LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La dimora dello stupore. Rinasce Palazzo Barberini uno scrigno di tesori
Lauretta Colonnelli
Corriere della Sera 17/9/2010

Dopo 60 anni. Recuperati la struttura originaria e duecento capolavori

Ci sono voluti oltre sessant'anni, ma finalmente Palazzo Barberini, acquistato dallo Stato nel 1949, apre i battenti per mostrare la ritrovata magnificenza di reggia barocca e i tesori della Galleria nazionale d'Arte antica. Lo spettacolo che si offre ai visitatori è addirittura superiore ad ogni aspettativa. Chi aveva potuto visitare, negli anni passati, le poche sale che ospitavano solo una minima parte della collezione di arte antica, ora stenterà a riconoscerle. Non più spazi male illuminati, dove i quadri sembravano dormire sotto strati di polvere. Di salone in salone si apre agli occhi una festa della luce e del colore. Il miracolo è avvenuto grazie a una squadra composta da 50 restauratori, 40 operai e 20 impiantisti, guidati dagli architetti Laura Cherubini, Mario Lolli Ghetti e Federica Galloni e dai direttori e sovrintendenti del ministero, come Rossella Vodret e Anna Lo Bianco. In sei anni, lavorando senza respiro e con un finanziamento di undici milioni di euro, hanno rivoluzionato lo storico edificio. Da una parte sono stati recuperati dai depositi e restaurati quasi duecento capolavori, che si aggiungono ai centoventi già esposti in precedenza nella Galleria. E a questo proposito è da segnalare l'impegno quasi eroico di Rossella Vodret, che, arrivata qui negli anni Ottanta come sovrintendente, per prima cosa decise di fare un inventario delle opere date in prestito ai privati e alle ambasciate straniere, visto che non c'era spazio per esporre. «Risultò che i dipinti in giro per il mondo, da Bogotà ad Asmara - racconta Vodret - erano circa seicento. Sono riuscita a fame rientrare quattrocento e per ognuno è stata una battaglia. Alcuni quadri risultavano distrutti, come i 27 che si trovavano a Berlino e che poi sono stati invece ritrovati sul mercato antiquario internazionale». Dall'altra parte è stata recuperata l'architettura originaria di Palazzo Barbenini, reggia barocca per eccellenza, che vide impegnati nella sua costruzione i pi grandi architetti del Seicento, da Carlo Maderno a Gian Lorenzo Bernini a Francesco Borromini. Così le pareti del salone con l'immensa volta affrescata da Pietro da Cortona ora appaiono rivestite da un luminoso lampasso tessuto appositamente dalle fabbriche di San Leucio con fili dorati e argentati. E per le altre sale della Galleria sono stati recuperati dagli archivi storici le cromie degli antichi velluti e damaschi per creare coloriture smaglianti, ottenute dai maestri fiorentini con terre naturali a base di calce e con le stese metodologie dell'epoca barocca. Perfetta l'illuminazione. Straordinario il recupero dello scalone quadrato berniniano, prima deturpato da un ascensore che rendeva illeggibili i mirabili dettagli architettonici, con i conci di travertino trattati a gradina, una tecnica graffiata la cui esecuzione il Bernini controllava di persona. Scalone che rivaleggia con l'altro, altrettante stupefacente, realizzato dal Borromini con un disegno ad elica vertiginosa. Il nuovo percorso inizia al piano terra, nelle sale che fino a cinque anni fa erano occupa- te dal Circolo Ufficiali e che ora ospitano la pittura dal XII al XV secolo, con capolavori come l'Annunciazione di Filippo Lippi, il Ritratto virile di Giovanni Bellini, il San Girolamo del Perugino. Un percorso che termina con una rivelazione: la splendida sala delle colonne, con la grande fontana di Bacco e i cui decori naturalistici sembrano riflettere i giardini adiacenti. Un gioiello nascosto per mezzo secolo dal Circolo Ufficiali, che l'aveva destinato alle cucine e a deposito di derrate, e ora riscoperto con un raffinato restauro da Laura Cherubini. Al piano nobile, dove erano già aperte al pubblico le dieci sale con opere che vanno dal Rinascimento al primo Barocco, da Raffaello a Caravaggio, si svelano cinque nuovi spazi che illustrano l'arte di transizione tra manierismo e naturalismo. Anche qui sono usciti dai depositi dipinti celebri che non venivano visti da anni, come il Paesaggio con Agar e l'angelo di Nicolas Poussin o Il giudizio di Salomone di Valentin de Boulogne. Nel salone di Pietro da Cortona, per l'inaugurazione è stata esposta la Fornarina di Raffaello, quadro simbolo della grande Galleria Nazionale ritrovata, che nelle speranze della direttrice Anna Lo Bianco dovrebbe raddoppiare le presenze dei visitatori, da centomila a duecentomila all'anno. Intanto, per festeggiare la riapertura, Palazzo Barberini offrirà al pubblico la possibilità di visitarlo, il 19 settembre, fino a mezzanotte, in un percorso che comprende la Galleria Corsini, l'Orto Botanico e la Villa Farnesina Chigi.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news