LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il cantiere di una centrale minaccia l'anfiteatro morenico delle Alpi
MARINA PAGLIERI
Repubblica - Torino, 9-9-2010

A Gressoney una contesa giudiziaria tra cugini mobilita anche il Fai, che ha ricevuto ben 1300 segnalazione come 'luogo del cuore'. "Non è una guerra familiare, vogliamo sensibilizzare tutti su un caso di interesse generale".

C'è un alpeggio ai piedi del ghiacciaio del Rosa, nel cuore di un paesaggio maestoso e fragile, incontaminato, che quest'estate ha ricevuto più di 1300 segnalazioni come "Luogo del cuore" del Fai. E c'è una famiglia che si trova schierata su due opposti fronti. Da una parte il proprietario dell'area, che vuole preservarla perché continui a essere un pascolo, in cui esercitare l'attività agricola. Dall'altra il cugino, membro di una società che ha ottenuto l'autorizzazione dalla Regione Valle d'Aosta per costruire una centrale idroelettrica poco distante. E che, forte di ciò, sta mettendo in atto un esproprio.
La valle è quella di Cortlys, prende il via da Staffal, a Gressoney La Trinité, e finisce ai piedi del ghiaccaio del Lys. I contendenti sono i Beck Peccoz, Antonio e Giovanni, cugini di primo grado. L'area intorno a Cortlys è definita dagli studiosi di fondamentale interesse per tutta la comunità scientifica internazionale perché - il parere è del geologo Mattia De Amicis, dell'Università Bicocca di Milano - "rappresenta all'interno dell'Arco Alpino occidentale, insieme al ghiacciaio del Rutor, l'unico esempio integro di anfiteatro morenico nel quale si posano effettuare studi di carattere paeleoglaciale, dendrocronologico e paleoecologico, alla base di ogni valutazione sui cambiamenti climatici".

Quest'area rischia ora di essere attraversata da una pista di cantiere per l'accesso degli automezzi. Nonostante manchi l'approvazione per questo da parte della Giunta regionale, come da deliberazione del 27 febbraio 2009 (c'è però una successiva autorizzazione dell'Assessorato opere pubbliche, del 1° aprile di quest'anno). La società interessata - The Power Company srl, con l'associata Contracta spa e la fiduciaria Aletti, che la controlla - ha inoltre presentato domanda per un ampliamento significativo dell'impianto originario, tale da snaturare il progetto iniziale per la centrale. La quale, tra l'altro, non fornirebbe acqua alla zona. E verrebbe edificata a Stafal, a poche decine di metri da un residence e da un albergo, producendo inquinamento acustico e ostacolando il turismo della valle.
"Sia chiaro, questa non è una guerra familiare, semplicemente abbiamo voluto sensibilizzare l'opinione pubblica su una grave questione di interesse generale, che ha tra l'altro suscitato grande attenzione da parte degli abitanti", dice Roberta Aluffi Beck Peccoz, docente a Giurisprudenza a Torino e moglie di Antonio, il proprietario dell'area. Il prossimo passo è ora la discussione della questione al Tar, prevista il 22 settembre.

"Mio cugino e io apparteniamo alla stessa famiglia, ma abbiamo due modi opposti di vedere le cose, e lo stesso era per i nostri rispettivi padri, che erano fratelli - continua Antonio. - Non intendo però mettere in campo questioni personali o familiari, per ora il fatto della parentela mi ha creato più che altro difficoltà". L'obiettivo ora è ottenere un riconoscimento dal Tar, in attesa pure che venga presentata una petizione al Consiglio regionale della Valle d'Aosta. Oltre a quello di arrivare a quota 2000 nella raccolta di firme per il Fai, per essere in tanti - conclude Roberta Aluffi - "a cercare di respingere o contenere al massimo questo attacco"


(09 settembre 2010)

http://torino.repubblica.it/cronaca/2010/09/09/news/il_cantiere_di_una_centrale_minaccia_l_anfiteatro_morenico_delle_alpi-6888741/


news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news