LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Carlo Felice, via al referendum
21/09/2010 IL SECOLO XIX


ieri riunione del cda: «il tempo stringe, decisione al massimo entro fine mese»
I dipendenti del teatro dovranno scegliere tra cassa integrazione e contratti di solidarietà
francesco margioccoVIA LIBERA al referendum da parte del consiglio d'amministrazione del Carlo Felice. Entro la fine del mese i dipendenti del teatro lirico saranno chiamati a decidere sul loro futuro. La scelta è a dir poco difficile: cassa integrazione "in deroga" fino alla fine dell'anno, con il meccanismo della rotazione, per garantire il funzionamento del palcoscenico, e uno stipendio ridotto al 60%, oppure contratti di solidarietà, cioè meno ore di lavoro e stipendio ridotto all'80%, ma per un intero anno. Lo ha deciso, ieri, il consiglio d'amministrazione della fondazione lirica.
«Dobbiamo concludere assolutamente entro settembre», spiega il sindaco e presidente della fondazione, Marta Vincenzi, ricordando che «ogni giorno che passa il teatro perde 45mila euro». Il referendum «sarà preceduto - dice Vincenzi - da un'informativa chiara». Forse già domani, certamente entro la fine della settimana, il sovrintendente Giovanni Pacor e il direttore di staff Renzo Fossati convocheranno i segretari dei sindacati. Per una riunione che - si veda l'articolo qui accanto - si annuncia difficile.
Con la sola eccezione della Cgil, infatti, i sindacati si sono sempre detti contrari alla cassa integrazione. Ma lo stesso ministro Sandro Bondi, dopo un recente incontro con il sindaco di Genova, ha spiegato tramite nota stampa che non sono disponibili, al momento, «fondi straordinari» per il Carlo Felice. E che è quindi necessario «concordare sulla necessità di utilizzare al più presto tutti gli strumenti che le leggi sul lavoro permettono». La scelta, insomma, è tra la cassa integrazione e i contratti di solidarietà (proposti dalla Uil). Con, in entrambi i casi, una garanzia: il "piano industriale" per il 2011 e 2012 che il sovrintendente Giovanni Pacor ha illustrato giovedì ai lavoratori non prevede alcun licenziamento, ma anzi un incremento della produttività e delle recite.
Sulla proposta di referendum, tutto il consiglio d'amministrazione è d'accordo: hanno votato a favore, ieri, anche i due consiglieri "di minoranza", nominati dal ministro Bondi, Mario Menini e Sergio Maifredi. «Nessuna ipotesi può essere portata avanti senza il consenso dei lavoratori: il referendum è perciò necessario», commenta Vincenzi. «Se il Carlo Felice si trova in questa situazione - dice il sindaco - non è per colpa dei lavoratori. Così come non lo è nel caso di Fincantieri o della acciaierie di Cornigliano. Ma i numeri, purtroppo, sono drammatici. E di fronte a questi numeri siamo chiamati tutti a fare un sacrificio».
margiocco@ilsecoloxix.it



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news