LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Il Regolamento va in consiglio
Paola Villani
15-09-10, 10Grosseto IL TIRRENO


FOLLONICA. Alla fine Follonica avrà il suo Regolamento urbanistico. Dopo anni di ritardi l’atto più importante per lo sviluppo di una città, torna in consiglio comunale per l’approvazione definitiva. Data probabile l’8 ottobre, anche se ancora manca la convocazione ufficiale, ma dovremmo, è sempre bene usare il condizionale quando si tratta del Regolamento, essere vicini alla fine di questo iter così travagliato. Anni di attesa, infatti, e vittime eccellenti: da ben 3 anni e mezzo, precisamente dal marzo 2007 (prima data nella quale doveva essere approvato il nuovo Regolamento urbanistico), i follonichesi attendono di conoscere quale sarà il nuovo assetto della città. Dietro l’attesa anche grandi interessi, si sa che con il nuovo atto prenderanno il via importanti lavori di urbanistica, e uno slancio del genere non può che portare nuova ricchezza ad una città, che risente fortemente della crisi economica. Vittime poi, oltre che attese: impossibile dimenticare il caos politico del settembre 2008, quando seduto sulla poltrona di sindaco c’era Claudio Saragosa. Consigli comunali infuocati, con ritiri delle delibere giudicati dilettanteschi, segretari di partito che tirarono i remi in barca, assessori indignati che lasciarono la carica e accuse che arrivarono anche dai vertici provinciali del Pd (note le dichiarazioni di Marzio Scheggi che rimandò la colpa della mancata approvazione agli uffici del Comune). E Saragosa tutto questo se lo ricorda bene, visto che da quel caos è derivata con ogni probabilità l’ascesa al potere di Eleonora Baldi, chiamata, si disse all’epoca, dal partito a prendere il suo posto. Così l’ex sindaco oltre a non poter giocare da protagonista nell’attuazione del progetto dei progetti, il Parco Centrale, da lui creato, vedrà adesso prendersi il merito di un’approvazione, quella appunto del Regolamento, dal nuovo governo in carica. Bocconi amari, difficili da digerire: se una prima piccola vendetta Saragosa, l’ha presa, parlando in maniera negativa del progetto definitivo dell’architetto Byrne sul Parco Centrale, chissà cosa accadrà in futuro. Forse una lista civica con la quale presentarsi alle prossime amministrative? Intanto si sono concluse le riunioni della commissione dedita all’urbanistica, le osservazioni sono state vagliate una ad una e adesso non rimane che attendere la delibera di giunta, poi il nuovo passaggio in commissione ed infine, finalmente, l’arrivo dell’atto in consiglio. Saranno scomparsi tutti i conflitti di interesse? Stavolta tutto filerà liscio? Che esito avranno le duecento osservazioni al regolamento consegnate agli uffici comunali? Saranno state accettate? Quanto avranno modificato l’originale atto? Mancano pochi giorni e forse e tutti sono in attesa.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news