LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il destino di Roma: la doppia capitale nazionale e religiosa
Francesco Margiotta Broglio
Corriere della Sera 17/9/2010

Prospettive. Il nuovo status e gli equilibri concordatari

Un ruolo cruciale che non va sminuito

Solennizzare i centoquarant'anni della presa di Roma nel momento in cui una importante forza di governo non propone ancora il trasferimento della capitale al Nord (Salò?), ma sostiene almeno quello di buona parte dei ministri e della amministrazione pubblica, appare veramente paradossale. E proprio quando, grazie anche all'impegno dei sindaco di Roma Gianni Alemanno, sta per essere approvato il decreto legislativo che attua la legge 42 del 2009 in materia di ordinamento di «Roma Capitale», disciplinando gli organi di governo, l'Assemblea capitolina, la presenza del sindaco al Consiglio dei ministri per le questioni inerenti la città, lo status degli amministratori. Per non dire che sminuire il ruolo nazionale della città che nel 1870 aveva collegato il Nord e il Sud , riducendola, come si vorrebbe, a «capoluogo regionale», significherebbe indebolire anche quello della Roma papale, che convive positivamente e non più solo «di fatto» con quella italiana dal 1929 e che sarà rappresentata per la prima volta a Porta Pia il giorno 20 settembre dal cardinale Tarcisio Bertone, capo del governo di Sua Santità, accanto al presidente Giorgio Napolitano, dimostrando che non si vuole certo, nei Sacri Palazzi, ritornare alla città del Papa. Del resto già Giovanni XXIII nel 1961 aveva parlato dell'Unità d'Italia, in occasione del centenario, come di un «motivo di esultanza sulle due rive del Tevere» e il cardinale Giovanni Battista Montini, l'anno dopo, della Provvidenza che il 20 settembre aveva «tolto al Papato le cure del potere temporale perché meglio potesse adempiere la sua missione spirituale nel mondo». Solo tre anni fa la rivista del senatore Giulio Andreotti «30 Giorni» aveva proposto di proclamare quel giorno «festa nazionale del Risorgimento unitario», come aveva fatto il capo del governo italiano Francesco Crispi nel 1895, e si erano ricordate su queste colonne le resistenze opposte da Benito Mussolini di fronte alle richieste di Pio XI di abolire la solennità civile dell'anniversario di Porta Pia e alla minaccia di pubbliche proteste, con relativa riapertura della questione romana chiusa soltanto un anno prima. Nel dicembre del 1939 l'11 febbraio, anniversario della Conciliazione, sostituirà però, tra le festività, quello del 20 settembre. Porta Pia non fu un'impresa politicamente facile e ancora alla fine della Grande guerra il Vaticano che con Leone XIII aveva formulato più di sessanta proteste continuava a rimproverare agli «usurpatori» del 1870 gli «affronti al Papa e la persecuzione dei cattolici». Già l'armo successivo alla breccia, però, la Legge delle Guarentigie (1871) era riuscita a stabilire un equilibrio fra Stato e istituzioni ecclesiastiche che superò le difficoltà della Prima guerra mondiale e che la Santa Sede finì per accettare se, nel 1924-25, cercò di ottenere dall'Italia una revisione della legge stessa in senso pi favorevole alla Chiesa. La Seconda guerra mondiale mise, invece, alla prova i Patti del Laterano e la città, dopo l'8 settembre 1943, fu certo più del Papa che dei Savoia, i quali, nell'ormai lontano 1871, si erano insediati al Quirinale, con Vittorio Emanuele II, quasi a malincuore.
Solo qualche anno fa la Consulta ha enucleato dalla Costituzione della Repubblica il principio «supremo» di laicità dello Stato, lo stesso principio che, pur con alcune contraddizioni, aveva informato la legislazione ecclesiastica postunitaria dello Stato liberale. E, diversamente dal centenario del 1870, che coincise con l'introduzione del divorzio e con l'inizio della crociata referendaria dei cattolici, questa centoquarantesima ricorrenza consacra il positivo equilibrio fondato sulla separazione costituzionale degli «ordini» e consolidato dai nuovi accordi concordatari del 1984 fra uno Stato stretto tra l'integrazione europea e il federalismo, confuso ma incalzante, e una Chiesa indebolita in Italia dalla diminuzione del clero e della pratica religiosa e dalla crisi dell'obbedienza ai precetti morale, ma certamente molto autorevole nel mondo e rafforzata dalla capillare azione caritativa nella società favorita anche dal meccanismo di finanziamento dell'8 per 1000 concordatario e dalla forte difesa degli «ultimi» che si vorrebbero espellere o chiudere in nuovi lager «nordisti». Milano capitale e Roma città del Papa, dopo quasi un secolo e mezzo dalla breccia di Porta Pia? Varrebbe la pena ricordare Bisanzio, la «Nuova Roma», elevata a capitale dell'impero da Costantino nel 330 e conquistata dal turchi nel 1453, e mettere in guardia contro il rischio che, una volta esauditi gli auspici islamici del colonnello Gheddafi, il duomo di Milano (IV Roma) possa fare la fine della grande basilica di Santa Sofia, eretta da Costantino e ricostruita da Giustiniano. Basterebbe aggiungere, come a Istanbul, qualche minareto e sostituire la Madonnina con la Mezzaluna.

«L'Osservatore Romano» di ieri ha dedicato due pagine alla breccia di Porta Pia. Al centro della ricostruzione le istruzioni impartite da Pio IX al comandante del suo esercito, generale Hermann Kanzler. Pare che il Papa avesse in un primo tempo ordinato di opporre una resistenza puramente simbolica e poi abbia corretto retrospettivamente le disposizioni per coprire il comportamento dei militari, che si batterono fino all'apertura della breccia.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news