LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA. Carlo Felice, respinte tutte le proposte anti-crisi del cda. Il ministro Bondi: «Un atto irresponsabile»
IL SECOLO XIX 23/09/2010

Muro del sindacato, scatta l'occupazione

l'assemblea dei dipendenti del teatro: no a cassa integrazione e contratti di solidarietà

francesco margiocco


«Non ho mai lavorato così tanto in vita mia». Nicola Lo Gerfo è stanco, ma più che mai agguerrito. In una saletta sotterranea dell'Hotel Plaza, davanti ai microfoni e alle telecamere, il contrabbassista del Carlo Felice, leader del potente sindacato autonomo Fials-Cisal, che da settimane domina la protesta a teatro, annuncia quella che definisce «una scelta drammatica, ma inevitabile».â??
Con un maggioranza di 204 voti - 11 contrari, 5 astenuti - i lavoratori dell'ente lirico genovese hanno deciso di riunirsi in "assemblea permanente". In altri termini, di occupare il teatro. «Vogliamo occuparlo per garantirne il funzionamento - spiega Lo Gerfo - aprendolo alla città con concerti gratuiti. Contro il volere di chi, invece, vorrebbe chiuderlo». Il riferimento è al consiglio d'amministrazione presieduto da Marta Vincenzi e colpevole, dice Lo Gerfo, di avere creato «fortissima tensione e profondo disagio nei lavoratori». Compromettendo «l'immagine del teatro e della stessa città a livello, perlomeno, nazionale».
L'annunciata occupazione coglie di sorpresa i vertici della fondazione lirica. E per una volta trova pienamente d'accordo i suoi principali azionisti: Sandro Bondi e Marta Vincenzi. In un breve comunicato stampa, il ministro per i Beni culturali, Sandro Bondi, definisce «irresponsabile» la forma di protesta decisa ieri dai lavoratori del Carlo Felice. E si augura che sia «accettata quanto prima la proposta formulata dai vertici: utilizzare tutti gli strumenti consentiti dalle leggi sul lavoro per arrivare a un rapido risanamento di questa importante istituzione culturale nazionale». Il sindaco di Genova, con un suo comunicato, fa sapere che «condivide l'appello alla responsabilità» e che «per risolvere l'attuale situazione non vi è alcuna alternativa a quanto formulato dal consiglio d'amministrazione».
La proposta del consiglio d'amministrazione, formulata lunedì e approvata all'unanimità, è chiara. La riassumono, in una lettera inviata ieri sera a tutte le organizzazioni sindacali, Giovanni Pacor e Renzo Fossati. Il sovrintendente e il direttore di staff del Carlo Felice chiedono «il ricorso alla cassa integrazione in deroga a rotazione per un periodo di 4 mesi onde consentire la realizzazione delle attività della residua programmazione 2010». La risposta dei sindacati è altrettanto chiara: tutti, eccetto la Cgil, sono contrari.
Tutti poi, Cgil compresa, chiedono al consiglio d'amministrazione «quello che finora non abbiamo visto, ovvero - spiega Francesco Baldini, impiegato del Carlo Felice e delegato della Cgil - un piano di rilancio del teatro credibile e con le necessarie coperture finanziarie». Settimana scorsa, Giovanni Pacor ha presentato la sua bozza di piano per il 2011 e il 2012. Bozza che però, per ammissione dello stesso sovrintendente, prevede «un disavanzo di circa 4 milioni nel 2011 e di meno di 2 milioni nel 2012». Dovuti al fatto che «i soli ricavi - scrive Pacor nell'introduzione al suo piano - non basterebbero nemmeno a coprire i costi fissi del personale». «Chi coprirà quei costi? Su questo per ora - dice Baldini - il consiglio d'amministrazione tace». Ieri sera, per la verità, la nota stampa di Palazzo Tursi scriveva che un piano «è stato predisposto». Ma quale? Il "piano Pacor", o una sua nuova versione con le "necessarie coperture finanziarie" e ancora sconosciuta ai lavoratori? Marta Vincenzi non commenta, e si limita alle poche righe di comunicato: «il sindaco informa che è stato predisposto il piano di rilancio del Carlo Felice».
«Se ci presentano qualcosa di serio, bene. Rivedremo le nostre posizioni. Ma questo consiglio d'amministrazione - sottolinea Baldini - ha avuto quattro mesi per presentare un progetto serio. Non c'è riuscito. Dubito che ci riesca in pochi giorni». Il termine è il 30 settembre. È stata la stessa Vincenzi a dichiarare, lunedì, che «dobbiamo concludere assolutamente entro settembre». Perché, «ogni giorno che passa perdiamo 45mila euro».
Nella loro lettera, Pacor e Fossati affermano di voler rilanciare il teatro senza ricorrere a licenziamenti, e chiedono «alle organizzazioni sindacali di indire un referendum col quale tutti, una volta informati, possano scegliere» tra la cassa integrazione a rotazione per quattro mesi, o «qualche altra forma di ammortizzatore sociale».
«Non ci saranno né cassa integrazione, né referendum», tuona Marco Raffo, rappresentante regionale del sindacato autonomo Libersind. «Questo consiglio d'amministrazione, secondo me, ha i giorni contati», gli fa eco Roberto Conti, segretario nazionale dello Snater. Se la profezia dovesse avverarsi, al Carlo Felice arriverebbe un nuovo commissario governativo. Con il compito di avviare, in caso di insolvenza, la procedura di liquidazione coatta amministrativa.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news