LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei e retribuzioni dei direttori. Lo stipendio della cultura
Andrea Kerbaker
Corriere della Sera - Milano 14/9/2010

Sul Corriere di lunedì, la notizia dell'imminente concorso per l'assunzione di un direttore del Museo del Novecento pareva essere sotto tutti gli aspetti una di quelle positive: decine di curricula qualificati presentati da tutto il Paese, una cinquantina di profili scelti, per un concorso pubblico che, per una volta, sottrae una posizione di rilievo alla chiamata per assunzione diretta, male oscuro che affligge nel profondo la nostra civiltà della raccomandazione. Purtroppo però la sensazione di positività era destinata a durare poco. Perché alla voce «stipendio» l'articolo riporta una cifra di 2.000 euro al mese, tanto modesta per un incarico di questo livello che siamo andati a controllare sul bando, pensando a un refuso. Macché, è tutto vero: per la precisione, si tratta di 41.968 euro lordi all'anno, integrati da una «retribuzione di posizione» e una «di risultato», non specificate, ma certamente non in grado di aumentare la cifra fino a stravolgerla. Uno stipendio di questo tipo è quello che riscuote un bravo trentenne, laureato, che muova i primi passi in un'azienda, senza essere ancora divenuto dirigente. Ma la retribuzione non è elevata neppure per il settore pubblico: all'interno della stessa amministrazione comunale, molti direttori e dirigenti guadagnano, giustamente, cifre decisamente più alte. Se ne deduce quindi che, nelle intenzioni dell'estensore del bando, il direttore del Museo conta assai meno di parecchi responsabili del Comune. Il che cozza, e molto, con le ambizioni della nuova struttura: aspettata da anni, centralissima nella posi- rione, direttamente affacciata sulla Piazza del Duomo; cioè con tutte le caratteristiche giuste per divenire in fretta un centro propulsore nella vita culturale della città. Una missione che, per essere svolta adeguatamente, deve avere un direttore in grado di coprire compiti di alta responsabilità, dalla manutenzione alla tutela delle opere esposte, dall'ideazione delle mostre e delle iniziative alle strategie di immagine. Per posizioni analoghe, all'estero gli stipendi sono infinitamente più elevati. Giusto per fare un termine di paragone, ad agosto sulla prima pagina del New York Times impazzava una polemica estiva sui bonus dei direttori dei principali musei cittadini che, oltre a essere retribuiti con un paio di milioni di dollari all'anno, fruiscono abitualmente di appartamenti nell'Upper East Side, uno dei quartieri più ambiti della città. Certo, Milano non è New York; e in Italia la cultura non riesce a divenire un'azienda, quindi ha stipendi molto compressi. E poi la crisi, la necessità di contenere i costi eccetera. Tutto vero, sacrosanto; lungi da noi difendere la civiltà dello spreco pubblico, assai praticata in un passato neppure troppo remoto. Ma che cultura dobbiamo aspettarci da chi le attribuisce valori così totalmente fuori mercato?



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news