LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bondi: a Venezia i giurati li scelgo io
Fulvia Carrara
Stampa 17/9/2010

Giuria teleguidata? Se non si vincono premi, la soluzione è semplice: basta assicurarsi una giuria di parte, particolarmente attenta alla nostra produzione, scelta direttamente al ministero per i Beni culturali. L'idea è di Sandro Bondi che entra a gamba tesa nella polemica sui mancati premi al cinema italiano durante l'ultima Mostra di Venezia: «Siccome i finanziamenti sono dello Stato - dichiara a Panorama - d'ora in poi intendo mettere becco anche nella scelta dei membri della giuria del Festival». L'ultimo verdetto non ha incontrato i suoi gusti
Le reazioni: Martone: «Che assurdità»; Ferrari (Warner): «Minculpop»; Luchetti: «Detesta il cinema»

«I risultati del Festival costringono ad aprire gli occhi e fare autocritica». Nel mirino il presidente della giuria, Quentin Tarantino e il direttore della Mostra, Marco Mülller che lo ha chiamato a guidare la squadra di personalità internazionali (tra cui due italiani, Salvatores e Guadagnino). Il primo «è espressione di una cultura élitaria, relativista e snobistica». Il secondo è «innamorato dei propri schemi fino al punto di non privilegiare i talenti e le novità che sono sotto gli occhi di tutti». Che ne pensano gli addetti ai lavori? Quelli che Bondi vorrebbe in questo modo tutelare? La prima reazione è di stupore: «È una sorpresa - dichiara Paolo Ferrari, presidente e amministratore delegato della Warner Bros Italia -. Una cosa del genere non poteva essere concepita nemmeno al tempo del Minculpop e comunque non è una grande idea. Il direttore che sceglie i film deve scegliere anche la giuria. E questa dev'essere libera di esprimere il proprio parere. Altrimenti il passo sarebbe breve: prima scegliamo la giuria, poi imponiamo i premi. Insomma, è una proposta che non ha alcun senso». Trasecola anche Mario Martone, autore del kolossal risorgimentale Noi credevamo che da Venezia è tornato a mani vuote: «Mi sembra un'idea completamente assurda, ci mancherebbe altro. No, nessun membro del governo deve mettere becco in questo campo. La scelta della giuria è una delle prerogative del direttore. E comunque la cultura non si indirizza, la si sostiene, che è cosa diversa». Uguale il parere di Daniele Luchetti, regista della Nostra vita (premiato a Cannes per l'interpretazione di Elio Germano), impegnato in prima linea sul fronte dei Centoautori: «Bondi - ironizza Luchetti - dovrebbe coordinarsi con il ministro della Cultura francese, che mette un miliardo all'anno a disposizione del cinema nazionale. E dovrebbe vedere se anche lui pensa di mettere bocca sulla giuria di Cannes...». Quanto a Tarantino, osserva ancora il regista, ci sono delle somiglianze: «Bondi ha sempre sparato a zero sul cinema italiano, proprio come Tarantino, forse è come lui e ancora non lo sa». Invece di formulare propositi di questo tipo, aggiunge il regista, «preghiamo Bondi di fissare un incontro con i Centoautori, di visitare il Centro sperimentale, di entrare in contatto con i luoghi dove nascono i nuovi registi e i nuovi film».


Ma all'estero funziona come al Lido
Le giurie dei festival cinematografici sono frutto delle scelte dei direttori che le nominano. E così a Cannes e alla Berlinale, mentre a Toronto il problema non si pone perché la rassegna non ha carattere competitivo. Riccardo Tozzi, presidente dell'Anica, l'Associazione che riunisce i produttori, nonché della casa cinematografica Cattleya, spiega: “La composizione della giuria è uno degli incarichi più qualificanti nel lavoro del direttore di un festival». L'idea di un intervento diretto del ministero della Cultura sarebbe quindi «impraticata e impraticabile. Non avviene in nessun Paese del mondo e non mi sembra ragionevole». La formazione della giuria, prosegue Tozzi, «è una cosa estremamente delicata, un lavoro tecnico che va svolto di pari passo con quello della selezione dei film in gara. Si sceglie una giuria anche in base ai film scelti. Figuriamoci se una decisione del genere potrebbe mai essere presa da qualcuno che non dispone di una specifica professionalità».



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news