LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAGLI. Restituita la teca rubata
CORRIERE ADRIATICO, 24 SETTEMBRE 2010



Il reliquario di Sant’Anna era stato trafugato poche settimane fa


Cagli

Forse pentiti del furto sacrilego, sono stati i ladri stessi a riconsegnare la teca con quelle che secondo la tradizione popolare sarebbero le reliquie di Sant'Anna, la madre di Maria, rubata nelle settimane scorse dalla chiesa di Santa Chiara. Dopo il furto, l’Aamministrazione comunale aveva annunciato un premio in denaro, 500 euro, per chiunque avesse fornito notizie utili a ritrovare la teca. Ieri invece, ignoti hanno deposto sull'altare che ospitava il grande reliquiario ligneo la scatola di vetro e metallo con i sigilli in ceralacca contenente i frammenti di reliquia della santa venerata dalle puerpere. Ora sono in corso accertamenti dei carabinieri del Nucleo per la tutela del patrimonio culturale di Ancona, alla ricerca di eventuali impronte.

Soddisfatta la giunta per la riconsegna spontanea della teca “che non è stata profanata”, anche se manca il reliquiario in legno. Il vicesindaco Alberto Mazzacchera fa sapere che il premio è confermato. Andrà a chi fornirà “anche in via strettamente riservata, notizie utili per l’individuazione dei malfattori”.

Il furto era avvenuto ai primi del mese e versosimilmente in un orario in cui la chiesa di Santa Chiara era aperta. Infatti non c’era stata alcuna asegnalazione attraverso il sistema antifurto di cui l’edificio di culto è dotata, così come non era stata rilevata alcuna forzatura delle porte d’ingresso. Il fatto aveva destato grande scalpore in tutta la cittadina sulle rive del Burano, soprattutto per il grande affetto che tradizionalmente lega i cagliesi alla chiesa dove il reliquario era custodito. Posta nel centro storico, a ridosso dell’ospedale, ha costituito costantemente un punto di riferimento della religiosità popolare proprio per la presenza delle reliquie di Sant’Anna, protettrice delle donne in gravidanza e verso la quale ci si è sempre rivolti per i ringraziamenti ogni volta che nasceva un bambino.

Sull’onda dell’accaduto, molti a Cagli avevano reclamato la necessità di interventi per sorvegliare spazi ed edifici d’interesse pubblico, utilizzando le telecamere. In questo caso sono stati sufficienti le regole elementari che da anni vengono seguite per i beni culturali e cioè quella della schedatura di ciascuno, con la descrizione e la fotografia. Sistema per scongiurare che oggetti come il reliquario di Sant’Anna vengano messi in circolazione attraverso piccoli commercianti di antiquariato, magari utilizaando le bancarelle dei tanti mercatini del genere diffusi in tante parti d’Italia.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news