LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - "Non siamo favoriti diamo molto alla città"
SARA CHIAPPORI
SABATO, 25 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Milano

Ci accusano di essere un contenitore, ma il nostro è un festival accessibile a tutti per i prezzi popolari e la trasversalità delle proposte

Micheli, bilancio e progetti futuri: "Potremmo essere la colonna sonora dell´Expo"


MiTo si conferma il festival dei grandi numeri. Chiuso il sipario sulla quarta edizione, i conti son presto fatti. In 22 giorni di programmazione per 261 eventi, solo a Milano gli spettatori sono stati 96.345, a cui si aggiungono i 36 mila del Fringe.
Francesco Micheli, presidente di MiTo, quest´anno sembra andata addirittura meglio del 2009.
«Non me l´aspettavo nemmeno io. Una vera esplosione. Con un dato che mi entusiasma più di altri: MiTo svolge una funzione di apostolato presso il pubblico. I prezzi bassi, l´agilità della comunicazione, l´apertura alle nuove tecnologie portano nuovi spettatori alla musica. Le faccio un esempio: il concerto di Pollini in Conservatorio. Lui stesso se ne è accorto per primo, c´era un pubblico con l´entusiasmo dei neofiti, caldissimo. Per dirla con una battuta, la forza di MiTo è smitizzare una certa sacralità vetusta. È un festival accessibile a tutti».
Forse anche troppo. Secondo alcuni MiTo ha il limite di essere un contenitore senza una linea artistica precisa.
«Non sono d´accordo. MiTo funziona perché invita il pubblico all´interattività. Di fronte a tante proposte ciascuno si costruisce il suo percorso. Avere l´imbarazzo della scelta mi pare positivo».
Quest´anno i finanziamenti pubblici sono scesi da 3 milioni a 2.750.000. Rispetto ad altre manifestazioni ridotte anche del 50% non è poi un taglio così ingente. Si sente un favorito?
«Tutt´altro. MiTo è stato valutato per quel che offre e produce per la città, anche in termini di indotto».
Non le sembra che, mentre altre realtà culturali arrancano, MiTo goda di un trattamento speciale?
«Al contrario. Le istituzioni che lei cita, anche quelle che non ci amano, noi le coinvolgiamo, le facciamo lavorare e quindi le favoriamo. Non con spirito di elargizione, ma di collaborazione. Non siamo un´orchestra in competizione con altre orchestre, siamo un festival che in pochi anni si è fatto conoscere nel mondo. E che, stando al sondaggio di Mannheimer, gode di grande popolarità presso i milanesi. Un dato su tutti: il 45% dei milanesi sa che cos´è MiTo, anche se non l´ha mai frequentato».
Facile quando si può investire molto nella comunicazione.
«Abbiamo speso tanto il primo anno, perché dovevamo far sapere della nostra esistenza. Quest´anno su Milano, Torino e su tutto il territorio nazionale abbiamo speso 800.000 euro».
Gli eventi meglio riusciti di questa edizione?
«Difficile dirlo. Potrei citarle l´"African Day" all´Elfo con musicisti di Tunisia, Nigeria e Algeria, ma anche la Messa in si minore di Bach in San Marco: straordinaria. E poi la parata dei Giannizzeri, davvero emozionante».
A questo proposito, il focus dedicato alla Turchia ha creato qualche malumore politico ma è stato molto gradito dal pubblico. Per l´anno prossimo ha già in mente un altro paese?
«Stiamo pensando a un focus sull´anniversario dell´Unità d´Italia. Il 2011 poi sarà anche il bicentenario della nascita di Liszt».
Francesca Colombo, coordinatore artistico e segretario generale di MiTo, è stata nominata sovrintendente al Maggio Fiorentino. Che cosa ne sarà del suo incarico?
«Li terrà entrambi, ha dimostrato di farcela benissimo».
Nessuna incompatibilità?
«E perché? È bravissima, una vera macchina da guerra. Anzi questo doppio incarico potrebbe produrre sinergie interessanti».
Guardando al 2015, come si colloca MiTo nella galassia Expo?
«Non si colloca. Farà la sua edizione a settembre e poi, se l´idea piace, potrebbe occuparsi della colonna sonora dei sei mesi dell´Expo».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news