LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Scendono in campo i privati per il nuovo museo egizio
VALERIO VARESI
GIOVEDÌ, 16 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Bologna




Horemheb, gran faraone di Bologna si progetta una casa tutta per lui



Stiamo valutando la possibilità di spostare la sezione egizia dall´Archeologico rendendola autonoma

La società di progettazione "Sts" è pronta a redigere piani e disegni di un futuro museo


La società della Legacoop "Sts" pronta a stilare il progetto


Per un museo egizio autonomo e scorporato dall´Archeologico, scendono in campo anche i privati. La società «Sts», appartenente al Consorzio cooperativo costruzioni, è pronta a redigere un progetto per la nuova esposizione. Il Comune ci sta pensando, mentre si fa strada l´idea di un «gemellaggio» tra Bologna e Luxor sulla figura del grande condottiero e faraone Horemheb, visto che i rilievi della sua tomba di Menfi sono custoditi proprio all´Archeologico. In progetto anche scavi sul suo tempio funerario.


A favore di un museo egizio autonomo, scorporato dall´Archeologico, scendono in campo anche i privati. Ieri il giornalista e storico Antonio Ferri, uno dei promotori dell´iniziativa, presentando la mostra «Mémoires d´Egypte» con le istantanee di grandi autori come Beato, Bonfils, Lekegian e Reiser, ha annunciato che la società di progettazione «Sts» di proprietà del Consorzio cooperativo costruzioni della Lega, è disponibile a realizzare il disegno del costituendo museo egizio per conto del gruppo privato «Egitto cultural project by Bolognamondo». Il tutto verrebbe così proposto all´amministrazione, che nel frattempo sta meditando sull´opportunità.
«Abbiamo molti reperti di età romana che necessitano di una collocazione, e per far posto a questi ultimi potremmo decidere di liberare i locali dell´Archeologico ora occupati dalla sezione egizia, spostando quest´ultima in un altro luogo. Si darebbe così vita a un museo autonomo di grande richiamo», ha spiegato il direttore del settore Mauro Felicori. «È un´idea - precisa - che può essere condivisa o meno, cui ora s´affianca anche una società privata». Stando ai promotori, la nuova esposizione egizia, una volta resa autonoma, potrebbe pagarsi completamente da sola, compresi gli stipendi dei dipendenti, visto l´enorme interesse che gravita intorno a questa antica civiltà. In particolare, a Bologna sono già presenti importanti reperti della tomba di Menfi del grande generale Horemheb, vissuto tra la diciottesima e la diciannovesima dinastia, all´incirca intorno al 1350 avanti Cristo. Ed è proprio su questo personaggio cruciale dell´epoca d´oro del mondo egizio che si incentrerebbe l´eventuale museo bolognese, dato che un accordo fatto con le autorità del Cairo consentirebbe la ricostruzione virtuale e la ripulitura del tempio funerario del condottiero a Luxor, oltrechè la sua esplorazione.
Horemeb, infatti, divenne comandante dell´esercito sotto il faraone Amenofi IV, assistette all´ascesa al trono e alla breve esistenza di Tutankhamon e all´altrettanto breve regno di Ay per poi diventare egli stesso faraone. Alla sua morte, non lasciando eredi, passò il testimone alla dinastia dei Ramessidi. In virtù di questa ricchissima storia, si ritiene che il tempio funerario di Horemheb sia stato costruito sulle rovine di quello di Ay e di Tutankhamon. Molto probabilmente, oltre a preziosi reperti, nel sottosuolo potrebbero essere ancora custoditi i tesori di questi faraoni. In collaborazione con le autorità egizie, potrebbe diventare così possibile riportare alla luce i citati tesori e avviare una collaborazione col museo di Luxor. La società privata promotrice ha già preso accordi con il Cnr per l´esplorazione della zona con palloni aerostatici. Inoltre sarebbe possibile una collaborazione con la facoltà di Ingegneria che possiede tecnologie specializzate per la ricostruzione virtuale di costruzioni distrutte. Infine, il museo potrebbe essere affidato con un contratto di consulenza a un grande egittologo.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news