LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Palazzo Vecchio ai raggi X
Federica Sanna
Corriere Fiorentino 16/9/2010

Porte, scale e passaggi segreti s velati da una ricerca. Fatta tutta di notte

Quasi sette secoli di storia nascosti dentro Palazzo Vecchio. Un passato che non si vede a occhio nudo, ma i suoi segni sono intatti dietro intonaci e murature. Porte e finestre dimenticate. O sconosciute. Scale costruite e poi buttate giù, terrazze in legno e passaggi proibiti. Segreti svelati attraverso le più moderne tecnologie, che ora riaffiorano nel documentario Secret of Florence firmato National Geographic, il primo di una serie in esclusiva (e già su Youtube), grazie all'accordo firmato con l'amministrazione Renzi, Era il 2000 quando sono cominciati gli studi dell'architettura di Palazzo Vecchio, promossi da Loel Guinness, all'interno della ricerca della Battaglia di Anghiari di Leonardo che potrebbe celarsi dietro una parete del Salone dei Cinquecento. «Non è una caccia al tesoro - dice l'ingegnere Maurizio Seracini, direttore della ricerca - ma piuttosto sono un insieme di lavori interdisciplinari che ci hanno portato alla riscoperta di molti aspetti della storia architettonica di Palazzo Vecchio», Una delle innovazioni tecnologiche, a servizio dei beni culturali, è la termografia. Fu introdotta nel 1975 proprio nella ricerca del quadro scomparso di Leonardo. Funziona profanamene così: un rilevatore a infrarossi percepisce e converte le radiazioni termiche delle muratura, partendo dal principio che il calore varia a seconda dei materiali che compongono la muratura. Per questo le ricerche di solito avvengono di notte, quando le pareti rilasciano il calore all'ambiente. Sembra incredibile vedere come si definiscono delle «radiografie» dell'esistente, facendo apparire tutto quello che si nasconde dietro una parete intonacata, Dettagli che aiutano a ricostruire la storia e a capirla. Così si scopre che nel cortile della Dogana, nella parete est, non esistono soltanto tre porte. Dietro il muro ce ne sono una quarta con cornice in pietra, e una quinta tamponata con dei mattoni, Dal termogramma si riesce a vedere anche il calore emesso dai cavi elettrici in funzione. C'è anche una striscia nera, che identifica una sottotraccia realizzata per inserire delle canalette. La prima «versione» di Palazzo Vecchio risale al Trecento, A distanza di due secoli e mezzo Cosimo I de' Medici incaricò Vasari di allargare il palazzo. Ma esiste ancora la prima impronta medievale? Il cortile di Michelozzo, nella parete sud, ne conserva un incredibile esempio. Dalla «termografia» si vedono ben nove finestre murate, su tre piani diversi, con stili tipici di inizio 300. «Una pagina di storia di Palazzo Vecchio. Chissà quanto potremmo riuscire a scoprire indagando termograficamente le facciate dei palazzi del centro storico.,.», immagina Seracini, Sempre nel Cortile di Michelozzo c'è anche un altro segno del Vasari, Nella parete dove oggi si accede alle rampe di scale per il Salone dei Cinquecento, un tempo la porta contornata di marmo rosa era dove si trova la nicchia. All'inizio del 500 da lì partivano due rampe di scale. Il Vasari le fece buttare giù per creare l'assetto attuale con le sei rampe, che sbucano al centro del Salone dei Cinquecento. Nella Sala de' Dugento, dietro la parete del lato riservato al pubblico, si nascondono, invece, tre grandi finestroni, identici a quelli che si affacciano su piazza Signoria. A volte le nuove tecnologie sono riuscite a sciogliere anche le questioni che sembravano irrisolvibili. Come nel caso della Sala delle Udienze. La parete est con gli affreschi del Salviati è piena di lesioni; sotto di essa era stata posta una trave di legno che ha reagito a sollecitazioni, Come era possibile? «Il termogramma mostra come si nascondano in realtà delle catene di ferro, agganciate all'estradosso di un grande arco di scarico, fatto in mattoni», Alcune lesioni sono nere, altre bianche: «Dalla distribuzione termica di queste lesioni si è compreso come quelle pi fredde non attraversavano la parete, mentre le seconde, pi calde, erano da ritenersi passanti in quanto lasciavano filtrare il calore dalla Sala dei Gigli retrostante». E ai tempi del palazzo di Arnolfo di Cambio, come facevano ad andare negli appartamenti superiori? «Nell'attuale cortile di Michelozzo conclude c'era una scala di legno che permetteva di accedere alla Sala dei Gigli tramite un grande portale che abbiamo ritrovato sotto l'intonaco decorato della Sala».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news