LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Chiese e moschee
Tomaso Montanari
Corriere Fiorentino, 16-9-2010

Davvero nella Firenze storica non c’è posto per una moschea? Davvero è questione di urbanistica o di architettura? Davvero l’orribile kitsch del neorinascimento che va benissimo per l’outlet di Barberino diventa inammissibile per una moschea nei sobborghi di Firenze?
Ammettiamo che sia davvero così. Perché non pensare allora di offrire alla comunità musulmana una (o più di una) delle tante chiese cattoliche che la contrazione della pratica religiosa lascia inutilizzate? Molte di queste chiese finiscono sul mercato, e proprio la Toscana offre il maggior numero di queste singolari offerte (una, per esempio, vicino a Careggi).
Invece che abbandonarli all’incuria, trasformarli in sale da concerto e aule universitarie o destinarli alla speculazione immobiliare, non sarebbe più giusto far sì che in questi luoghi sacri si continui a pregare l’unico Dio? E naturalmente non mi riferisco alle grandi chiese storiche e monumentali – anche se, da cattolico, mi chiedo se la loro inesorabile trasformazione in musei a pagamento debba rallegrarci di più.
Una chiesa di Firenze, magari nel centro di Firenze, trasformata in moschea! Molti griderebbero allo scandalo, leggendovi un simbolo di cedimento, di perdita di identità, addirittura di catastrofe storica. Ma sarebbe vero il contrario: una scelta del genere restituirebbe ai cristiani la loro identità più profonda (cioè l’imitazione di Cristo, il quale «non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio … e annientò se stesso»), e ai fiorentini la loro identità culturale umanistica.
Nei secoli passati le conquiste e le riconquiste hanno trasformato molte chiese in moschee, e molte moschee in chiese. Oggi questa metamorfosi potrebbe essere il frutto dell’accoglienza e della condivisione: potrebbe misurare non i rapporti di forza, ma quelli di fraternità. A Firenze cristiani e musulmani condividono ogni giorno i condomini, il lavoro, la scuola, gli ospedali, e i piccoli musulmani parlano fiorentino. Come posso spiegare a mia figlia Maria che ogni domenica noi possiamo andare a messa in una chiesa diversa, ma che non siamo disposti a regalarne nemmeno una alla comunità del suo compagno di asilo Omar?
Se vogliamo costruire un mondo in cui sia concepibile che una moschea in disuso di un paese islamico venga ceduta ad una comunità cristiana più povera e marginale, non dobbiamo forse cominciare a fare, gratuitamente, altrettanto?
E perché non cominciare proprio da Firenze? L’ossessione di questa città è quella di riuscire a vivere il presente: con una simile, profetica scelta potrebbe tornare a costruire il futuro.

Tomaso Montanari



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news