LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Una cena speciale? Prendo in affitto il museo
Letizia Cini
La Nazione 24/09/2010

Arte & business. Piaccia o faccia storcere il naso, la tendenza è quella di far quadrare i conti, anche ‘affittando’ luoghi sacri come musei, ville medicee, giardini storici o antichi palazzi.

Lo sa bene la Soprintendenza fiorentina, che di questa tendenza ha fatto tesoro, "sempre salvaguardando e tutelando l’immenso patrimonio che ci è stato affidato", conferma Marco Fossi, della segreteria del Polo museale, che di questa attività si occupa da anni. "Ad aprire la strada è stata la legge Ronchey nel 1993, ma il vero ‘applicatore’ è stato Antonio Poalucci, ministro sotto il governo Dini nel ‘96, una volta rientrato a Firenze — sottolinea Fossi — . Da allora le cose sono andate avanti, e oggi riusciamo a portare nelle casse della Soprintendenza 2-300mila euro ogni anno grazie ad aperture straordinarie, cene, concerti, convegni o altri eventi che vengono organizzati in musei, ville e giardini di proprietà dello Stato italiano, che compongono il cosiddetto Polo museale fiorentino, appunto".

Con 10mila euro circa (oltre al costo per i dipendenti che devono necessariamente essere in servizio e all’indispensabile assicurazione), ecco che per molti — ma non per tutti — è possibile cenare nel giardino di Boboli, al Bargello, a Pitti, ma anche a Palazzo Davanzati, all’Accademia (nella Sala del Colosso), nel museo di Orsanmichele. E agli Uffizi? "Lì è vietato introdurre vivande — riprende il segretario del Polo — : è possibile godere di un concerto nella sala del Botticelli, ma per mangiare occorre spostarsi sulla terrazza".

Fra i luoghi più gettonati? "Le Ville medicee di Poggio a Caiano e della Petraia — confida Marco Fossi — . Certo, ci sono regole ferree da rispettare, non ‘affittiamo’ a privati per scopi personali (niente matrimoni, insomma), ma a enti, associazioni, ordini professionali. Inoltre i pavimenti devono essere coperti con la moquette e spesso, oltre al canone per la serata, si riesce a ottenere anche la sponsorizzazione per un restauro". "Posso assicurare — conclude — che chi sceglie questo tipo di location è sinceramente interessato al contesto, apprezza e rispetta l’arte e, in tanti anni, non si sono mai verificati inconvenienti. Non solo. La cosa più importante è che si crea un’affezione speciale con il ‘contenitore’: chi viene per una cena o un evento, torna come visitatore".

Anche il Comune ha importato a far rendere i suoi spazi, mettendo a disposizione tre sale del Palazzo della Signoria, compreso il Salone dei Cinquecento, che tra venti giorni ospiterà il ‘Ballo del Giglio’ con Carolina di Monaco. "Dodici le cerimonie effettuate in Palazzo Vecchio (Salone dei Cinquecento o Sala de’ Dugento o Sala degli Elementi) dal primo gennaio 2010 ad oggi promosse da soggetti privati", fanno sapere i responsabili. "Il totale delle entrate per l’uso delle Sale, alla data odierna, è quantificabile in 55.859,80 euro, oltre 3mila di biglietti per la cerimonia del 21 settembre 2010 — specificano i portavoce del Comune, fornendo anche quattro esempi di cerimonie promosse dai cosiddetti ‘soggetti esterni’: "Due congressi medici da 5.045,04 euro l’uno, il Premio Città di Firenze della Società Chimica Italiana da 5.276,88 euro e il convegno nazionale della Federazione Cavalieri del Lavoro da 5.503,68 euro che si terrà il 2 ottobre, ma è già stato pagato".



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news