LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Battaglia al Tar contro la Regione "Non rispetta le leggi antisismiche"
DOMENICA, 19 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Firenze






franca selvatici
Sul rischio sismico la Regione Toscana non ha fatto il suo dovere. Ha eluso una sentenza della Corte Costituzionale e beffato la normativa statale. E in tal modo non garantisce «la maggior sicurezza possibile delle persone e dei beni», come invece solennemente dichiara nella legge urbanistica regionale. L´accusa è contenuta nei ricorsi presentati dall´avvocato Gianluigi Ceruti, che chiede al Tar di annullare i permessi di costruzione di due ville a Siena, concessi senza l´autorizzazione sismica preventiva, sebbene Siena fosse classificata sino al 2006 in zona 2, a media sismicità.
Dal 2003 il territorio italiano è diviso in quattro zone sismiche: la 1 è ad alto rischio, la 2 a medio, la 3 e la 4 a basso. L´istituzione delle zone sismiche compete in via esclusiva allo Stato, mentre le Regioni hanno il potere di collocare i propri Comuni in una delle quattro zone. Nel 2003 la Toscana fu la prima Regione a classificare i suoi 287 Comuni in base al rischio sismico: 186 in classe 2 (rischio medio), 77 in classe 3, 24 in classe 4.
Nelle zone sismiche gli edifici devono essere costruiti con criteri di sicurezza tanto più elevati quanto più alto è il rischio. Il testo unico sull´edilizia stabilisce che nelle zone ad alta e media sismicità (1 e 2) i lavori non possono essere avviati senza la preventiva autorizzazione scritta del Genio Civile, mentre nelle aree a bassa sismicità bastano controlli a campione. Tuttavia, pur avendo classificato in zona 2 (medio rischio) oltre la metà dei propri Comuni, con l´articolo 105 della Legge urbanistica 1 del 2005 la Toscana non prescrisse l´autorizzazione sismica preventiva sui progetti. Il 20 aprile 2006 la Corte Costituzionale dichiarò l´incostituzionalità dell´articolo 105, spiegando che «l´intento unificatore della legislazione statale è palesemente orientato ad esigere una vigilanza assidua sulle costruzioni riguardo al rischio sismico, attesa la rilevanza del bene protetto, che trascende l´ambito della disciplina del territorio per attingere a valori di tutela della incolumità pubblica».
In Toscana la sentenza fu accolta con grande allarme, nel timore che si paralizzasse l´attività edilizia. Ritenendo forse impossibile il potenziamento degli uffici del Genio Civile in modo da rendere più agili i controlli preventivi, la Giunta Regionale scelse una strada diversa. Una scappatoia, secondo le accuse. Con la delibera 431 del 19 giugno 2006, due mesi dopo la pronuncia della Consulta, istituì una quinta zona sismica speciale 3S, dichiarandola sia di media che di bassa sismicità, e vi riclassificò 106 Comuni prima inclusi in zona 2, fra cui Firenze, Livorno, Massa, Carrara, Pisa, Prato e Siena. Salomonicamente, stabilì che in questi 106 Comuni si progettasse come in zona 2, cioè con criteri di sicurezza più elevati, ma senza l´obbligo di richiedere la preventiva autorizzazione del Genio Civile, affidando la tutela della sicurezza alle autocertificazioni di progettisti e costruttori e a controlli a campione. Con rischi incalcolabili per l´incolumità delle persone e dei beni, è l´accusa contenuta nei ricorsi al Tar, in cui si ricorda il dramma dell´Abruzzo, dove sono mancati i controlli preventivi.
Secondo i ricorrenti, la delibera regionale 431 è viziata da nullità per incompetenza assoluta, poiché l´istituzione di nuove zone sismiche spetta in via esclusiva allo Stato, e la nullità travolge tutti gli atti conseguenti, fra cui i permessi a costruire privi di autorizzazione del Genio Civile. Si sottolinea anche il tentativo di elusione della sentenza della Consulta e si chiede al Tar di ripristinare la legalità e il rispetto del diritto dei cittadini alla sicurezza. Prima ancora del Tar - si augura l´avvocato Ceruti - la nuova Giunta Regionale potrebbe annullare d´ufficio la delibera 431: «E il pensiero - scrive - corre al neo-assessore all´urbanistica Anna Marson da cui si attendono interventi profondamente innovatori».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news