LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mostra di Venezia. Camerata Bondi: i giurati li scelgo io
Malcom Pagani
Il Fatto quotidiano 17/9/2010

Dall'anno prossimo, vi1sto che la Mostra è finanziata dallo Stato, voglio mettere becco anche nella scelta dei membri della giuria. Sandro Bondi desidera tornare all'antico.
Il titolare dei Beni Culturali attacca Muller, Tarantino e il cinema italiano: Dare soldi a brutti film è puro assistenzialismo

Linea dura del ministro: avviso di sfratto a Marco Muller, accuse a Tarantino

Dall'anno prossimo, visto che la Mostra è finanziata dallo Stato, voglio mettere becco anche nella scelta dei membri della giuria . Sandro Bondi vuole tornare all'antico. All'epoca dei telefoni bianchi in cui il Festival di Venezia era un tripudio di coppe Mussolini, non c'era giudice che non passasse la selezione di Pavolini e l'inaugurazione toccava a Goebbels in persona. L'afflato artistico non si distanzia da quello professato dal ministro della propaganda tedesco: Quando sento la parola cultura metto mano alla pistola e a meno di voler pensare che a parlare di cinema in un'intervista ad Antonella Piperno di Panorama in edicola oggi, sia uno dei tanti parodistici fascisti su Marte dipinti da Guzzanti e non il titolare del dicastero dei Beni culturali in carica, assente dal Festival per imprecisate questioni familiari , si rimane senza parole. Al Panorama di Berlusconi, Bondi offre un saggio di liberalità che avrebbe messo in imbarazzo Berjia. Nessuno, neanche nella più grigia delle ere democristiane, era mai giunto a tanto. La Repubblica italiana finanzia lo spettacolo della Mostra per più della metà dei complessivi 12 milioni di euro l'anno. Tra dodici mesi, il sottinteso, saranno denari condizionati al gusto e all'inclinazione del Ministro.
Bondi aveva sostenuto in luglio l'inesportabilità del sistema Italia sullo schermo: I nostri film non riescono più a superare i confini nazionali perché le storie raccontate sono asfittiche . L’insuccesso veneziano (zero premi zero nel concorso ufficiale) invece di turbarlo lo esalta. Conferma le sue convinzioni. Lo spinge a superare i confini. Gli chiedono se si senta una Cassandra e lui gode, come un bambino davanti alla dispensa. ‘I risultati del Festival costringono tutti ad aprire gli occhi e fare autocritica'. E quando dice tutti, Bondi intende l'universo ostile che evita di partecipare alle sue iniziative, lo critica aspramente, non gli lesina fischi e dimentica quanto lui abbia fatto per la cultura: Molto più di quanto non abbia prodotto la sinistra come dichiarato con le lacrime agli occhi al Corsera a mostra ancora aperta, mentre cenava ad Arcore. Quando gli amici o i potenziali sodali si defilano, il numero dei nemici aumenta esponenzialmente. Il tirassegno di Bondi è pieno di frecce. Curaro transnazionale. In cima alla lista, il Presidente della giuria, l'americano Quentin Tarantino. Tarantino è espressione di una cultura èlitaria, relativista e snobistica. E la sua visione influenza anche i suoi giudizi critici, pure quelli verso i film stranieri . Il relativismo bondiano è materia per il filosofo greco Gorgia, di cui l'ex comunista di Fivizzano dev'essere appassionato. Il suo tutto e il contrario di tutto è l'architrave della conversazione con Panorama. Definire elitario un innamorato cultore del cinema di Lino Banfi, delle Giovannona coscialunga e dei poliziotteschi all'italiana è un estratto di comicità straordinario, non inferiore a quando Piperno gli domanda con puntualità se non gli abbia dato fastidio che Tarantino afflitto dal conflitto di interessi abbia premiato nell'ordine la sua ex fidanzata Coppola e il suo antico Mentore, il cinefilo Monte Hellman.
L’argomento provoca a Bondi allergia immediata. Aleggia il fantasma di Ivan Pavlov: Questo è un aspetto minore e tutto sommato trascurabile minimizza. Ma leggendo meglio, si capisce che l'obbiettivo è più ardito. Primo, cacciare rapidamente Marco Muller il direttore della Mostra, all'ultimo anno di mandato e occupare in omaggio alla Bulimia pidiellina anche una delle ultime caselle disponibili. Per prenderlo a pedate e rimanere in tema, Bondi sceglie la metafora preferita del capo, quella calcistica: Muller è innamorato dei propri schemi fino al punto di non privilegiare i talenti e le novità che sono sotto gli occhi di tutti . Ma queste luci, non è chiarissimo dove brillino, visto che il nostro cinema: “Manca di attori e sceneggiature adeguate”. E Siccome Elio Germano, premiato all'ultimo Cannes per La nostra vita ha notoriamente passaporto neozelandese, non si può fare a meno di intuire che la ragione di tanto malspeso livore sia economica. E infatti, quando la giornalista gli domanda se non si sia pentito di aver annunciato tagli al Fus che a detta dell'Agis, ridurrebbero il settore in miseria, Bondi non si smentisce e in un immaginario agone con Brunetta lo supera all'ultima curva, quella dell'incoscienza: Non mi sono affatto pentito. Sono andato a vedere personalmente molti dei film recentemente finanziati dallo Stato e li ho trovati brutti .
Non si sa se si riferisse a Garrone, Sorrentino, Frammartino o all'unico premiato in Laguna, l'Amedei del 20 sigarette a Nassyria . Però bisogna tagliare, scorciare comunque perché il finanziamento pubblico è una delle peggiori forme di clientelismo esistenti, ovvero il contrario del vero cinema ed è ora di aprire gli occhi . Sandro mani di forbice, più che a un eroe triste di Tim Burton, somiglia sempre più a quei pretori assaliti dalla pruderie degli anni 70, quelli che mandavano la Ps a soffocare ogni immagine che nell'Italia bigotta di allora offendeva il pubblico pudore. Però è un Ministro. Conta di più. Incide. Luca Guadagnino, che della giuria presieduta da Tarantino faceva parte insieme a Salvatores, sceglie l'ironia: A voler ragionare così, dovrebbero scegliere i giurati anche i manager di Lancia e Nastro Azzurro, sponsor occulti ma pressanti della Mostra. Forse una scelta del genere abbatterebbe definitivamente l'ipocrisia . E sembra di capire, anche il complesso da incubo di una notte di fine estate.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news