LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Nazionale, l´ultimo affondo da novembre orario dimezzato. Fondi tagliati, costretta a ridurre l´apertura
LAURA MONTANARI
MERCOLEDÌ, 22 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Firenze


Non bastano i soldi per il prestito libri e per i facchini che fanno la spola dal Belvedere

"Anche se ci daranno i 50mila euro promessi arriviamo a gennaio"


Il conto alla rovescia è cominciato. Se non arrivano nuove risorse, alla fine di novembre la Biblioteca Nazionale di Firenze dovrà pensare di ridurre l´orario di apertura al pubblico. Non più tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 8,15 alle 19 (e mezza giornata il sabato), ma magari come è già successo a luglio aprire solo la mattina o soltanto in certi giorni. Lo dice la direttrice, Ida Fontana che ieri ha incontrato una delle associazioni dei lettori spiegando che «da 200mila euro l´anno i fondi per il personale di una cooperativa esterna che svolge mansioni che vanno dal prestito dei volumi al facchinaggio, al ritiro e alla consegna degli ordini all´emeroteca di Forte Belvedere sono ridotti a un quarto: 50mila euro».
«Al ministero hanno detto che faranno il possibile per darcene altri 50mila, ma se anche fosse arriveremmo al massimo a gennaio» prosegue Fontana che dal 28 novembre lascerà la direzione di questa che è la più grande biblioteca italiana: 120 chilometri lineari di scaffali per 6 milioni di volumi, 25mila manoscritti e oltre 350mila fascicoli di periodici l´anno. In piazza Cavalleggeri dovrebbe approdare tutto quello che viene pubblicato in Italia e lì dovrebbe essere catalogato e archiviato. Dovrebbe. «In realtà col blocco delle assunzioni e la diminuzione dei dipendenti oggi, dei 70mila volumi che ci arrivano ogni anno, ne cataloghiamo 40mila». Il resto si accumula. Stessa cosa per i giornali: 7mila catalogati su 15mila testate. Il resto rimane nei magazzini, non accessibile al pubblico, in attesa di tempi migliori. «Siamo preoccupati - spiega Lorenzo Peri, 25 anni, a un passo dalla laurea in Lettere e animatore un´associazione di lettori della Nazionale - Non possiamo più stare fermi a guardare, vogliamo organizzare una giornata di mobilitazione generale che coinvolga intellettuali, ricercatori, politici per accendere i riflettori sul valore di questa istituzione. Ci piacerebbe poter realizzare un concerto dentro la biblioteca coinvolgendo il Maggio Musicale. Non possiamo accettare una riduzione dell´orario di apertura perché chi fa ricerca ha bisogno di consultare i libri tutti i giorni. Chiudere le sale è uccidere la missione e il ruolo stesso della Nazionale». Nei giorni scorsi si è mossa la commissione cultura di Palazzo Vecchio che sta preparando una mozione in difesa di «quest´eccellenza che non è soltanto fiorentina ma di tutto il Paese». «Il paradosso è che proprio in concomitanza dei suoi 150 anni - ha detto il presidente Leonardo Bieber (Pd) - la Biblioteca rischia di veder compromessa o ridimensionata la propria attività». Del caso si è occupato il presidente della Provincia Barducci e quello del Quartiere 1 Marmugi.
La Nazionale di Firenze ha oggi 196 dipendenti di cui 45 sono lavoratori part time, quella di Parigi ne ha 2.500, Londra 1260. «Dal ministero ci hanno offerto dei tavoli informatici con video touch screen - riprende Ida Fontana - Io ho spiegato che mi servono soldi per tenere aperte le sale, fondi per sopravvivere più che arredi. Sto contrattando con Quadrifoglio di cedere una piccola area esterna in affitto per permettere loro di interrare i cassonetti e a noi di ridurre il debito che abbiamo di 93mila euro nel pagamento della tassa sulla nettezza urbana. A questo siamo ridotti». Da quattro anni non si spolverano più i libri, da tempo è sospesa la conversione del catalogo da cartaceo a digitale, nei magazzini giacciono 200mila volumi ancora da sistemare negli scaffali. E poi l´intonaco dei muri con le ombre delle luci al neon levate dieci anni fa, il nastro isolante lungo il corrimano delle scale, il bar chiuso da tempo, il lucernario che lascia filtrare la pioggia e le sedie scassate nella sala consultazione. Questa è la fotografia di oggi della prima biblioteca italiana.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news