LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Van Gogh senza girasoli
LAURETTA COLONNELLI
CORRIERE DELLA SERA 15 settembre 2010

Arriva Van Gogh e lancia la sfida a Caravaggio. O almeno quanto si augurano gli organizzatori della mostra al Vittoriano, che dall'8 ottobre al 6 febbraio presenta Vincent van Gogh. Campagna senza tempo-Citt moderna, con una settantina di opere del maestro olandese e una trentina di grandi pittori che lui ha ammirato o con i quali ha lavorato, come Millet e Pissarro, Czanne e Gauguin. Abbiamo portato a buon fine un sogno nel cassetto, ha detto Alessandro Nicosia presidente di Comunicare Organizzando, che ieri ha anticipato la mostra nei saloni del ministero dei Beni culturali. E stato il sottosegretario Francesco Giro a ricordare gli oltre cinquecentomila visitatori della recente esposizione di Caravaggio alle Scuderie del Quirinale, un record al quale van Gogh potrebbe avvicinarsi. Hanno entrambi il fascino di pittori maledetti e in pi van Gogh molto amato dai giovani. Il Vittoriano per tutta la durata della mostra diventer un museo dei musei e la citt, per i 150 anni dell'Unit d'Italia e i 140 di Roma Capitale sar protagonista mondiale dell'arte. Con un allarme, per, lanciato per l'ennesima volta dall'assessore capitolino alla cultura Umberto Croppi: La rassegna dedicata a Van Gogh potrebbe essere l'ultima grande mostra. E questo a causa dell'entrata in vigore del provvedimento contenuto nella legge finanziaria secondo cui nel 2011 le amministrazioni pubbliche, o le societ partecipate, non potranno spendere pi del 20 per cento per mostre e pubblicit di quanto gi investito nel 2009. Ci significa - ha spiegato Croppi - che il Vittoriano, il Palazzo delle Esposizioni, i Musei Capitolini, il Macro, ma anche la Triennale di Milano dovranno prevedere una fortissima riduzione del loro budget. Significa, in poche parole, smettere di fare le mostre. A meno che la norma, una svista evidente, non venga modificata entro pochi giorni. Giro ha promesso che si adoperer per far correggere alcune incoerenze - contenute nella norma complessiva, quelle relative a una regola che impedirebbe ai Comuni di sponsorizzare le mostre. E immagino che lo dovremo fare rapidamente. Intanto al Vittoriano arrivano dai musei di tutto il mondo e da molte collezioni private le opere, a cominciare da quelle realizzate nei primi anni Ottanta dell'800, quando abbandonata l'idea di diventare predicatore come il padre, Van Gogh decise di dedicarsi alla pittura non per dare piacere a un certo gruppo ma per esprimere un giusto sentimento umano, come confessa se stesso. Ci sono in questi primi lavori, i colori smorti della campagna olandese, tutta una sinfonia di bruni per raccontare la vita dei contadini, i loro casolari coni tetti di paglia ricoperti di muschio e i pavimenti di terra battuta che lui paragonava a nidi d'uccello, considerandoli la dimora ideale per una famiglia felice. Sono i lavori forse meno conosciuti. Ma non mancano quelli dipinti a Parigi e nel sud della Francia, con l'esplosione dei gialli dorati, degli azzurri mediterranei, dei verdi in tutte le sfumature. L'attenzione dei curatori, guidati da Cornelia Homburg, si tuttavia concentrata su un aspetto inedito: le due inclinazioni contraddittorie che spesso guidarono il pittore nella scelta dei soggetti. Da una parte l'amore per la campagna come ambiente fisso e immutabile, dall'altra il legame con la citt, centro della vita moderna e del suo rapido movimento. Non ci sar il Van Gogh dei Girasoli e delle nature morte - ha annunciato Homburg - ma, accanto a lavori usciti per la prima volta dalle collezioni private, non mancheranno opere celeberrime. Come l'autoritratto coni cappello, proveniente dal Rijksmuseum di Amsterdam, che stato anche scelto come immagine pubblicitaria della mostra. Tra le novit, la collaborazione di Giordano Bruno Guerri, che per l'occasione passa dal Vittoriale, di cui presidente, al Vittoriano. Con l'incarico di organizzare tre dibattiti e tre cineforum.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news