LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - LUCCA. Al vento 672mila euro di soldi pubblici spesi per finanziare i siti archeologici
Arianna Bottari
15-09-10, IL TIRRENO


LUCCA. C’è futuro per il Parco delle 100 fattorie romane e per il museo del Frizzone. Parola del presidente della Provincia Stefano Baccelli, che annuncia: «Il progetto è stato inserito nel nuovo protocollo sugli assi viari della Piana. Mentre per il museo del Frizzone la situazione dovrebbe sbloccarsi una volta siglato l’accordo di programma tra Regione, Comuni di Capannori e Porcari e Provincia relativo al nuovo casello del Frizzone. A finanziare l’opera dovrebbe essere la Società Autostrade». Ma Baccelli non si limita a rassicurare. Passa anche all’attacco: «Abbiamo chiesto più volte l’aiuto del ministero, non è mai arrivata risposta». Da un’inchiesta de Il Tirreno è emerso che la campagna di scavi è interrotta. Il progetto del parco delle cento fattorie romane pare dunque fallito. Cosa risponde la Provincia? Voglio essere molto chiaro: finora, gli unici ad avere consapevolezza dell’importanza sia della campagna di scavi, sia del progetto del parco archeologico della Piana,, oltre che di un museo al Frizzone, sono stati gli enti locali, Provincia e Comuni di Capannori e Porcari, e le Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca e Monte dei Paschi, che dal 2005 al 2009 hanno investito complessivamente 672mila euro. È evidente che, per quanto cospicua, questa somma non è bastata. Cos’è mancato? Bisogna dire che senza l’intervento di Provincia e Comuni, le cento fattorie non sarebbero state nemmeno scoperte. È mancata la presenza del ministero dei Beni Culturali, proprietario del sito e titolare esclusivo delle competenze in materia. È da questo dicastero che dipendono le Sovrintendenze Archeologiche. A quella toscana fa riferimento tutta l’operazione delle cento fattorie. Che si debba essere noi a sollecitare lo Stato è un’anomalia. Le cento fattorie sono state presentate in contesti nazionali e internazionali come una nuova Pompei. A Pompei è lo Stato che interviene direttamente. Eppure stando alle dichiarazioni degli archeologi che hanno lavorato a questo progetto sembra che le cose non stiano proprio così. Stupisce non tanto la sollecitazione degli archeologi a ritrovare l’interesse per il sito, quanto l’indirizzo a cui questa sollecitazione viene inviata: il destinatario non può essere che il ministero. La Provincia si è mai rivolta al governo centrale per questa vicenda? Certo. Nel 2008, Provincia e Comuni trasmisero ad Arcus, la società statale che valorizza i beni culturali, un programma di interventi, che non è mai stato finanziato. Siamo di fronte all’ennesimo paradosso di uno Stato che taglia le risorse degli enti locali e poi pretende che gli enti si sostituiscano allo Stato. Così, siamo in una situazione di stallo? Il nostro interesse e la nostra azione per il sito archeologico delle cento fattorie non sono mai venuti meno. La Provincia continua ad impegnarsi, anche a ricercare nuove risorse economiche: nel nuovo protocollo sugli assi viari promosso dalla Regione (all’interno della progettazione preliminare Anas), tra le opere connesse e funzionali, sono previsti ampi riferimenti al parco della Piana e a quello archeologico, previsto dal nuovo Piano Territoriale di Coordinamento e al centro delle proposte che saranno presentate il 23 settembre in un convegno a Palazzo Ducale sui temi legati alla progettazione degli spazi aperti. E per il museo del Frizzone? La Società Autostrade si è impegnata a finanziare il progetto, sulla base di un protocollo d’intesa predisposto con la Provincia, che la stessa Società Autostrade sottoscriverà non appena sarà andato “a buon fine” l’accordo di programma tra Regione, Comuni di Capannori e Porcari, Provincia, relativo al casello del Frizzone. Per la sua realizzazione avevamo chiesto il contributo di Arcus, ma ci è stato negato. Qual è il suo auspicio? Chiedo che la Soprintendenza regionale si impegni a sensibilizzare il ministero affinché prenda provvedimenti, sia in termini progettuali che di investimenti finanziari, anche nel rispetto delle risorse che gli enti locali hanno già investito. La Provincia e gli altri enti interessati continueranno a fare la loro parte.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news