è rimasto lettera morta; il tempio ligneo rinvenuto giace in un laboratorio, i quattro scheletrini trovati vicino sono custoditi in un magazzino. E centinaia di migliaia di euro sono finite nel nulla.
Succede nella piana lucchese, in una striscia di territorio a cavallo di due Comuni - Capannori e Porcari - un luogo che, archeologicamente parlando, è considerato uno scrigno, perché qui si riscontra una caratteristica se non unica molto rara: i reperti che riaffiorano sono così ben conservati da dare - ancora oggi - una visione complessiva del paesaggio come era organizzato oltre due millenni fa. Ma è anche un luogo dimenticato, nonostante abbia vissuto periodi d’oro.
La storia comincia nel 1987, quando il gruppo di archeologi guidato dal professor Michelangelo Zecchini comincia a scavare a Fossa Nera, dove - nel 2004 - riaffiorerà la prima fattoria romana.
Vista l’entità dei ritrovamenti - una fattoria romana con ancora intatti i palmenti per la vinificazione e le presse per l’olio - parte subito la macchina dei progetti e relativi finanziamenti. Tutti - Provincia, Comuni di Capannori e Porcari - premono perché nasca il parco archeologico delle cento fattorie romane, che ha sulla carta tutti i numeri per diventare anche una risorsa turistica e quindi economica. I primi soldi (dati della Provincia) arrivano dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena: 200mila euro, che se ne vanno subito, oltre che per i finanziare gli scavi anche per realizzare la strada (oggi piena di buche) che vi conduce e la segnaletica specifica (oggi coperta da erbacce). In tutto i finanziamenti previsti ammontano a 333mila euro; tolti i 200mila della Fondazione Mps, ci sono 50mila euro della Provincia, 65mila di Porcari e 18mila di Capannori. Il professor Zecchini ricorda bene quel periodo: «Il finanziamento era previsto in tre anni. Ma si è fermato al secondo. Io ero stato incaricato dalla Provincia, ente capofila, come direttore dei lavori. Avevo fatto venire studiosi da tutta Europa e dall’America a visionare gli scavi. Sembrava che il progetto avesse preso il volo ma d’improvviso si fermò. Ufficialmente, si disse, perché la mancanza di una firma su un documento aveva bloccato le erogazioni di soldi. In realtà, credo che intorno al progetto sia venuto meno l’interesse».
Non furono gli unici soldi spesi e caduti nel nulla. Perché al progetto, via via venivano destinate piccole cifre anche dai Comuni, rammenta Zecchini. Giulio Ciampoltrini, funzionario della Sovrintendenza responsabile per l’area lucchese, conferma che «in venti anni si sono investite cifre strabilianti in queste aree archeologiche» e aggiunge che «lasciar andare tutto in malora sarebbe criminale. C’è un potenziale che deve essere valorizzato, bisogna farlo rivivere in altri modi».
È il 2006 quando per il parco delle fattorie romane comincia il declino. In quel periodo si scava anche vicino, al Frizzone, per costruire il nuovo casello autostradale di Capannori. Gli scavi fanno riemergere un esemplare probabilmente unico al mondo: un tempio ligneo dedicato a Dioniso, in legno di quercia, vecchio di 2150 anni. Un gioiello assoluto, vicino al quale vengono trovati quattro scheletri di neonati. Provincia e Autostrade per l’Italia firmano un accordo per realizzare, accanto al casello, un museo sotterraneo dove custodire il tempio. In breve il museo viene costruito da Autostrade, ma rimane lì: 240 metri quadrati di superficie, una enorme teca vuota. Il tempio ligneo, ad oggi, è immerso nelle vasche di acqua depurata del laboratorio Piacenti di Prato, e rischia lo sfratto. Ciampoltrini dice che sarà restaurato nel giro di alcuni anni, ma i Piacenti lamentano che oltre i soldi di Autostrade per custodire il tempio non hanno mai ricevuto compensi per il restauro.
(ha collaborato Arianna Bottari)



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news