LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'ambasciatore Ding: Roma capitale dell'Anno Culturale della Cina in Italia
Lucia Pozzi
Messaggero - Roma 25/9/2010

«Roma capitale degli eventi del nostro Anno Culturale»
L'ambasciatore Ding Wei: «Tra mostre, forum e concerti oltre cento iniziative»

«Stiamo lavorando a più di cento iniziative tra spettacoli, mostre, forum, meeting e concerti. E Roma sarà la capitale di questo Anno Culturale della Cina in Italia». Parla con tono solenne Ding Wei, che da questa primavera è il nuovo ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese, forte di un master in letteratura e di esperienze di studio, oltre che di incarichi diplomatici, che lo hanno portato a vivere prima in Inghilterra e poi negli Stati Uniti. Dai vertici del Ministero della cultura, a Pechino, ha preso il timone dell'Ambasciata di via Bruxelles carico di buone intenzioni, «perché c'è ancora molto lavoro da fare per approfondire la conoscenza reciproca tra i nostri popoli, stemperare le conflittualità che traggono linfa dalla diffidenza e radicare sempre pi i sentimenti di amicizia e condivisione che hanno legato i nostri due Paesi in questi quarant'anni di relazioni diplomatiche». La prossima settimana sarà a Roma la presentazione ufficiale dell'Anno Culturale, insieme a un grande ricevimento per i 40 anni dei rapporti diplomatici Cina-Italia. Il primo di ottobre ricorrerà anche l'anniversario della fondazione della Repubblica Popolare. Cosa vi aspettate da questa fase di grande esposizione diplomatico-culturale della Cina? «Che si riducano le distanze. Come è avvenuto in Cina quando nel 2006 abbiamo celebrato l'Anno Culturale dell'Italia, che ha consentito al grande pubblico di conoscere e apprezzare le vostre qualità, la storia, l'arte.., in Occidente si sa troppo poco della Cina, soprattutto di quella Cina che si è aperta al mond6 dagli anni Ottanta e che, spesso, è molto diversa da come viene descritta». Arriveranno anche delegazioni d'imprenditori, per stringere accordi economici? «Certamente. sigleremo importanti intese commerciali. E il 7 ottobre, sempre a Roma, premieremo dieci personalità italiane che si sono distinte per aver incoraggiato e sostenuto in modo rilevante i rapporti tra i nostri Paesi in diversi settori. Poi ci saranno mostre, spettacoli, incontri sulla cooperazione ambientale e l'innovazione tecnologica, iniziative con giunte tra i giovani cinesi e italiani, a Roma come a Milano, Torino, Firenze, Napoli, nelle Marche...». Tutte queste iniziative giocheranno un ruolo importante, ma non pensate si possano migliorare le nostre relazioni facendo qualcosa di più anche per arginare la contraffazione? A Roma ormai è all'ordine del giorno l'individuazione di magazzini gestiti da cinesi con merci false e nocive alla salute... «E' un fenomeno che danneggia tutti. La Cina condanna fermamente ogni forma di falsificazione e di alterazione che mini la qualità dei prodotti. L'importante, però, è non fare di tutte le erbe un fascio, perché la realtà cinese in Italia non è certamente solo quella della contraffazione». Roma è anche capitale dei diritti, con il suo cuore pulsante al Colosseo che si illumina regolarmente contro la pena di morte e mobilitazioni di piazza che coinvolgono i più alti rappresentanti delle istituzioni oltre alla gente comune. Cosa ne pensa, rappresentando un Paese al top per il numero delle esecuzioni capitali? «Sempre più Paesi aboliscono la pena di morte, ma molti la conservano. Penso che non possa esserci un modello unico valido per tutti e che ogni Stato debba essere libero di scegliere quello che risponde maggiormente alla propria storia, tradizione, cultura, realtà sociale. La Cina presta grande attenzione alla tutela del diritto alla vita e decide con molta cautela sulla pena capitale attraverso una procedura giuridica severa che rimette la parola definitiva alla sola Corte Suprema». Quindi, non dovrebbe esserci nessuna mobilitazione sociale per l'iraniana Sakineh, condannata alla lapidazione, nè un dibattito internazionale aperto sull'esecuzione dell'altra notte a carico di Teresa Lewis, in Virginia... «Ogni Paese deve poter decidere autonomamente se applicare o meno la pena capitale e definire la procedura giuridica per comminarla. In Cina si è animato un dibattito sociale su larga scala sulla pena capitale. E la tendenza è quella di arrivarci con sempre maggiore cautela».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news