LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. Musei, una nave nella burrasca
Cesare Suchi
Resto del Carlino 24/9/2010

Manca il sapere scientifico

Musei per una notte (come accadrà oggi, nella kermesse dei ricercatori), bianca, rosa, gialla, nera, che ormai non se ne può più. O anche musei per qualche giorno, con le Giornate del Patrimonio, un po' dure da celebrare se si è convinti che i luoghi della cultura sarebbero fatti per vivere di luce propria durante tutto l'anno. Non è facile, dopo l'allarme sul futuro di MAMbo lanciato l'altro ieri dal presidente Sassoli, ragionare di musei e politica culturale senza usare la penna della preoccupazione e della piena emergenza. La nave barcolla paurosamente, gli strumenti di bordo segnano bufera stabile', e si tenta di procedere a vista. Verso dove, boh? Se poi nello scafo si aprono altre falle, meglio non farci tanto caso. Diamoci da fare per svuotare l'acqua della stiva e tiriamo avanti. Alla riparazione provvederemo una volta in porto. Che è il peggiore degli errori. Perché l'emergenza, lo stato di crisi, ha anche questo di pericoloso, che induce a occuparsi del momento e a sospendere lo sguardo in prospettiva, dimenticando che senza quest'ultima gli interventi immediati valgono come cerotti pronti a staccarsi alla prima ondata. La cultura di una città è una rete di conoscenza, di socialità, di servizi, di investimenti: o tutti i nodi tengono, o tutta la rete si sfila e si sfonda. La falla aperta nel disinteresse generale, e non da oggi dato che, chissà perché, quando qui diciamo cultura pensiamo solo agli artisti, agli scrittori, ai musicisti e al cinema si chiama sapere scientifico. E' un pezzo che manca, ignorato più che trascurato, alimentato per quel che si può dal festival annuale La scienza in piazza' della Fondazione Marino Golinelli, e per il resto confinato nell'idea decrepita che per l'affermazione di Bologna ci siano molte cose che contano pi dello scheletro di un tirannosauro o delle apparecchiature usate da Augusto Righi per i suoi esperimenti. Il discorso non si esaurisce nello SMA, il Sistema Museale d'Ateneo dell'Alma Mater, abbonato alla vita grama. Ma prima, andrebbe ricordato ai distratti, che dire scienza, a Bologna, non significa solo rievocare una tradizione assolutamente degna di stare alla pari con quella dei Carducci e dei Pascoli. La scienza, qui, è l'innovazione tipica delle nostre piccole e medie aziende; è il cavo contenente ben 312 fibre ottiche che, per le sue dimensioni, una volta ultimata la rete MAN a cui lavora la società Lepida, consentirà i collegamenti degli uffici centrali del Comune con i quartieri, le biblioteche, le scuole e persino con le centraline che regolano gli accessi al centro storico. E scienza è Marconi che è là a Villa Griffone, un mausoleo, una casa e dei campi entrati nella leggenda, ma allo stesso tempo un centro studi e una sede di seminari e di convegni d'alto rango. Possibile che tutto ci ricada sulla città, sulla sua consapevolezza, sul suo senso di sè, unicamente in occasione degli anniversari del nostro inventore, e sempre e soltanto come un'eco di tamburi lontani? Ancora una volta, torna in scena il rapporto assente tra città e università. Non è una lacuna nuova neanche questa, ma è due volte imperdonabile perché tra Palazzo Poggi e i musei dell'ateneo si distilla tutto il succo della Bologna della scienza. I musei universitari, a cui va aggiunto quello civico del Patrimonio Industriale, nell'abbattersi dei tagli ai bilanci, si aggrappano all'impegno di alcuni docenti, al volontariato, alla vecchia convinzione che le visite delle scolaresche bastino a garantire la missione della divulgazione scientifica. Non è così, e anche a Palazzo d'Accursio qualcuno potrebbe capire. Dietro al museo scientifico universitario c'è un dipartimento, o una cattedra d'eccellenza, di chimica, di fisica, di scienze naturali. C'è la famosa ricerca. E perché dovremmo continuare senza che quei musei parlino alle imprese, ai turisti, al tessuto economico, al territorio? Ma è ben vero. La miseria può rendere spreconi e fifoni. Hai un tesoro nelle mani e temi, per inedia, che il tavolo malfermo su cui potresti esibirlo non regga. O, meglio, che tenga solo per una notte.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news