LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Busto Arsizio - Via Solferino, ruspe al lavoro e la vecchia Busto va in polvere
varesenews, 22-9-2010

Proseguono gli abbattimenti delle case in pieno centro, fra qualche nostalgia e l'attesa per il futuro assetto della zona


Via Solferino viene giù, pezzo per pezzo. Sono ripresi con lena in questi ultimi giorni i lavori di abbattimento per il piano Soceba, mentre parallelamente in piazza Vittorio Emanuele II si lavora allo smontaggio dell'"obelisco", la parte in pietra del monumento a caduti e deportati, mentre la gente passa e alza lo sguardo nel sole battente di fine estate, intuendo appena cosa si muove dietro quella specie di "chador" gigante che pudicamente ricopre i lavori. Fatto il giro dell'isolato, via Solferino è transennata: una dopo l'altra vengono giù le vecchie case già malandate, riprendendo il lavoro avviato a luglio. Un vago sentore di polvere di mattoni invade l'antica via, percorsa da chissà quanti piedi per secoli. Era "lontana dagli occhi e lontana dal cuore" ormai da tempo, via Solferino. Strideva troppo, con il suo silente degrado, con il "salotto buono" scintillante di piazza San Giovanni, con la bella vita degli aperitivi e dello struscio del sabato pomeriggio, con la festa dei giovedì sera d'estate.
Eppure, pur sempre era un portato della storia cittadina, è in questa chiave che va letto anche l'intervento di chi avrebbe voluto, invece di dare il via libera alle ruspe, recuperare pagine del passato ormai perdute. Il progetto Soceba non stravolgerà la natura del centro: alcune caratteristiche perdute da tempo saranno anzi recuperate, come i passaggi pedonali verso piazza Vittorio Emanuele II, la struttura a corti, elemento tradizionale dell'architettura nostrana. Tornerà forse l'elemento perduto, la vita: un negozio, degli appartamenti. Per adeguarli alle esigenze odierne si è dovuto pensare ad un autosilo sotto la piazza. per fare l'autosilo si è dovuto "sacrificare" il monumento e spostarlo: si trovava al posto sbagliato nel momento sbagliato, e ubi maior, minor cessat.

Fra la gente, chi prova un pizzico di rimpianto e chi, più pragmatico, fa spallucce in attesa di vedere cosa emergerà al posto della vecchia via abbandonata. Bastino due voci, raccolte sul posto.
«Ho nostalgia di quel 'vecchiume'» ammette la signora Gabriella Foresti, mentre raggiunge lo studio dei figli poco lontano. «Anche il 'vecchio', purchè ben tenuto, può avere il suo fascino». Sfortunatamente, via Solferino proprio ben tenuta non era. «Vero, ma è vero anche che ai vecchi residenti o proprietari non si davano molte possibilità di agire. Quando invece arriva l'impresa con il suo progetto, tappeto rosso steso in terra». Così va il mondo, da sempre. «Poi per carità, si faranno cose belle, cose meno belle: vorrei solo che la legge, davvero, fosse uguale per tutti».
A pochi metri dalle transenne che sbarrano il passo, c'è una piccola enoteca. Bottiglie fini, per intenditori disposti a investire cifre anche importanti. Renato Pucci è il proprietario. «Sono qui da nove anni, non sono bustocco, questo negozio è un po' il mio hobby, un'attività di nicchia. Sono contento, tutto sommato, che si siano avviati i lavori. La situazione, insomma, era inconcepibile. C'era chi si infilava per questa via e si convinceva di aver sbagliato strada, che non poteva essere questa la via che conduceva verso la piazza principale della città...» Quindi, sostiene, ben venga un intervento di riqualificazione. «Disagi? Non credo, non mi preoccupo più di tanto. Certo, c'è la strada chiusa per gli abbattimenti». È segnalato divieto fino a tutto domani. «Il mio è l'ultimo negozio rimasto in via Solferino, del resto». Con vista sulla basilica di San Giovanni. La via vecchia e in abbattimento e la piazza nuova: l'abbandono fino alla distruzione, e il movimento perenne di un centro dinamico. Tensioni opposte che si dovranno risolvere in una nuova concezione del centro città, mentre le benne continuano a ronfare e cigolare, e rumori di crollo annunciano un altro pezzo della vecchia Busto che se ne va.

22/09/2010



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news