LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A volte può capitare di avere un tesoro a casa senza rendersene conto.
IL TEMPO 22/09/2010


Come è accaduto a Vienna, al proprietario di un quadro del Seicento dipinto dal fiammingo Frans Francken II, un'Allegoria della virtù e del vizio.


Il suo legittimo possessore non sopportava più quest'opera a sfondo moraleggiante e così decise di venderla ad 80.000 euro. Caso o lungimiranza hanno voluto, però, che prima di cederla egli si rivolgesse agli esperti della casa d'aste Dorotheum. Ammirata la qualità dell'opera, la direzione di Dorotheum consigliò al fortunato signore di mettere il quadro all'asta con una stima di 400-500.000 euro e di lasciar decidere il mercato. Miracolo: l'opera è stata aggiudicata a 7 milioni di euro, uno dei migliori risultati raggiunti quest'anno a livello internazionale per un dipinto antico. E questa è stata la dimostrazione che durante la crisi i quadri degli antichi maestri non hanno registrato la forte volatilità che ha colpito il settore dell'arte contemporanea e hanno saputo difendere meglio i valori consolidati. D'altro canto con la somma necessaria per acquistare una sola opera di una star del contemporaneo si può costruire un collezione d'arte antica di livello internazionale. E perfino molti artisti contemporanei e i loro galleristi investono gli sterminati profitti degli ultimi anni comprando antichi maestri. Di tutto questo si è parlato ieri nel convegno intitolato «Arte e investimento: la fortuna dei Dipinti Antichi» ed organizzato dalla casa d'aste Dorotheum nella strepitosa cornice di Palazzo Colonna, in vista delle aste viennesi in programma dal 12 al 14 ottobre. «I fattori – ha spiegato Mark MacDonnell, esperto di dipinti antichi di Dorotheum – che condizionano il valore di un'opera d'arte antica sono la provenienza, lo stato di conservazione, la qualità pittorica ed il soggetto con un particolare successo per quelli femminili. Ad esempio, "La ragazza con il cappello di paglia" del pittore austriaco Friedrich von Amerling (1803-1887) rispondeva al massimo grado a tutti questi criteri ed è stato aggiudicata ad un milione e mezzo di euro partendo da una stima di 200.000, mentre un suo autoritratto delle stesse dimensioni è stato aggiudicato a soli 45.000 euro: il soggetto non è stato considerato attraente. Insomma, è il mercato ad attribuire il valore economico di un'opera d'arte». Fervente sostenitore del libero mercato, l'avvocato d'arte e collezionista Fabrizio Lemme si è scagliato contro la rigida applicazione da parte del nostro ministero per i Beni Culturali di norme che in pratica vietano l'esportazione di qualunque manufatto artistico. «Sono certo – ha detto Lemme – che se mia figlia volesse portare all'estero per indossarlo l'abito da sposa in seta di San Leucio di mia nonna andrebbe incontro ad un divieto. Io invece tifo per la cultura del libero mercato, quella che scopre e promuove ciò che è nuovo e spesso sottovalutato». Infine, Claudio Strinati, Dirigente generale presso il Ministero per i beni culturali, ha messo in rilievo che «nel mondo della notizia domina solo il feticcio adorato da masse sterminate, si chiami Caravaggio o Van Gogh. Tutto il resto sembra non esistere. Il caso recente del "Martirio di San Lorenzo", da qualcuno erroneamente collegato alla mano di Caravaggio, lo dimostra: agli occhi della gente lo stesso quadro sarebbe stato un capolavoro se attribuito al Merisi mentre sarebbe diventato una crosta se firmato da un artista poco noto».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news