LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Palazzo in festa. Barberini, così nasce la Galleria d'Arte Antica
Fabio Isman
Messaggero - Roma 18/9/2010

Storia e vicissitudini del capolavoro di papa Urbano VIII
Tornano a splendere 24 sale, molte finora negate, del maestoso e storico edificio nel cuore di Roma Un lungo e complesso lavoro di restauro di ricerca e di studio per decine di esperti

Nel 1625 il cardinale Maffeo Barberini è già Papa Urbano VIII da due anni: fiorentino (da Barberino in Val d'Elsa: famiglia di mercanti, arrivata a Roma appena nel 1530; nel 1722, si estingue con una Cornelia), lo hanno eletto tra la malaria e l'afa estiva. Durerà in carica 21 anni, quasi un primato; chi studia queste faccende, lo definisce «mecenate e nepotista al massimo grado». Non troppo amato: Pasquino dice: «Urbano VIII dalla barba bella I finito il giubileo, impone la gabella»; tante tasse per finanziare opere, non solo pubbliche. Bene: nel 1625, Urbano VIII, il cui palazzo era a via dei Giubbonari, decide di spostarsi pi vicino al Quirinale, la residenza estiva dei Pontefici; e dove era il Circo di Flora, acquista per 550 mila scudi una villa dagli Sforza, le cui ricchezze erano sfiorite. Palazzo Barberini nasce da qui. Vi metteranno mano e progetti tre architetti dei più celebrati: di Cesare Maderno l'edificio; il giovane Francesco Borromini lascia la scala elicoidale e certe capricciose finestre sulla facciata verso il giardino; Gian Lorenzo Bernini, l'altro scalone, la facciata sul giardino e il finto «ponte ruinante», che lo unisce al primo piano. Di Pietro da Cortona Il trionfo della Divina Provvidenza sotto il papato di Urbano VIII, capostipite dei soffitti barocchi romani, forse mai eguagliato (anche se qualcuno scriveva: «Api talmente pasciute, da sembrare fagiani»). E' il Papa a dare l'impronta al periodo: trova in Bernini l'artista di genio cui fare realizzare i capolavori, primo il baldacchino sul sacello di San Pietro. Dopo 170 anni di fatiche, Urbano consacra la nuova chiesa della Cristianità nel 1626, l'anno dopo l'inizio del Palazzo che ne eterna il cognome; i lavori sarebbero poi continuati, ed il celebre Colonnato è datato 1667. Ma le api dei Barberini, in città, si trovano un po' dappertutto. E con le opere, i porporati. Lo diventano il fratello cappuccino, due nipoti: così assai rimpolpando le sostanze di famiglia; si calcola perfino più di 100 milioni di scudi, infiniti gli studi in proposito. «Ohimé non ho più un quattrino; il mio l'ha tutto il Barberno» era un'altra pasquinata ; prelevate addirittura le travi in bronzo dall'atrio del Pantheon, per fortificare ed altro: sicché «quod non fecerunt Barbari / fecerunt Barberini». Ed è lui a processare Galileo, nel 1633. Il suo palazzo era, ed è, meraviglioso; tra i più insigni nella città, una reggia che tutti ammirano. Vantava anche un teatro da 3.500 posti: come, oggi, la sala maggiore dell'Auditorium di Piano. Lo ammira Thomas Milton; tra gli scenografi c'erano Bernini e Pietro da Cortona; nel 1639 si recita la commedia Chi soffre speri di Giulio Rospigliosi, futuro Papa Clemente 1X, che scrive anche le parole del Sant'Alessio, note di un autore ormai dimenticato, Stefano Landi, e scenografie di Bernini: il primo libretto con un protagonista. Però è distrutto da Marcello Piacentini, il regolatore della Roma fascista, al pari dello sferisterio per il «gioco del bracciale». Nel 1902, finisce in Vaticano la preziosa biblioteca. Seminati tra Vaticano, Minneapolis, New York e altrove gli arazzi. Dispersa la collezione d'arte, perché il Duce cancella nel 1 934 il salvacondotto che la teneva unita; così, in parte è venduta (addirittura) negli Anni 50 del secolo appena trascorso: tra i capolavori che emigrano, anche I Bari Caravaggio, ora al Kimbell Art Museum di Fort Worth, nel lontanissimo Texas; un Dürer a Minneapolis; tavolette a Boston e a New York, e via elencando abbondantemente. Il Palazzo era ancora fiorente nel Settecento, con Cornelia Costanza che sposa un Colonna di Sciarra; e l'appartamento al secondo piano viene tutto decorato per l'occasione. Poi però decadrà; ci vive in affitto (e muore) la marchesa Anna Casati, madre di Camillo, il cui doppio omicidio-suicidio accadde giusto 40 anni fa. Attorno, tanti foschi delitti, come quello di cui dice Stendhal: i sicari dell'amante di Vittoria Accoramboni per uccidere il marito di lei, nipote di Papa Sisto V. Un giorno, Quintino Sella lo voleva come reggia, racconta uno dei discendenti; il giardino arrivava fino a Largo di Santa Susanna e nel secolo ormai scorso era tutto incolto; esisteva, ma era stato dimenticato, anche lo statuario : preposto a spolverare le sculture; qui dentro, D'Annunzio fa incontrare i due protagonisti del Piacere (abitava proprio accant: a via Quattro Fontane angolo via Rasella); in piazza Barberini, sostavano gli armenti. Ed è servito come scena per molti film: pure Vacanze romane, con Audrey Hepburn e Gregory Peck. Se sfolgorante è la storia antica dell'edificio, assai meno lo è quella più recente. Lo Stato l'acquista per 600 milioni nel 1949; ma Maria Barberini ci vive finché se ne va, sei anni dopo. Mezzo secolo occorre invece perché se ne vada il Circolo ufficiali, installato dal 1934, che non pagava nemmeno più la pigione, scaduta: dove ospitava a pagamento le feste di nozze, la famiglia d'antica nobiltà papalina ne aveva data una per la sconfitta di Garibaldi a Mentana. Mica una vita fa, ma pochissimi decenni or sono, molti erano ancora in affitto,e per sfrattarli ce ne vuole: dall'ex custode, al barbiere dei militari. Dai Barberini, al barbiere: Ronchey riesce dove tanti altri aveva fallito; anche Spadolini, il repubblicano Spadolini. Oggi, 61 anni dopo che fu comperato espressamente per questo, il Palazzo diventa la Galleria d'Arte antica, che alla Capitale d'Italia mancava: lo si scriveva già nel 1883, all'atto della donazione Corsini. Agli eredi della famiglia sono rimasti i libri con mille fotografie: la Regina Margherita, con la sua collana di 16 file di perle; gli uomini con il cilindro. Glorie estinte, ma una Galleria, finalmente, tutta ritrovata; e il Palazzo (ma non solo) è oggi in festa.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news