LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - E la Polverini: "Le nuove norme rispettino la legge" - Edilizia, la ricetta Ciocchetti "Premi di cubatura al 60%" - Il rischio di una nuova pioggia di cemento
LAURA MARI
MERCOLEDÌ, 22 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Roma



L´assessore all´Urbanistica "Così pensiamo di modificare il piano casa"


Per rilanciare il settore dell´edilizia la Regione pensa al raddoppio del premio di cubatura, con il conseguente rischio di cementificazione delle aree più pregiate del Lazio. «Nel nostro Piano casa - ha annunciato l´assessore regionale all´Urbanistica Luciano Ciocchetti - stiamo lavorando su alcuni coefficienti per il premio di cubatura e penso che alla fine quello che sarà applicato sarà molto vicino al 60 per cento». Un modo, insomma, per andare incontro alle richieste del presidente dell´Acer Eugenio Batelli, che ieri durante l´assemblea annuale ha sollecitato l´aumento dei premi di cubatura. «La sua non è una proposta assurda - ha proseguito Ciocchetti - dobbiamo dare una premialità alta, il 30 per cento attuale non è sufficiente e infatti non ne ha usufruito nessuno». L´ipotesi allo studio della Regione, dunque, è quella di raddoppiare il premio di cubatura per cui, in sostanza, chi demolirà e ricostruirà un edificio potrà aumentare le cubature probabilmente fino al 60 per cento.
Un´idea, quella delle cementificazione del Lazio, che sembra piacere anche alla governatrice Renata Povlerini. «Se vogliamo spingere la gente a rinnovare il proprio alloggio - ha sottolineato la presidente della Regione - o diamo un premio di cubatura alto, oppure lo strumento perde efficacia». Poi però, forse per arginare le future proteste degli ambientalisti, la governatrice fissa qualche paletto. «Le nove norme - assicura Polverini - dovranno però essere in linea con le legislazioni di garanzia dell´urbanistica. Su questo vigileremo sicuramente».


"Cantieri fermi e imprese in crisi Ormai siamo allo stallo totale"
Batelli, presidente dell´Acer: "Persi seimila posti di lavoro"


"Per ogni miliardo di euro investito nel settore si produce occupazione per almeno 23 mila persone"

ANDREA RUSTICHELLI
I costruttori romani fanno quadrato contro il fantasma della crisi e incalzano le istituzioni. Eugenio Batelli, presidente dell´Acer, ha squadernato le sue proposte ieri all´assemblea dell´associazione. Gianni Alemanno, Renata Polverini e Nicola Zingaretti hanno ascoltato attentamente il suo intervento. Il dato-choc fornito da Batelli è il calo del 45% nel valore degli appalti dal 2008 al 2010 e la conseguente perdita di 6.000 posti di lavoro. «Oggi la situazione ha subito un´ulteriore involuzione, tanto da farci trovare nel mezzo di una pesante crisi: le imprese stanno smantellando la loro organizzazione». Un punto di partenza reso ancora più grave dall´incidenza economica del settore: un milione di euro investito in edilizia, secondo l´Acer, attiva un giro d´affari da 1,79 milioni e ogni miliardo consente di creare complessivamente 23mila posti di lavoro.
Come leve della riscossa, Batelli chiama in causa «le capacità imprenditoriali» dei costruttori e «il senso di responsabilità delle istituzioni». A queste l´Acer chiede semplificazioni burocratiche («negli appalti dal bando di gara all´inizio dei lavori si accumulano 4 anni») e un patto di cooperazione tra pubblico e privati per le infrastrutture e l´edilizia popolare. Cessione dei diritti edificatori, interventi urbanistici privati, utilizzo degli immobili dismessi (caserme, depositi), manutenzione stradale in cambio di spazi pubblicitari, restauro dei beni archeologici e architettonici in cambio del loro parziale utilizzo: queste le proposte dei costruttori per sopperire alle carenze di cassa degli enti locali. Ma non manca uno spiraglio di fiducia: su scala nazionale fa ben sperare l´incremento del 2,3% nel primo trimestre rispetto al 2009 nella compravendita delle case e del 13,7% nella stipula dei mutui. Segno che il settore privato delle costruzioni è alimentato da una buona richiesta («segnali che indicano la strada da percorrere»). Le richieste di Batelli, che evoca il Gran Premio di Formula 1 e le Olimpiadi del 2010 («occasione irripetibile») riguardano il contesto pubblico: rete infrastrutturale, sistemi per la mobilità, servizi e decoro urbano. L´Acer parla di deficit di infrastrutture allarmante ed elenca l´agenda («ci aspettiamo che la nuova amministrazione regionale passi dai progetti ai cantieri»): collegamento autostradale Roma-Latina, la Roma-Viterbo, la Orte-Civitavecchia, la Civitavecchia-Livorno e il completamento della strada dei monti Lepini. E poi c´è la scelta del nuovo aeroporto, che dovrà sostituire Ciampino.
Per il traffico di Roma (7 milioni di spostamenti quotidiani e 2,8 milioni di veicoli circolanti), l´Acer chiede l´integrazione del Piano strategico per la mobilità nel Piano Regolatore. In ballo c´è lo sblocco di un miliardo in fondi privati per costruire parcheggi (un totale di 53mila posti auto). E per le periferie (Infernetto, Centocelle, Tor Bella Monaca) la ricetta è «la sostituzione edilizia» nonché più fondi dal Piano Casa Regionale.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news