LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. «La Fondazione? Nessun conflitto. Non è la Soprintendenza dei veleni»
Carlo Avvisati
Il Mattino - Napoli 21/9/2010

Intervista. Angelo Ardovino, in pole position per la successione di Proietti. «Pronto ad avviare il cambiamento»

«Non so se è quando prenderò servizio come responsabile della Soprintendenza archeologica speciale di Napoli e Pompei perché non ho ancora firmato alcun contratto. Di certo so che è stato fatto il mio nome per quel ruolo ma non ho visto ancora documenti». Angelo Maria Ardovino, archeologo, attualmente direttore del servizio Il della direzione generale per l'Archeologia, mette le mani avanti e per nessuna ragione dà per certa la sua nomina - che potrebbe essere sottoscritta tra oggi e venerdì e decorrerà dal 29 settembre - a responsabile di uno delle aree archeologiche pi prestigiose al mondo. Anche perché, nonostante la sua candidatura sia sponsorizzata dai vertici del settore archeologia del ministero per i Beni culturali, su quella opzione che lo vede in «pole position» per il mandato di soprintendente si sta scatenando una feroce lotta sotterranea. E questo perché la designazione di un dirigente anziché di un altro può cambiare del tutto - in meglio o in peggio - il futuro prossimo di quell'immenso ed unico patrimonio culturale che va da Baia a Sorrento, passando per i Campi Flegrei, Ercolano, Pompei, Stabiae, Oplontis e Boscoreale. Tanto più che se l'incarico - i bene informati dicono che il contratto è pronto già da qualche giorno - toccherà ad Ardovino, la soprintendenza potrebbe contare su un responsabile che sarebbe tutt'altro che «un'anatra zoppa», visto che il mandato durerebbe cinque anni (Ardovino andrà in pensione nel 2015 perché solo allora raggiungerà i quarant' anni di servizio) oppure, pensando a un contratto breve, potrebbe scadere nel 2013 e non l'anno prossimo. In questo modo concluderebbe la carriera a Napoli? «Sì, se così fosse. Ovviamente non bisogna dimenticare che sono un funzionario e vado dove il ministero ritiene sia più utile». Quali pensa siano le priorità da affrontare? «Non posso risponderle perché al momento non ho nessun titolo». Ma il momento è particolare, per Pompei: sta per partire la Fondazione. «Guardi, incaricare un esperto in un momento di tale importanza, e per tutto il tempo che sarà ritenuto necessario, potrebbe essere una buona soluzione e servirebbe a preparare uno spazio interessante per chi verrebbe dopo». E già stato a Napoli? «Sì. Per circa un anno, tra il 1985 e il 1986, negli ultimi anni in cui era responsabile Giuseppina Cerulli, insomma durante il periodo del dopo terremoto, ho lavorato a Pompei. Facevo parte di un gruppo di progettazione che era stato formato a Roma e da quella città, ogni mattina, venivamo a lavorare negli scavi». Conosce la situazione pompeiana, dunque? «Abbastanza, credo. E per la verità non mi pare che sia un contesto operativo così difficile sia per il personale sia per l'area archeologica». E sa che la Pompei archeologica è anche un «centro di veleni?“ «Ma è anche un posto pieno di gente brava e capace, checché se ne dica». Insomma, pensa che lavorerà bene? «Se ne parlerà se è quando sarò nominato soprintendente”.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news