LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SANSEPOLCRO - “Villette in collina? Ecco i veri numeri”
24.09.2010

Innocenti soddisfatto dell’iter del Piano strutturale in Consiglio.

Repliche a Brilli e Marcucci. L’assessore all’urbanistica: attacchi strumentali con cifre fasulle.

Fabrizio Innocenti Assessore all’urbanistica

Il Piano Strutturale? Sta marciando bene in Consiglio. La polemica sulle villette in collina? Strumentale. Fabrizio Innocenti, assessore all'urbanistica del comune biturgense, interviene deciso sulle questioni del momento in ambito politico-amministrativo a Sansepolcro. Fornendo spiegazioni e non lesinando stoccate. “Sono soddisfatto - comincia - dell'iter legato al Piano Strutturale in consiglio comunale. Dopo l’esame delle controdeduzioni alle osservazioni di carattere generale, siamo adesso a quelle presentate dai privati cittadini, che richiedono anche minor tempo. Siamo giunti a metà dell’opera, di questo passo e considerando il calendario fissato delle assisi dedicate all'argomento, ritengo che i tempi stimati per l'ultimazione del dibattito possano anche accorciarsi. Sono convinto che il Piano strutturale, fatte salve le debite posizioni di ogni parte politica, è atteso dall'intera collettività. Per cui il mio credo è quello di evitare le polemiche e di andare avanti, in modo da varare uno strumento che sia di valido supporto per il futuro della città e per le sue esigenze”. Le polemiche non mancano però sul versante legato alla collina e alle famose villette. Molte le richieste di chiarimenti da parte delle opposizioni, addirittura una petizione popolare. “Sono deluso - dice Innocenti - da amministratore ma anche da cittadino, delle strumentalizzazioni portate avanti sull'argomento. Anche perché si basano su numeri falsi. La speranza, ma anche la certezza, è quella di sapere che la gente sa ragionare con la sua testa e non è propensa a farsi abbindolare”. Parliamo allora di questi “numeri” cercando di spiegarli. “Un dato su tutti - precisa Innocenti - e cioè che per quanto riguarda l'analisi collinare, il nostro piano conta unità abitative ridotte del 50% rispetto a quello che fu varato dalla precedente amministrazione. Abbiamo cancellato oltre 196mila metri quadrati di aree edificabili tutte localizzate sulla media collina e di notevole impatto visivo, paesaggistico, ambientale, infrastrutturale in cui sarebbero state costruite circa 70 nuove abitazioni. Abbiamo poi perimetrato una zona che, è bene ribadirlo ancora una volta, non è un'area edificabile, ma un'area dove è prevista una modesta quantità di superficie utile lorda edificabile di circa 3mila metri quadrati, da utilizzare sia per ampliamenti ad edifici esistenti che per nuove costruzioni. Ma non basta: vengono considerate assolutamente non edificabili le aree di tutela delle ville storiche e di tutti gli edifici storici di pregio, le aree boscate, gli uliveti, le aree con terrazzamenti, quelle con pericolosità geomorfologiche elevate. Nelle restanti aree saranno distribuite e localizzate le, eventuali, nuove costruzioni, che dovranno comunque rispettare rigide prescrizioni per il loro corretto inserimento e la loro armonizzazione con il contesto”. Nonostante ciò non sono mancati strali alle scelte sue e dell'Amministrazione, arrivati anche dai “piani alti”.

“Ho saputo e letto di interventi fatti sull'argomento da parte del professor Attilio Brilli e dell'onorevole Andrea Marcucci del Pd. Del professor Brilli apprezzo l'acuta sensibilità mostrata nella fattispecie. Magari un po’ tardiva, perché se l'avesse rivelata anche nei decenni scorsi forse si sarebbe mosso con identica sollecitudine per denunciare gli scempi perpetrati alla collina, questi sì reali, in passato. Quanto alle richieste dell’on. Marcucci, auspico che una interrogazione parlamentare venga fatta, ma basata su dati certi. E al proposito voglio rivelare una cosa: in tanti anni di attività, come imprenditore, il sottoscritto ha ricevuto un unico avviso di garanzia: era il 1993, in occasione di una fornitura, alla sua azienda, di un manufatto in cemento per una zona sotto vincolo della Garfagnana di cui non mi avevano messo a conoscenza”

Francesco Del Teglia

http://www.corrierediarezzo.it/news.asp?id=66


news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news