LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L’Unesco chiama, Napoli non risponde
MARCELLO MOTTOLA
Agenzia Radicale, 22-9-2010

“Un altro schiaffo alla città”. Con questo slogan il Comitato Civico Santa Maria Portosalvo ed il Movimento V.A.N.T.O. (Valorizzazione Autentica Napoletanità a Tutela dell’Orgoglio) hanno indetto per venerdì 24 Settembre 2010 alle ore 10 un sit-in all’ingresso di Palazzo San Giacomo per chiedere all’Amministrazione Comunale ed alla Giunta Iervolino la definitiva emanazione del Piano di Gestione per la Città di Napoli.

Il centro storico di Napoli sta rischiando di perdere il riconoscimento Unesco di “Sito Patrimonio dell’Umanità”, un riconoscimento che gli è stato attribuito nel lontano 1995 quando l’allora Ministero dei Beni Culturali promosse la candidatura del centro storico partenopeo con lo scopo di favorirne la tutela, il recupero e la valorizzazione.

“La gestione dell’area si è rivelata più complessa del previsto - rileva Marco Molino, giornalista free-lance e collaboratore de il Sole 24 Ore -, al problema del degrado diffuso, dell’incuria, della decennale chiusura al pubblico di inestimabili beni artistici si è aggiunta la difficoltà di coordinamento tra i diversi soggetti preposti alla loro salvaguardia”.

Una gestione che doveva essere garantita dall’elaborazione da parte del Comune del “Piano di Gestione”. Infatti, ciascuna richiesta d’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale deve essere accompagnata da un documento, il Piano di Gestione appunto, in cui è descritto in che modo s’intende tutelare e valorizzare il sito prossimo a divenire patrimonio mondiale.

Obiettivo primario del Piano di Gestione è quello di assicurare un’efficace protezione del bene, per garantirne la trasmissione alle future generazioni, ma anche di far si che vengano elaborati tutti i sistemi ed i servizi correlati alla fruizione di quel patrimonio culturale (sicurezza, pulizia, accoglienza, esercizi pubblici, alberghi). In ambito nazionale, la legge 20 febbraio 2006 n. 77 “Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani d’interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella lista del patrimonio mondiale, posti sotto la tutela dell’UNESCO” introduce, come un dovere, la redazione dei Piani di Gestione per i siti italiani già iscritti nella Lista.

Molte città italiane hanno già elaborato questo documento come - ad esempio - la città di Firenze, dove la giunta comunale l’ha prima redatto e poi approvato, nel lontano marzo 2006. “Purtroppo Napoli segna un cronico ritardo nell'elaborazione del Piano di Gestione, a differenza delle altre città d'arte italiane - afferma il presidente del Comitato Portosalvo Antonio Pariante -, dal 1995 ad oggi nessuna giunta napoletana si è fatta carico di ottemperare a questo dovere, creando di fatto un caso Napoli, e ora l’UNESCO ha deciso di fronteggiare Il Comune fissando un ultimatum al 28 febbraio 2011”.

Una decisione senza precedenti. Una scelta clamorosa se si considera il valore storico-artistico del centro storico di Napoli e che, come uno “schiaffo”, sembra essere l’unica opportunità da parte dell’Unesco di scuotere gli ambienti governativi napoletani. Oltre all’immagine del capoluogo campano è la stessa economia della città ad essere messa in crisi, ma le condizioni irrevocabili fissate dall’UNESCO, con una data di scadenza oltre la quale le trattative saranno rotte, non debbono apparire come una scelta troppo severa in quanto sono arrivate gradualmente.

“Negli ultimi cinque anni - spiega Marco Molino - le commissioni Unesco hanno compiuto diverse ispezioni a Napoli, riscontrando ogni volta il peggioramento delle condizioni di gran parte dei monumenti cittadini. Ma i pressanti inviti alla stesura di un serio ed immediato programma d’interventi, per il quale l’organismo internazionale ha anche offerto la sua consulenza gratuita, si sono puntualmente scontrati contro un muro di gomma”.

Mentre le energie dell’amministrazione cittadina sono tutte indirizzate al Forum delle Culture 2013, il centro storico di Napoli corre un grosso rischio ed è pronto a “porgere l’altra guancia” rispetto ad “un altro schiaffo alla città”.

http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=11117&Itemid=40


news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news