LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Cicelyn-Sgarbi duello d'arte per il Madre
Pietro Treccagnoli
Il Mattino - Napoli 21/9/2010

Spoil system, anche i finiani in campo: «Come direttore meglio un napoletano»

Nel fortino assediato di via Settembrini, Eduardo Cicelyn non si arrende. E mentre incalza lo spoil system del nuovo potere regionale gli arriva un aiuto persino dai finiani. Perché è chiaro: l'arte è un pretesto, l'agone è politico. La chiacchiera, ridimensionata e smentita dallo stesso protagonista, era che al posto del direttore del Madre sarebbe arrivato Vittorio Sgarbi. L'ennesima palla avvelenata, mentre il nodo resta quello dei soldi, i finanziamenti tagliati, i crediti per 8 milioni di euro riconosciuti ma non erogati dalla Regione Campania e che il milione di euro promesso pubblicamente dall'assessore Miraglia («Per altro mai arrivato» precisa Cicelyn) non riuscirebbe a ripianare, garantendo al massimo una sopravvivenza stentata fino a fine anno. A sua volta creditore della Fondazione è la società di servizi Scabec (al 51 per cento proprietà della stessa Regione Campania) che annunciala messa in cassa integrazione di parte dei suoi sessanta addetti al Madre, costretto a ridurre tempi di apertura al pubblico. E, tra l'altro, la Fondazione Donnaregina, che gestisce il museo, non paga i sei dipendenti (tra i quali lo stesso direttore) da agosto. Cicelyn è visto dal centrodestra come uno degli ultimi mohicani della tribù bassoliniana, da cacciare via anche dalla piccola riserva indiana della cultura. Ma agli appelli in suo favore arrivati da artisti del calibro di Mimmo Paladino e Francesco Clemente, se n'è aggiunto un altro dal fronte opposto, dall'europarlamentare finiano Enzo Rivellini che, in nome della napoletanità, ha invitato il presidente Stefano Caldoro e la giunta a riflettere «prima di procedere con scelte che possono essere negative per la città». Basta con i muri ideologici, scrive: «Mi schiero dalla parte di Cicelyn». Che si può leggere: sto contro Caldoro. Un antagonismo che discende per li rami dalla grande sfida nazionale nel centrodestra. Mentre il movimento FareAmbiente annuncia un girotondo intorno al museo per chiedere al direttore di «fare un passo indietro» E Cicelyn? Non è abituato a stare a guardare e, nonostante un armistizio siglato dopo la visita di Sgarbi al Madre, mette in chiaro il suo ruolo. «Se Sgarbi invia un progetto che il museo dovrà ospitare a decidere sarò io. Se sarà credibile lo presenterò al Consiglio d'amministrazione». Si sente molto sicuro. Scalzarlo dalla sua poltrona non sarebbe così facile come è accaduto con Nino D'Angelo al Trianon. «Ho un contratto con la Fondazione a tempo indeterminato» spiega. «E se vogliono mandarmi a casa gli potrebbe costare caro, anche se riuscissero a convincere il Cda (composto da Oberdan Forlenza, Enrico Santangelo e Achille Bonito Oliva, ndr.) a sfiduciarmi». E risfodera l'arco: «Sgarbi prende delle sviste madornali sull'arte contemporanea, tanto che viene da dubitare della capacità del prestigioso critico televisivo di osservare e distinguere quello che vede da quanto gli mostrano i suoi pregiudizi. I suoi progetti, seppure io chiudessi un occhio, devono essere valutati dal comitato scientifico». Nel quale siedono Bonito Oliva, Norman Rosenthal e Luigi Ficacci.

La visita. Belle opere ma sembra McDonald's
Il 24 agosto scorso la visita di Vittorio Sgarbi al Madre. «Un museo bellissimo, ma costa troppo». Così all'uscita del museo dopo averne visitate le sale e le esposizioni in corso. «Non c’ero mai stato. E’ bello e le opere sono di gusto. Ma sembra di stare da McDonaIds: gli artisti che sono qui li puoi vedere anche altrove. Dove sono i napoletani? E i giovani che sperimentano?». Un modo per dire che il Madre è pieno di capolavori internazionali, ma per rendicontare l'arte campana alla Biennale, al curatore non serve.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news