LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Al Castello la «Vergine dei bastioni»
di Flavia Mazza Catena
IL GIORNALE articolo di lunedì 13 settembre 2010




Un pezzo di mura medievali di Milano nel tratto quasi completamente distrutto dalla dominazione spagnola, l'altorilievo «Madonna con Bambino e angeli reggicortina» attribuita al «maestro delle sculture di Viboldone», ritorna a Milano, al Castello sforzesco, dopo essere stata depositata per anni a Riozzo, frazione di Cerro al Lambro, nella chiesetta da tempo inagibile di San Rocco. Un vero e proprio miracolo reso possibile dalla volontà ferrea di chi, a partire da parrocchia e Pro loco di Riozzo, ha fatto di tutto perchè il reperto non andasse perduto ma, invece, valorizzato come meritava. E ora l'opera sarà ufficialmente presentata alla città meneghina domani, martedì, alle 18 nella Sala della Balla dello Sforzesco con il sindaco Letizia Moratti, la proprietà e cioè i dirigenti dell'Azienda di Servizi alla Persona «Golgi-Redaelli» di Milano, la restauratrice Camilla Mancini, nota professionista fiorentina e il presidente di Italia Nostra, sezione di Milano, Marco Parini che, tramite il Fondo Enzo Monti, ha finanziato il restauro della preziosa opera d'arte. La scultura risale al quattordicesimo secolo e, secondo recenti studi, parrebbe derivare da una delle porte urbiche di Milano, i bastioni, che decoravano la Porta Vercellina demolita dagli spagnoli all'inizio del loro dominio su Milano, per allargare le cinte difensive della città. Su come la scultura sia finita a Riozzo ci sono teorie e persino leggende. Dal suo ritrovamento nelle acque del Lambro (racconto tramandato tra i riozzesi da generazioni) all'improvvisa inamovibilità del carro che trasportava la scultura mentre passava per Riozzo. Ma la teoria tuttora più accreditata è che a portare la Madonna a Riozzo siano stati i Visconti Aicardi, antichi signori di queste terre, che all'epoca risiedevano proprio nel sestriere di Porta Vercellina. E l'abbattimento di Porta Vercellina precede di poco le prime notizie dell'oratorio di San Rocco, in cui per anni è stata custodita la Madonna, che fu visitato da San Carlo Borromeo nel 1567. Adesso l'opera sarà conservata al castello Sforzesco. Ma non per sempre. In previsione, invece, che si possa dare un futuro all'antica chiesetta di San Rocco a Riozzo. Perchè questo bene storico possa un giorno tornare tra i riozzesi, che per secoli hanno venerato quella che hanno sempre pensato coma la loro cara Madonna con Bambino.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news